Siamo davvero ubbidienti?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Ricevo e pubblico molto volentirei un nuovo studio del fratello Giuseppe MARTELLI, come sempre lo studio è facilmente fruibile e scritturalmente strutturato e fondato.

Questa la sua e-mail con cui allegava e distribuiva l'allegato:

Carissimi nel Signore Gesù Cristo,
nell'augurarvi grandi benedizioni dall'Alto in questo 2008, sperando di fare cosa gradita per ciascuno di voi, vi allego l'ultimo studio biblico che il Signore mi ha dato il privilegio di completare, proprio in questi giorni.
In realtà, come succede ormai negli ultimi tempi, si tratta di uno studio già ampiamente abbozzato diversi anni fa, ma nel rivederlo ho potuto modificarlo e aggiornarlo in vari punti.
Sono persuaso che il Signore voglia regnare sempre più indisturbato nelle nostre vite, nelle nostre famiglie e nelle nostre chiese, in modo che la Sua luce risplenda forte in questi ultimi tempi, così bui e tetri, finchè Gesù non tornerà (speriamo prestissimo...).
Perciò vi propongo questo studio sull'ubbidienza cristiana, chiedendovi soltanto, come al solito, che se qualcuno volesse farne un uso diverso da quello personale (come, per esempio, studi in chiesa e soprattutto pubblicazioni, anche solo parziali) è pregato di farmelo sapere, soprattutto per coordinare gli eventuali interventi.
Per ora vi saluto con tanto affetto in Cristo Gesù e vi lascio Esodo 13:21 e 14:13-14, che abbiamo scelto come "vessillo di famiglia" per questo nuovo anno.

Un abbraccio a ciascuno di voi, nel nome e per l'amore del Re che sta per tornare,
Giuseppe


Giuseppe Martelli è uno degli anziani dell'Assemblea dei fratelli di Finocchio (Roma sud)

questo il contatto:
Via Cassaro 80-84 - B.ta Finocchio - Roma 00132
Contatto: Giuseppe Martelli - 0620763569 - gm1964.gm1964chiocciolinagmail.com

AllegatoDimensione
PDF icon Ubbidienza.pdf231.04 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri