La mia sicurezza nelle fiamme

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Forse questo breve racconto vi farà sorridere. Erano mesi che i miei genitori mi invitavano a fare quel passo, ma non mi avevano costretto, perché volevano che prendessi io stesso la decisione. Quando finalmente la presi, mio padre portò in giardino un cestino pieno di carta. Mia sorella e mio fratello vennero ad incoraggiarmi. Mio padre diede fuoco alla carta e, quando si alzarono le prime fiamme, vi gettai quell’oggetto a cui tenevo tanto.

Di che cosa si trattava? Che età avevo? Avevo cinque anni ed era il mio succhiotto di gomma che avevo deciso di bruciare, e che fino a quel momento mi aveva dato un senso di sicurezza.

Non ero mai andato a letto senza, ed ora la mia sicurezza se ne andava nelle fiamme.

Dovevo imparare a vivere senza il mio succhiotto. Diventando adulto e cristiano, ho dovuto fare delle scelte difficili per il Signore. Ho dovuto imparare ad abbandonare i rifugi che trovavo in famiglia e a porre personalmente la fiducia in Dio per ogni nuova situazione. È un apprendistato che dura ancora oggi.

Il Signore ci insegna a rinunciare a certe nostre sicurezze. Vuol farci avanzare verso nuovi orizzonti, con rinnovata fiducia in Lui. Se facciamo il passo dell’ubbidienza confidandoci in Lui, gli saremo più vicini e sarà Lui stesso a guidarci. Non dobbiamo essere delusi se il Signore ci toglie qualcosa che ritiene possa farci rallentare nel cammino della fede.

Egli non desidera altro che darci sempre ciò che ha di migliore.

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”  - edizioni “il Messaggero Cristiano” - Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri