Stranieri in Italia. Oltre metà sono cristiani. Evangelici in crescita

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Continuate nell'amore fraterno. Non dimenticate l'ospitalità, perché alcuni, praticandola, hanno ospitato senza saperlo degli angeli. Ricordatevi dei carcerati come se foste loro compagni e di quelli che sono maltrattati, sapendo che anche voi siete nel corpo - Ebrei 13

Un commento di Paolo Naso, coordinatore del programma rifugiati e migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), Mediterranean Hope, sui dati relativi all'appartenenza religiosa dei nuovi residenti.

Sono state diramate ieri 24 luglio dalla fondazione Iniziative e studi sulla multietnicità (ISMU) le elaborazioni su dati ISTAT relative all’appartenenza religiosa degli stranieri residenti in Italia.

I dati, aggiornati al 1 gennaio 2019, parlano di 2.815.000 fedeli cristiani, pari al 53,6% del totale: cattolici, ortodossi, evangelici e altri cristiani. Fra questi, solo gli evangelici sono in crescita relativa, essendo stimati in 183.000 persone, con un aumento di oltre 50.000 unità rispetto all’anno precedente. I musulmani rappresentano invece il 30,1% dei residenti mentre circa 500.000 sono gli stranieri atei e agnostici.

Nel frattempo più di 111.000 stranieri residenti hanno ottenuto la cittadinanza italiana e il saldo nascite-morti e arrivi-ripartenze fa sí che il quadro si presenti costantemente in evoluzione.

«La stima generale conferma dati largamente consolidati come quello della prevalenza dei cristiani, mentre come noto la percezione diffusa è quella di una massiccia presenza islamica» ha dichiarato Paolo Naso, coordinatore del programma rifugiati e migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), Mediterranean Hope, nel commentare i dati ISMU.

«Altre stime – continua Naso – accreditano la componente evangelica e protestante di una cifra più alta, composta soprattutto da immigrati del West Africa, dell’est Europa e di alcuni paesi asiatici. Un dato molto complesso da definire, ad esempio, resta quello sempre più rilevante degli evangelici cinesi. Ma forse più che la dimensione quantitativa, nel caso degli evangelici è interessante esplorare la dinamica qualitativa della loro presenza. È soprattutto nel mondo evangelici, infatti, che si registrano esperienze di chiese multietniche e internazionali che hanno una funzione importante nei percorsi di integrazione e inclusione sociale».

Le altre appartenenze religiose sono così ripartite: 136.000 (2,6%) buddisti, 114.000 induisti (2,2%), 80.000 (1,5%) persone di altre fedi cristiane, 49.000 sikh (0,9%), 16.000 (0,3%) copti. Per quanto riguarda le provenienze, la maggior parte dei musulmani stranieri residenti in Italia provengano da Marocco, Albania, Bangladesh, Pakistan ed Egitto. I cristiani cattolici provengono prevalentemente da Romania e Filippine mentre i cristiani ortodossi da Romania e Ucraina.

Fonte: Riforma.it

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri