Ecco un motivo per piangere

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
E uno spettacolo tremendo quello che ho raffigurato proprio ora - il nostro Signore che porta la croce e le donne che fanno cordoglio. Ma quanto più spaventoso è quello che mi sta davanti agli occhi!
 
Vedo un'anima che porta con sé lo strumento della sua propria distruzione e prosegue il suo corso verso la morte! Il peccato è la croce a cui l'anima è legata e le abitudini e le depravazioni sono i chiodi.
 
L'anima porta il suo peccato e ama farlo. Va verso la sua esecuzione, ma ad ogni passo ride. Ogni passo la porta verso l'inferno, eppure ciò la fa divertire! Ecco, essa si fa beffe della voce che l'ammonisce, e ogni beffa ne accresce la colpa. Guarda alla sua fine, alla sua fine eterna. Guarda attentamente, con calma e sguardo tremante. Non è uno spettacolo spaventoso?
 
Quanto più lo sarebbe se vedessi te stesso come in una visione o tuo figlio nello specchio della profezia! Se è il tuo caso, ti scongiuro: Pentiti del tuo peccato, piangi per la tua condizione e corri a Cristo per trovare rifugio! E se si tratta di tuo figlio, non darti riposo, implora continuamente pietà al trono della grazia finché non avrai afferrato la benedizione di Dio sulla tua discendenza.
 
Non cessare mai di pregare finché i tuoi figli e le tue figlie non sono al sicuro sulla Roccia dei Secoli così da non avere bisogno di nessuna altra roccia dove nascondersi nel giorno in cui Cristo verrà.
 
Ti supplico, chiedi a Dio passione per i peccatori, per tutti i peccatori, e lascia che il tuo amore si dimostri in preghiere ferventi, in sforzi incessanti, e in una compassione santa per tutti quelli che sono senza Cristo.
 
Il resto del sermone è allegato
 

AllegatoDimensione
PDF icon per_quale_ragione_dovremo_piangere.pdf922.86 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Di seguto l'edificante studio/meditazione di Samuele Negri sul tema della salvezza.
    Fu esposta in 4 parti nell'agosto del 2003 al campo biblico per ragazzi svoltosi a Poggio Ubertini.
    Di seguito i 4 file mp3

  • "E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio" (Lettera ai Gala ti 4:6-7).

  • È venuto in casa sua e i suoi non l'hanno ricevuto; ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome,
    Giovanni Cap. 1
    --------
    Un insegnamento chiaro:,

  • Luca 23 - Continuando nell'analisi dei discorsi di Gesù con le persone che lo incontrano giungiamo ad uno dei diaologhi più particolari considerato il luogo e la circostanza.  Assaporariamo nuovamente la meravigliosità del nostro Signore Gesù:

  • ---» Chi crede nel Figlio ha vita eterna; chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui. - {Giovanni 3:36}

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri