Fede relazionale - Nicola Berretta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Libro consigliato: Fede relazionale - Come si fa a credere in qualcosa che non si comprende? Come si fa a credere in qualcosa che cozza contro la nostra logica razionale? Domande del genere esprimono quel muro
d’incomunicabilità che separa coloro che professano di credere in Dio da coloro che dichiarano di fondare le proprie convinzioni solo ed esclusivamente sull’uso della ragione, cioè a dire su ciò che è sperimentalmente vericabile.
L’autore, sulla base della sua competenza di ricercatore di neuroscienze, ma anche di lettore della Bibbia, raccoglie la sda presentandoci la trama di una fede relazionale: un’avventura dell’esistenza che intreccia mente e cuore, logica razionale e logica relazionale.

Nicola Berretta
È responsabile di una chiesa evangelica di Roma (Borgata Finocchio). È laureato in Scienze Biologiche e Dottore di ricerca in Neuroscienze di base. Lavora come Dirigente di ricerca presso la Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma.

01. La fede di Abraamo
02. Staticità e dinamicità della fede biblica
03. Il centro della fede: Gesù
04. Il lato oscuro della ricompensa
05. Credere, anzi, amare
06. Il retrogusto amaro della fede
07. Conflitti tra verità idealmente concordi
08. Una carezza in un pugno

Reperibile attraverso le consuete librerie:

Vedi anche: Scienziati che credono in Dio! - Fede e ragione è possibile il matrimonio?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).

    ----------

  • Rimaneva ancora un altro numero da provare. Quando composi questo  numero, non nascondo che ero parecchio preoccupato ma non dimenticherò mai il cambiamento che avvenne in me quando anche questo tentativo andò a vuoto.
     
    Improvvisamente mi sentii di essere nelle mani del buon Padre celeste. Non c'era più niente che io potessi fare ma proprio per questo motivo sentivo una grande pace. Avevo esaurito ogni mia possibilità così non avevo altra scelta se non di affidare le sorti di tutti noi al Signore che può ogni cosa.....
  • Nella Parola di Dio mi viene detto di credere, ma in cosa devo credere? Mi viene detto di cercare, ma cosa devo cercare? Qual è l'oggetto della mia speranza, della mia fiducia e del mio credere?
     
    La risposta è semplice: l'oggetto della fede, per ogni peccatore, è Gesù Cristo. Tanti commettono l'errore di pensare che devono credere in Dio Padre, invece questa è la conseguenza della fede in Cristo.
  •  

    Sabato 14 febbraio 2015, alle ore 16.00, si è tenuta a Roma una tavola rotonda sul tema “Fede e coscienza civile. ‘Non prego che tu li tolga dal mondo’”, organizzata dalla chiesa cristiana avventista del settimo giorno di Lungotevere, in collaborazione con il dipartimento Affari Pubblici e Libertà religiosa dell’Unione avventista italiana.

  • La grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata. Tito 2:11
    Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, in virtù della redenzione realizzata da Cristo Gesù. Romani 3:23,24

    (Luca 15:11, 32)

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri