1 Corinzi 4:6-21 - Orgoglio oppure umiltà, qual'è la vera forza?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

1° Corinzi 4:6-21 - Proseguiamo lo studio domenicale sulla lettera ai Corinzi dell'apostolo Paolo. In particolare il capitolo 4 della prima lettera. Affrontiamo anche oggi, con l'aiuto del fratello Giuseppe Martelli, un'altra questione delicata che riguardava la chiesa di Corinto come le chiese locali di oggi. L'orgoglio il quale non si limita a fare danni all'individuo ma anche agli altri infatti la superbia diviene vangalgoria, la vanagloria si trasforma in gelosia, e la gelosia sfocia nella contesa. Ascoltiamo e mettiamo in pratica.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • «Ma se voi, il vostro popolo e la vostra nazione, rifiuterete di onorarmi, se disprezzerete i miei comandamenti, ecco ciò che mieterete: Io, il Signore, vi umilierò e spezzerò il vostro orgoglio. Perderete e scialacquerete la vostra forza e vi toglierò potere e prestigio. I vostri nemici prevarranno su di voi, vi deruberanno dei vostri beni e privandovi della prosperità. Sarete debitori, non prestatori; improvvisamente, conoscerete il terrore e il dolore».
  • Durante la festa dei battesimi si celebra il ricordo di quello che ha fatto il SIgnore. Un simbolo che ci fa guardare lo stesso Dio anche oggi e ci aiuta ad un momento di riflessione nella nostra coerenza.

  • La Bibbia, a differenza di quanto generalmente si possa credere se non la si conosce, è sempre molto chiara sui concetti fondamentali della vita dell'Uomo, maschio e femmina. Argomenti che vengono affrontati senza velo e che inquadrano nel giusto modo, cioè nel pensiero di Dio che è il nostro bene, gli aspetti cruciali della nostra esistenza di anime che possiedono dei corpi.
    La questione sesso nel pensiero di Dio, che ne è l'artefice?

  • La parola amore è, probabilmente, una delle più inflazionate, usate, abusate nel nostro dizionario. Spesso affermiamo di amare anche se, nella pratica, ciò che amiamo è noi stessi.  Scopriamo cosa significa amare leggendo 1° Corinzi 13:1 e ascoltando il commento del fratello Maurizio.

    Nel prologo un saluto al caro fratello Rinaldo Diprose, ora nella gioia del Signore.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri