Sguardi (non)innocenti

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La donna, in questo secolo e negli ultimi decenni in maniera esponenziale, è sottoposta al piacere dello sguardo maschile, in quanto "oggettizzata" all'estremo tanto che essa stessa ha interiorizzato tale pratica. Questo movimento di sguardi che ci hanno insegnato da un secolo a rendere abituale e consueto, è stato da John Berger ben riassunto – e ancor meglio problematizzato – nella formula: “Gli uomini guardano le donne. Le donne guardano se stesse mentre sono guardate”....

in questo, e in questi tempi ancor più "pervertita", sembra realizzarsi, quindi, la profezia:

"i tuoi desideri si volgeranno verso tuo marito ed egli dominerà su di te" Genesi 3

La dona che negli occhi dell'uomo, o degli uomini, trova il modo di piacersi in soddisfazioni effimere e fugaci quanto le occhiate degli uomini sul corpo mercificato delle donne...

Se questo meccanismo è vero, come parrebbe, altre profezie si realizzano quali l'egoismo....

2Tm 3:1 Or sappi questo: negli ultimi giorni verranno tempi difficili; 2 perché gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanagloriosi, superbi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, irreligiosi, 3 insensibili, sleali, calunniatori, intemperanti, spietati, senza amore per il bene, 4 traditori, sconsiderati, orgogliosi, amanti del piacere anziché di Dio, 5 aventi l'apparenza della pietà, mentre ne hanno rinnegato la potenza..

In questa complicità tra uomo e donna ci si scontra con il cuore perennemente insoddisfatto, ingannato dalla grande bugia che è: "la gioia è lontana da DIo", e per questo si disgrega la società, le vite, le famiglie...
Non c'è rimedio che può tamponare, leggi sul bullismo o cyber bullismo, sull'omofobia poi lo stalking un'infinita di norme e, infine, il triste e sempre mediaticamente spettacolare e in grado di fare odiens tra una pubblicità e l'altra, il conteggio delle vittime.

Il problema oggi, come sempre, resta dentro l'uomo e non fuori.

In nome della libertà e dell'anticonformismo, alla fine, siamo più legati e conformisti di qualche decennio fa, anche se molto più infelici e soli... ingannati.

Stupisce come tutto fosse profetizzato ma, ancor di più, stupisce che il braccio del Signore è teso, anche oggi, proponendo l'unica cura possibile.. tornare indietro...

Tornare a Dio che è amore ed è buono.
Alleluia!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri