Salmo 55:22 - Che fare in queste condizioni

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Getta sull' eterno il tuo peso" Salmo 55:22.
Portare un peso può essere giusto e può essere sbagliato, e noi dovremmo saper distinguere. Non dovremmo mai portare il peso del peccato e del dubbio; ma ci sono altri pesi che Dio stesso mette su di noi e che Egli non intende toglierci di dosso, ma vuole che siano da noi riportati a Lui. "Deponi sul Signore quello che Egli ti ha dato" (RV margine). Se intraprendiamo un lavoro per il Signore e contemporaneamente perdiamo il contatto con Lui, il peso della responsabilità ci schiaccerà; ma se riportiamo a Lui quel peso che Egli ha posto su di noi, Egli ci toglierà di dosso il senso di responsabilità facendoci vivere la realtà della Sua presenza.
Molti servitori del Signore vanno a compiacere il loro lavoro con grande coraggio e molta buona volonta, ma senza essere in stretta comunione con Gesù Cristo; e dopo breve tempo sono allo stremo. Essi non sanno cosa fare con quel loro peso che li fa sentire così stanchi, e intanto la legge commenta: "Che amara fine per un inizio così bello!" "Riporta il tuo peso all' Eterno"; finora lo hai portato tutto da solo, ma ora portalo con Dio, mettine un' estremità sulle Sue spalle. "L'imperio riposerà sulle sue spalle." Affida A Dio "Quello che Egli ti ha dato", non gettarlo via ma ponilo su di Lui, e te stesso insieme col peso; il saperti in compagnia te lo renderà più leggero. Non dissociarti mai dal peso.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Un salmo profondamente messianico, nel senso tecnico del termine. Tuttavia resta, insieme alla stupefacente profezia, l'esperienza di un uomo, Davide, in una dura prova. Come reagisce? Cosa possiamo imparare? Da un incontro tra fratelli la meditazione del salmo 22.

  • "Ed ecco passava l'Eterno... un vento forte e impetuoso squarciava i monti e spezzava le rocce davanti all'Eterno, ma l'Eterno non era nel vento. Dopo il vento il terremoto, ma l'Eterno non era nel terremoto dopo il terremoto un fuoco, ma l'Eterno non era nel fuoco, dopo il fuoco una voce come un dolce sussurro..." (1 Re cap. 19 v. 12 )
  • E' un onore poter riscrivere la mia testimonianza ed avere l'opportunità di dare, grazie a Dio, speranza e incoraggiamento a chi ne avesse bisogno.
    Mi chiamo Davide, vivo a Sesto San Giovanni (Milano) sono nato il 22/09/1971 e dall'età di 16 anni, cioè dal 3/07/87 convivo, abbastanza bene, con una emiparesi sinistra causata da un trauma post-operatorio dovuto ad un'asportazione tumorale (gangliglioma - 17 casi in Italia) nella zona cerebrale destra.
    Da allora la mia vita è cambiata!
  • ,
    Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri