Efesini 6:12 - Il nostro combattimento non è contro carne e sangue

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

“Avevo una forza che non era mia, era come se qualcuno si fosse impossessato di me”. È la dichiarazione di Martina, la madre di Elena… la piccola uccisa in Sicilia.
Ha agito come se non fosse lei, come se avesse avuto una forza sovrannaturale alla quale non ha potuto resistere e non c’è stato un pensiero che l’ha potuta frenare. Era come annebbiata”. Ha detto il suo avvocato.

Parole da brivido che fanno arrabbiare molti che pensano siano solo delle scuse.
Purtroppo la società ha perso cognizione di una grande verità: esistono forze malvagie che ottenebrano le menti delle persone.
Questo non da nessun alibi alla madre, giustizia deve essere fatta ma… riflettiamo.

Una madre che uccide la sua figlia è oltre l’umano. Una madre avvelenata dalla gelosia e dal rancore verso il suo ex compagno. Un veleno di un terrible serpente.
Il vero nemico in tutta questa storia non è la mamma ma le forze del male (ripeto per non creare equivoci, giustizia deve essere fatta senza nessuno sconto).
Paolo dirà che il nostro combattimento non è contro carne e sangue ma contro i principati, le potenze e i dominatori di questo mondo di tenebre. (Efesini 6:12)

Fantascienza? Niente affatto.
Una realtà sempre più presente!
L’unico rimedio a tutto questo è appartenere ad un altro regno. Un regno dove governa il Re Gesù Cristo. Lui è amore e luce.

Un regno dove gli ultimi sono i primi e chi vuole essere il primo è il servo di tutti.
Un regno di giustizia e pace.
Elena questo mondo non era degno di te ma non è questa l’ultima parola. 



Dio ci benedica,
Antonio Morra

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Autore: l’apostolo Paolo
    Data di composizione: circa 62 d.C. (dal carcere, da Roma).
    Parola chiave: “in Cristo”.

  • Riflessione serale, e da 4 soldi, su questo passo... Si arriva alla sera, probabilmente, con molte tensioni relazionali ed interiori. Quello che ci chiede e suggerisce la Parola qui non è di trovare la soluzione ad ognuna di esse e quindi coricarsi finalmente in pace ma, piuttosto, di fermarsi e lasciare ai piedi del Signore ognuna di esse.
    Questo darà serenità alla nostra mente e al corpo.

    Domani sarà un altro giorno e avrà il suo peso. Ma adesso, stop.. nella consolazione del Signore...

  • 9 ott 2016
    Agape di Fondi 2016, il messaggio del fratello Andy (Coordinatore scuola a distanza di IBEI) per ricordare il Signore Gesù Cristo in quello che....

  • È possibile avere il corpo di un atleta, l'intelligenza di un genio o la personalità di una superstar ma non avere la vera vita. Cosa significa vivere veramente? Cosa significa avere nuova vita in Cristo? Perchè è necessario? L'apostolo Paolo mette a fuoco l'essenza della nuova vita contrastando quello che eravamo per natura con quello che siamo in Cristo. In questo contrasto vediamo splendere la ricchezza della grazia, misericordia e amore di Dio per noi in Cristo Gesù.

  • Educare alla vita i propri figli. Gli anni dell'adolescenza sono per divertirsi o per prepararsi? - Il fratello Rinaldo cominciando dal libro agli Efesini, capitolo 6, racconta la sua esperienza nel crescere i figli, alla luce della Bibbia. Un insegnamento valido per tutti i genitori.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta