Matteo 5:8 - Beati quelli che sono puri di cuore: essi vedranno Dio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

C.S.Lewis, nel suo libro Diario di un dolore dice: “È opportuno dire che i puri di cuore vedranno Dio perché solo i puri di cuore vogliono davvero vederlo”. Gesù non sta parlando di una purezza rituale, ovvero dell’ubbidienza perfetta al sistema dei sacrifici e della legge, ma della devozione intima nel voler seguire Dio. Questo non è qualcosa che possiamo ottenere da sole perché siamo esseri umani peccaminosi ma può essere solo il risultato della redenzione che la morte e la resurrezione di Cristo hanno provveduto per noi: adesso siamo purificate, pulite e giustificate.

Gesù ci dà un’immagine chiara di cosa sia la purezza: una mente integra e devota nel cercare Dio. Invece di avere un cuore diviso che salta da un amore all'altro, il puro di cuore desidera la comunione solo con Dio e ne sarà pienamente soddisfatto. Solo coloro che sono affamati e assetati della giustizia di Dio saranno soddisfatti e solo a coloro che sono devoti unicamente a Dio sarà dato quello che desiderano.

Dio, dammi un cuore nuovo che cerchi solo Te! Aiutami a vedere la non integrità del mio cuore che ama altre cose oltre te e purificami da ciò che amo più di Te e che mi distrae da Te. Conquista tutto il mio amore, Dio!

Beati quelli che sono puri di cuore: essi vedranno Dio.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "Perchè guardi la pagliuzza nell'occhio di tuo fratello e non scorgi la trave che è nel tuo occhio?" - Uno dei passi più famosi della Bibbia, ma cosa significa? Farsi i propri affari? Giudicare? Si, no? Scopriamo, per metterle in pratica, queste importante informazioni e comandamenti lasciati da Gesù ai suoi discepoli.

    Matteo 7 dal versetto 1 al versetto 14.

    --------------------
    Roma 16.12.2007

  • Esci fuori dalla realtà e ascolta la voce di Dio, per immergerti nella realtà e affrontarne le sfide Come possiamo rispondere ai tanti bisogni che la vita reale ci propone, senza essere sovrastati dalla frustrazione dovuta ai nostri fallimenti? Il brano di oggi ce ne fornisce la chiave, mediante due episodi concatenati: la trasfigurazione e la guarigione del giovane indemoniato.

  • Luca 15 - Matteo 18 - Attraverso questa parabola ripetuta dal Signore Gesù, in contesti diversi, impariamo questa importante lezione pastorale: Eri una pecorella perduta? Sei stato ritrovato dal Buon Pastore? Ora hai un incarico da parte del Tuo salvatore.

    Nicola Berretta
    Roma 21 agosto 2016

  • Autore: sconosciuto. Potrebbe essere Matteo, uno dei Dodici, come ritenevano molti “Padri della Chiesa”.
    Data di composizione: quasi certamente tra il 60 e il 70.
    Lingua originale: è stato scritto in ebraico, destinato agli Ebrei e in seguito tradotto in greco.
    Concetto centrale: Ecco il tuo Re! (21:5).

    Note varie:

  • Matteo 28 - Spezzare legami creando catene in Perù oppure li dove ti ha messo il Signore
    Immanuel Martella
    Roma 11 ottobre 2020

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri