Giovanni 16:23 - Tutto sarà chiaro

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Ed in quel giorno non rivolgerete a Me nessuna domanda." Giovanni 16:23. - Quando sarà "quel giorno"? Quando il Signore asceso in cielo ci avrà fatto entrare in una comunione perfetta col Padre;in quel giorno saremo "uno" con Lui, come lo è Gesù, ed "in quel giorno" dice Gesù, "non rivolgete a Me nessuna domanda." Fino a che non si manisfesterà in te la vita di risurrezione di Gesù, avrai molte domande da rivolgerGli; ma ad un certo punto troverai che non ce ne sono più, non hai più nulla da chiedere: ora sei in uno stato di dipendenza completa e di fiducia assoluta nella vita di rissurrezione di Gesù e sei in perfetta armonia con la volontà e gli scopi di Dio. Stai vivendo questa vita, ora? E se non è così, perché? Vi possono essere molti punti oscuri, che il tuo intelletto non sa spiegarsi, ma non sono questi a interporsi fra il tuo cuore e Dio. "E in quel giorno non rivolgerete a Me nessuna domanda", non ne avrai bisogno, sei assolutamente certo che Dio risolverà ogni cosa secondo la Sua volonta. Le parole di Giovanni 14:1 si sono tradotte in realtà nel suo cuore, e non ci sono più domande da rivolgere.

Se vi è qualche mistero che non sai penetrare e che si frappone fra te e Dio, non cercare dunque il rimedio in una spiegazione che possa esserti data dall' intelletto; cercalo nella tua disposizione interiore, perché è certamente in quella sede che si trova l' ostacolo. Quando sarai veramente disposto a sottomettere la tua vita alla vita di Gesù, allora tutto diventerà perfettamente chiaro e raggiungerai lo stato in cui ogni distanza, ogni separazione tra il Padre e te, Suo figliuolo, è tolta via, perché il Signore ti ha fatto "uno" con Lui; allora, " in quel giorno non rivolgerete a Me nessuna domanda".

L'impegno per l'Altissimo.
Oswald Chamber.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Giovanni 20:1-18 - La risurrezione. Maria Maddalena, guarita e liberata da sette demoni, è quella si reca alla tomba di Gesù il Cristo. Il pianto si trasforma in gioia incontenibile.
    Elio d'Andrea
    Roma 17 marzo 2019

  • Arrivato dunque Gesú, trovò che Lazzaro che era già da quattro giorni nel sepolcro.
    Or Betania distava da Gerusalemme circa quindici stadi.
    E molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle del loro fratello.

    Marta dunque, come udí che Gesú veniva, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa.
    Marta disse a Gesú: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto, ma anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà».
  • Giovanni 12:32 - L'inferno è il luogo dell'esclusione - Gesù chiama TUTTI a se. Il sermone è preceduto da tre letture ed una preghiera. Versetto del sermone Giovanni 12:32 (Gesù parla): "e io, quando sarò innalzato dalla terra, trarrò tutti a me".

  • Giovanni 8 - 30 Mentre egli parlava così, molti credettero in lui. 31 Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: «Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; 32 conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». 33 Essi gli risposero: «Noi siamo discendenti d'Abraamo, e non siamo mai stati schiavi di nessuno; come puoi tu dire: "Voi diverrete liberi"?» 34 Gesù rispose loro: «In verità, in verità vi dico che chi commette il peccato è schiavo del peccato.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri