Nel fango

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Stolto fui quel di'.
Cadere alle tue lusinghe.
Bugie sincere,
han reso ebbro il mio cuore.

Qual maschera vestisti,
per spogliare il mio animo.

Ignudo fui raccolto.
Tenue carezze al mio volto,
da Mano invisibile.

Oh Dio! Adorabile.
Pulendomi dal fango.
Felicemente piango.

Immenso sei Tu Signore.
Ami questo peccatore.

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Signore, asciuga questo pianto.
    Di peccare sono stanco.
    Che sia vano il pregare?

    Attonito resto a guardare.
    Mi sento un angelo caduto.
    Dal senno perduto.
    Confuso nel mondo ostile,
    dal comportamento vile.

    Esso carpisce dolcemente,
    avviluppando la mente,
    con fuochi fatui,
    con dolci giuochi,
    con ammalianti bugie.
    Destami nelle tue vie.

    Guida il mio camminare.
    Guida il mio pensare.
    Guida il mio guardare.

  • Il Salmo 51, un salmo penitenziale, fu composto da Davide dopo il suo grande peccato con Betsabea, per colpa del quale si rese colpevole, tra altre cose, di adulterio e di assassinio. Fu scritto nell'angoscia e con un senso di grande disgusto per se stesso. La potenza dello Spirito di Dio aveva toccato il cuore del peccatore. Anche se il pentimento non ha in sé alcun merito, esso è tutto quello che possiamo portare a Dio; rappresenta la consapevolezza, da parte dell'uomo, di non avere nulla da offrirgli.
  • AMMIRIAMO LA BELLEZZA DELL' ETERNO
    NON L' EFFIMERO CHE BRUCERA' NELL' AVERNO
    TUTTO PASSA E' VACUO E FUGGE
    IL TEMPO CALPESTA E DISTRUGGE

    ...E SE TUTTI MI HANNO ABBANDONATO
    CERTO L' ETERNO MI GUIDERA' PER MANO
    L' ETERNO LA MIA DIFESA IL MIO SCUDO
    MI RIALZA SE SON CADUTO
    L' ASTUTO SCOCCHERA' IL SUO DARDO
    ...MA L' ETERNO E' IL MIO BALUARDO

     

  • Fregiati di falsa albagia
    Saturi di ipocrisia
    Viviamo di apparenze
    Sfuocate trasparenze
    Esteriorità e dualità
    Esaltata personalità
    Smodate parvenze
    False coerenze
    Dissidi spirituali
    Profani intellettuali
    Caos che pare ordine
    Defluisce in abitudine
    Non ancora decifrato
    Da tutti onorato
    Queste verità divelte
    Da Dio saranno sconvolte.

    SdP

  • Io chi sono?
    Vapor che par evolve
    Fumo in breve si dissolve
    Io chi sono?
    Un fior narciso
    D'improvviso reciso
    Si crogiolava al sole
    Un guizzo...appassito muore
    Io chi sono?
    Una figura che appare
    Una luce balenare
    Uno sprazzo scompare
    Senza avviso...senza avvisare
    Io chi sono?
    Una farfalla colorata
    Di variopinti toni abbellita
    Leggiadra di fiore in fiore
    Dimenticata...muore
    Nulla io sono
    Se a Dio non chiedo perdono

    SdP

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri