La casa buia nascondeva un segreto

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Non mi piaceva la sensazione di paura e umiliazione che stavo provando mano a a mano che mi avvicinavo alla casa di campagna dei miei genitori. Se solo non avessi avuto quegli stramaledetti rimorsi di coscienza, forse, tenendo duro ancora un po', avrei potuto dimostrare a tutti che non ero un perdente ...
 
La porta era socchiusa e le luci spente. Anche quelle del giardino. Persino il vento quella sera era insolito. Alla soglia dell ' ingresso il mio cuore sembrava volesse scoppiare, tanto batteva forte.
 
La casa della mia infanzia, adesso, mi appariva come lo scenario di un film horror in cui io ero la vittima designata da fare a pezzi.
 
Certo, l'avrei meritato.
Quando, alcuni anni prima, ero andato via di casa, col mio gruzzolo in tasca e sicuro di essermi reso odioso ai miei, mai e poi mai avrei pensato di tornare.
Mi ripugnava l'idea della famiglia; mi sentivo stretto e continuamente giudicato a causa del mio stile di vita. Così avevo deciso di andarmene il più lontano possibile.
 
Ma il mondo che mi stava aspettando non era migliore di me. Era fatto di individui senza scrupoli che si prendevano gioco degli altri usando i loro corpi e i sentimenti per poi buttarli via quando non servivano più. Se ci tenevi alla tua pelle dovevi essere furbo e svelto. Solo che loro erano stati più furbi e più svelti di me.
 
Per scampare l'inferno dei debiti e degli strozzini mi ero creato un giro di di sgraziati pronti a tutto per una dose. Era un circolo vizioso che mi trascinava alla disperazione.
 
Cominciai a provare disgusto per la vita che facevo. Avrei dato qualsiasi cosa per potermene liberare! Ma non avevo più niente: né soldi, né reputazione, né dignità.
 
Per di più quello che avevo disprezzato della mia famiglia, ora lo desideravo come mai prima.
 
Sognavo di tornare dai miei, ma avevo fatto loro del male e me ne vergognavo.
Sarebbe bastato dirgli: "Mi dispiace, ho fatto un gran macello, scusatemi, se potete"?
 
Fu tutto ciò che riuscii a balbettare alla segreteria telefonica di mio padre per dirgli che sarei tornato.
Perché mai, all ora, mi stupivano quel buio e quel silenzio della bella villa di famiglia?
 
Quando si accesero le luci della sala da pranzo, non riuscivo a credere ai miei occhi. C'erano proprio tutti! Amici d'infanzia, parenti, addirittura i vicini!
 
Mio padre e mia madre al centro. E non avevano il coltello tra i denti!
 
Si erano mobilitati con tanto di fischietti e uno striscione: "Bentornato a cas ... " Non ebbi il tempo di finire di leggerlo che mio padre, davanti a tutti, mi si buttò al collo abbracciandomi forte.
 
Piangemmo insieme, stretti l'uno al l'altro.
Roba da far sembrare una farsa la trasmissione della Carrà.
 
Prima di quella sera non avevo saputo cosa fosse una festa. Conoscevo i rave party e le notti sfrenate. Ma non conoscevo il perdono e la gioia che ne deriva.
 
Non lo avevo chiesto a nessuno, il perdono, fino a quel giorno.
 
Essere riaccolto, tenuto forte da un padre che non aveva mai smesso di amarmi e che ora non mi rinfacciava niente, ma che solo piangeva dalla gioia di rivedermi, fu la vera festa della mia vita.
 
Quella sera tirammo fino al mattino e quando andai a letto esausto, mi tornò alla mente una storia che avevo letto da bambino e che avevo sempre considerato una favo la: era scritta nel Vangelo di Luca, nel capitolo 15. Ed era vera!
 
Lucio Stanisci
 
Da: Punti Fermi
Rivista trimestrale di informazione cultura evangelica
Anno II n. 2 - Aprile Giugno 2001

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Ritratto di alex

Benedici anima mia l'Eterno... Egli è colui che ti perdona tutte le iniquità, che sana tutte le tue infermità.
Quanto è lontano il levante dal ponente, tanto Egli ha allontanato da noi le nostre trasgressioni. Salmo 103: 2,3,12

Egli non serba l'ira sua in perpetuo, perchè si compiace di usare misericordia. Egli tornerà ad avere pietà di noi, si metterà sotto i piedi le nostre iniquità e getterà nel fondo del mare tutti i nostri peccati. Michea 7:18-19

Tu hai mutato il mio dolore in danza; hai sciolto il mio cilicio e mi hai cinto d'allegrezza. Salmo 30:11

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • LA TRAVE NELL'OCCHIO - "Allora Natan disse a Davide: «Tu sei quell'uomo!»" (2 Samuele 12:7)
     

  • ,

    Colossesi 3:12-17 - Niente ti fa dimenticare, dolori, rancori, delusioni. Puoi arrivare al vertice della tua carriere, puoi ottenere tutto quello che desideri ma se nel tuo cuore c'è amarezza una sola è la cura: il perdono.

    Il fratello, con una rivisitazione veloce della storia di Giuseppe, ci illustra come il perdono è fonte di guarigione nel proprio cuore e fondamento dell'insegnamento di Gesù... il perdono apre gli occhi all'opera di Dio...

  • Luca 7 Gesù in casa di Simone, il fariseo - 36 Uno dei farisei lo invitò a pranzo; ed egli, entrato in casa del fariseo, si mise a tavola. 37 Ed ecco, una donna che era in quella città, una peccatrice, saputo che egli era a tavola in casa del fariseo, portò un vaso di alabastro pieno di olio profumato; 38 e, stando ai piedi di lui, di dietro, piangendo, cominciò a rigargli di lacrime i piedi; e li asciugava con i suoi capelli; e gli baciava e ribaciava i piedi e li ungeva con l'olio.

  • Qui il video
    Mimica eseguita nella tenda itinerante "Cristo è la risposta"

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri