Giovanni 11:40 - Intimità sublime

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

"Gesù le disse: non t'ho detto che se credi tu vedrai la gloria di Dio?" Giovanni 11:40.
ogni qual volta ti avventurerai nella ita di fede, ci saranno sempre alcune circostanze sostenute dal tuo buon senso che si ergeranno contrastando la tua fede, e la fede non è buon senso; essi hanno fra loro lo stesso rapporto che c' è fra il naturale e lo spirituale. Riesci ad avere piena fiducia in Gesù Cristo, anche quando questa fiducia non è condivisa dal tuo buon senso? Riesci ad avanzare eroicamente nella vita sulla base delle affermazioni di Gesù anche quando, secondo il tuo buon senso, i fatti gridano: "E' tutta una menzogna"? Sul monte della trasfigurazione è facile dire: "Oh, certo, credo che Dio possa agire in questo modo"; ma poi devi scendere nella valle degli indemoniati ed  affrontare situazioni che sembrano irridersi di tutto quello che credevi sul monte della trasfigurazione. Ogni volta che il programma di ciò che devo credere mi appare chiaro, accade che qualcosa lo contraddica. Dichiaro di credere che Dio supplirà ad ogni mio bisogno e poi mi trovo senza denaro e senza prospettiva in vista; sarà allora che si vedrà se saprò sostenere la prova della fede, oppure se sprofonderò ad un livello più basso.
La fede deve essere messa alla prova, perché diventa un posssso personale solo attraverso il conflitto. Contro che cosa sta lottando ora la tua fede? La prova che sta attraversando dimostrerà che essa è viva, oppure la ucciderà. "Beato chiunque non si sarà scandalizzato di Me." L'atto decisivo è avere fiducia in Gesù; credi finalmente in Lui, ed ogni lotta che dovrai sostenere servirà a far sviluppare la tua fede. Tutta la vita di fede è un susseguirsi di prove, e l' ultima e la più grande è la morte. Che Dio ci mantenga sempre ben equipaggiati per il combattimento! La fede è sicurezza incrollabile in Dio, sicurezza che non dubita mai minimamente che egli ci starà accanto.
L' impegno per l' Altissimo.
Oswald Chambers.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).

    ----------

  • Rimaneva ancora un altro numero da provare. Quando composi questo  numero, non nascondo che ero parecchio preoccupato ma non dimenticherò mai il cambiamento che avvenne in me quando anche questo tentativo andò a vuoto.
     
    Improvvisamente mi sentii di essere nelle mani del buon Padre celeste. Non c'era più niente che io potessi fare ma proprio per questo motivo sentivo una grande pace. Avevo esaurito ogni mia possibilità così non avevo altra scelta se non di affidare le sorti di tutti noi al Signore che può ogni cosa.....
  • Nella Parola di Dio mi viene detto di credere, ma in cosa devo credere? Mi viene detto di cercare, ma cosa devo cercare? Qual è l'oggetto della mia speranza, della mia fiducia e del mio credere?
     
    La risposta è semplice: l'oggetto della fede, per ogni peccatore, è Gesù Cristo. Tanti commettono l'errore di pensare che devono credere in Dio Padre, invece questa è la conseguenza della fede in Cristo.
  • Un dialogo conil teologo valdese Paolo Ricca. Sabato, 05 aprile 2014. Domande sulla fede cristiana
    Un colloquio sulla disaffezione nei confronti del cristianesimo, sull’ateismo, i nodi che dividono le confessioni e il futuro dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso.
    Bibliografia: Paolo Ricca

  • La grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata. Tito 2:11
    Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, in virtù della redenzione realizzata da Cristo Gesù. Romani 3:23,24

    (Luca 15:11, 32)

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri