Taglia la legna

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Quando manca la legna, il fuoco si spegne; e quando non c'è maldicente cessano le contese... (Proverbi 26:20)
 
Henry Ford, si quello delle automobili, dichiarò: "Chi taglia la propria legna si riscalda due volte".
L'uomo che taglia la propria legna, non solo apprezza quel caldo che viene dai tronchi nel camino ma riceve il caldo proveniente dal prorpio sforzo fisico.
Se vogliamo godere le benedizioni del fuoco dello Spirito di Dio, niente è migliore che "tagliare la propria legna".
Andare al culto, ascoltare un sermone dal predicatore che Dio ha stabilito li per alimentare i cuori, presenziare ad una vera e bella lode, edificare i nostri cuori con la presenza del Signore è bello, però stiamo usufruendo del caldo che viene dalla legna di altri.
Quando vogliamo cercare noi stessi cercando tutto quello che ci offre la Parola, stando in comunione con Dio allora siamo disposti a tagliare la nostra legna. Non solo ci sediamo a sentire canzoni, ma noi stessi lodiamo, riscaldando doppiamente la nostra vita con l'amore di Dio.
Ed allora, con i nostri cuori più che scaldati per la fiamma del potere di Dio, usciamo a proclamare le buone notizie di salvezza.
Se vuoi che il tuo cuore e la tua anima stiano sempre ardendo di giia e felicità davanti a Dio...
Tagli la tua legna!
 
Pensiero tratto dal calendario più che vincitori..
 
Aggiungerei che quando i nostri sforzi da "boscaiolo" sono adempiuti  guardando il Signore piuttosto che i fratelli e le sorelle, togliamo potenziale legna all'incendio delle contese, delle invidie, delle gelosie e delle sterili critiche. Strumenti molto utili nelle mani del nemico... e la deponiamo nel focolare che scalda noi e chi ci è vicino.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

A forza di tagliare la mia legna ho fatto i calli alle ginocchia, ma oggi posso riscaldarmi con fiducia grazie al tanto lavoro. Non perdiamo mai l'abitudine di pregare, sarà perchè ne ho bisogno in modo particolare, ma io prego almeno tre volte al giorno e mi sento manchevole, figurati chi non ha per niente questa abitudine. Pur troppo siamo in un periodo di apostasia, parecchi vengono meno per motivi futili e si danno al mondo, ma non sanno che sono di Dio , lui li ha riscattati a caro prezzo, prima o poi torneranno a lui e le ginocchia se le frantumeranno.

Preghiamo per le pecore smarrite del gregge di Dio.

 

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri