L'obbedienza? Non un optional!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

La Bibbia ha molto da dire sull’obbedienza. Quando guardo la mia vita, la vita della mia chiesa, e le vite delle chiese che ho aiutato a fondare, riconosco che c’è in corso una battaglia inerente all'obbedienza. La chiesa moderna ha reso troppo facile per i suoi membri la vita cristiana.

Questo ha aumentato il numero di coloro che frequentano le nostre chiese, ma sono abbastanza sicuro che ha causato molti più problemi rispetto a quelli che ha risolto. Abbiamo reso la salvezza così facile che le persone possono fare la loro"professione di fede", o unirsi ad una chiesa locale, senza cambiare i comportamenti che sono disobbedienti o contrari alla Parola di Dio. Nei nostri sforzi per ingrossare le file della Chiesa, è necessario sforzarsi affinchè alcuni insegnamenti di Gesù sianoben compresi. Uno di questi è:

 – L’OBBEDIENZA.

Gesù ha reso molto chiaro che l'essere suo discepolo non è facile.

Poi disse a tutti loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me,rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per amor mio la salverà.   Luca 9,23-24

E chi non porta la sua croce e mi segue, non può essere mio discepolo. Luca 14:27

La croce non è un figlio ribelle,  uno sposo antipatico, un’ infermità fisica,  o qualsiasi altro problema personale. La croce è uno strumento di morte.L'impatto di questa affermazioni di Gesù è che coloro che vogliono essere discepoli di Gesù devono essere impegnati e pronti a morire, proprio come Gesù è morto – una morte cruenta sulla croce. L'impegno a seguire Cristo non è solo un impegno a morire a se stessi, ma anche un impegno per essere pronti a morire per Cristo e per il mondo per il quale è morto.

Nel Grande Mandato Gesù ci ha comandato di insegnare ai discepoli di obbedire.

Allora Gesù venne da loro e disse: «ogni potere in cielo e sulla terra è stato dato a me.  Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo,  insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato.
Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo"

Mt 28:18-20

In realtà noi abbiamo insegnato la conoscenza, non l'obbedienza. La maggior parte delle persone già sanno quello che dovrebbero fare, ma scelgono di non farlo.

Gesù ha equiparato "obbedienza" ed "amore" nel Vangelo di Giovanni, e Giovanni ha ribadito quel principio nella sua prima epistola.

Gv 14,15: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti».

Gv 14:21 «Chi ha i miei comandamenti e li osserva, è lui chemi ama».

Gv 14:24 «Chi non mi ama non osserva le mie parole».

1 Gv 5: 3 «Questo è l'amore di Dio: obbedire ai suoi ordini. E i suoi comandamenti non sono gravosi, 4 perché ognuno nato da Dio vince il mondo. Questa è la vittoria che ha sconfitto il mondo: la nostra fede».

E 'chiaro dalle parole di Gesù e dagli scritti di Giovanni, che non ci può essere amore per Cristo senza obbedienza a Cristo.

  • Potremo cantare tutte le canzoni d'amore a Cristo, 
  • possiamo scrivere,
  • possiamo cantare, tutte le canzoni di adorazione mai scritte,
  • e potremo annunciare a tutti che amiamo Cristo,
ma queste canzoni e dichiarazioni saranno prive di significato e ipocrite se non siamo obbedienti a Cristo in ogni ambito della nostra vita. I nostri sentimenti non definiscono il nostro amore. Le nostre parole non definiscono il nostro amore. Sono le nostre azioni, la nostra obbedienza a Cristo, che definiscono il nostro amore per Cristo.

La Bibbia ci insegna che l'obbedienza ai comandi e agli insegnamenti di Dio non ha beneficio diretto per coloro che credono.

Deuteronomio 6: 1-3 dice:

« Questi sono i comandi, decreti e leggi il Signore tuo Dio, mi ha diretto a insegnare di osservare nel paese che state attraversando il Giordano per possedere, in modo che voi, i vostri figli e i loro figli dopo di loro possano temere il Eterno, il tuo Dio, finché vivono,mantenendo tutte le sue leggi e comandi che io ti do, e in modo che possiate godere di lunga vita. Ascolta, Israele, e fate attenzione a obbedire in modo che possa andare bene per voi e che possiate aumentare notevolmente in un paese dove scorre latte e miele, come il Signore, Dio dei tuoi padri, vi ha promesso».

Nell’Antico Testamento le benedizioni dell'obbedienza state spesso presentate come un qualcosa di materiale.  Il risultato dell’insegnamento dell'obbedienza è che le generazioni successive avrebbero temuto il Signore e la nazione avrebbe goduto lunga vita, le cose sarebbero andate bene per la nazione, e la nazione sarebbe aumentata notevolmente nel paese. Il timore del Signore è una scelta di vivere nel timore, rispetto, onore e riverenza del Dio Creatore.Questa scelta costringe a fare esattamente ciò che dice il Signore.

Questi brani dell’Antico Testamento sono eloquenti anche per la chiesa. Quando esaminiamo i motivi per cui le nostre chiese non stanno crescendo penso che possiamo tranquillamente dire che il motivo per cui non aumentano qui sulla terra è perché non temiamo il Signore, e non insegniamo alla nostra gente di obbedire alle Sue leggi, precetti e comandi. Si noti che l'oggetto di insegnamento nel Grande Mandato e nel brano di Deuteronomio 6 qui sopra è l'obbedienza, non la legge. La maggior parte di noi già conoscono la legge. Sappiamo ciò che è giusto e sbagliato. Ma, non ci è stato insegnato a obbedire a ciò che è giusto e ad evitare ciò che è sbagliato indipendentemente dalle conseguenze.L'obbedienza ci impone di fare ciò che è giusto, anche se noi non  è vantaggioso per noi o anche se ci troviamo in situazioni svantaggiose a causa della nostra obbedienza. L'inconveniente pe ril  singolo credente quando si vive in obbedienza può essere di vantaggio per il corpo di Cristo nella sua globalità,portando ad un maggiore timore del Signore, lunga vita per il corpo di Cristo,e l'aumento del numero dei membri che compongono il corpo di Cristo.

Le seguenti promesse da Parola di Dio possono essere considerate sia in maniera collettiva sia individuale

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre: lo Spirito della verità. Il mondo non lo può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché dimora con voi e sarà in voi. Non vi lascerò orfani; Verrò a voi. Fra un po’, il mondo non mi vedrà più, ma voi mi vedrete. Perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno vi renderete conto che io sono nel Padre mio, e voi siete in me ed io in voi. Chi ha i miei comandamenti e li osserva, egli è colui che mi ama. Chi mi ama sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui ». Gv 14,15-21:

Questo brano del Vangelo di Giovanni ci fornisce enormi intuizioni riguardo ai risultati dell’ obbedienza per i singoli e per i gruppi. Esaminare questo elenco:

  • • Gesù chiede al Padre di darci un Consigliere (lo Spirito Santo) che sarà con noi per sempre
  • • Lo Spirito Santo vive con noi ed è in noi
  • • Non saremo abbandonati come orfani, ma Cristo verrà a noi
  • • Vedremo Cristo, anche se il mondo non lo vede
  • • Vivremo perché Cristo vive
  • • Saremo amati dal Padre
  • • Saremo amati da Cristo
  • • Cristo si mostrerà a noi

Potrei scrivere un libro per spiegare questi benefici ma Giovanni non termina qui.

Gesù rispose: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola. Il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama non osserva le mie parole. Queste parole che udite non sono mie; appartengono al Padre che mi ha mandato».-

«Tutto questo vi ho detto mentre ancora con voi. Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto». Gv 14,23-26

Anche in questo caso, esaminiamo i benefici dell’ubbidienza:

  • • Il Padre ci ama
  • • Il Padre e Cristo faranno la loro dimora con noi
  • • Lo Spirito Santo ci insegnerà ogni cosa
  • • Lo Spirito Santo ci ricorderà tutto ciò che Cristo ha detto

Giovanni non ha terminato di parlare dell'obbedienza. Dimorare in Cristo è una questione di obbedienza.

«Io sono la vite; voi i tralci. Se un uomo rimane in me e io in lui, porta molto frutto; senza di me non potete far nulla. Se uno non dimora in me, è come un ramo che viene gettato via e si secca; tali rami sono raccolti, gettati nel fuoco e bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. Questo è perla gloria del Padre mio: che portiate molto frutto dimostrando di essere miei discepoli». Gv 15: 5-7

Il risultato dell’ obbedienza (le sue parole che rimangono in noi) è che Cristo dimora in noi. Ancora una volta, consideriamo i benefici.

  • • Se rimaniamo in Cristo (obbedendogli), egli rimane in noi
  • • Porta fa molto frutto, mostrando di essere suoi discepoli
  • • Le nostre preghiere saranno esaudite (chiedete quel che volete e vi sarà dato a voi)

«Come il Padre ha amato me, così anch'io ho amato voi. Ora rimarrete nel mio amore. Se osservate i miei comandamenti,rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto questo perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. il mio comandamento è questo: Ama l'altro come io ho amato voi. Nessuno ha amore più grande di quello di dare la sua vita peri suoi amici.

Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Io non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone. Invece, vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l'ho fatto conoscere a voi. Voi non avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto - frutto che rimane. Poi il Padre vi darà tutto quello che chiederete nel mio nome. Questo è il mio comando: amatevi».- Gv 15: 9-17

 

Gesù ci dice che, al fine di rimanere (dimorare) nel suo amore dobbiamo obbedire ai Suoi comandi. Guardate questi ulteriori benefici dell’obbedienza.

  1. • la gioia di Cristo sarà in noi
  2. • La nostra gioia sarà completa
  3. • Non saremmo più servi, ma amici di Cristo
  4. • Tutto ciò che Cristo sa sarà reso noto a noi
  5. • Siamo nominati a dare frutti duraturi
  6. • Il Padre ci darà tutto quello che chiediamo nel nome di Cristo.

Tra l'altro, chiedere nel nome di Cristo non è una formula,o una frase di chiusura per una preghiera. Per chiedere nel nome di Cristo  dobbiamo partire dalla posizione dell’essere in Cristo. Questo essere in Cristo possiamo realizzarlo soltanto obbedendogli.Per poter chiedere nel nome di Cristo dovremo essere in costante relazione con Cristo attraverso l’amore per lui, e questo amore è dimostrato e provato dalla nostra obbedienza a tutto ciò che Egli ha comandato.

 

Riceviamo un quadro più chiaro da Giovanni esaminando la sua prima epistola. Date un'occhiata a 1 Giovanni 5.

  • 1  «Chiunque crede che Gesù è il Cristo, è nato da Dio; e chi ama colui che ha generato, ama anche chi da lui è stato generato.

    2  Da questo conosciamo di amare i figli di Dio: se amiamo Dio e ne osserviamo i comandamenti,

    3 perché in questo consiste l'amore di Dio, nell'osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi.

    4 Tutto ciò che è nato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha sconfitto il mondo: la nostra fede».

 

Giovanni dice che il nostro amore per gli altri è il risultato della nostra obbedienza ai comandamenti di Dio. Il nostro amore per Dio è definito dalla nostra obbedienza.

Il vantaggio dell’ obbedienza, secondo Giovanni, è che sconfiggeremo il mondo. Questo significa che ci sarà vittoria sul peccato attraverso l'obbedienza. Ciò significa che non saremo sconfitti dalle cose del mondo, a patto che  siamo obbedienti. Quando ci sentiamo sconfitti dal mondo, dalla nostra cultura, dalla nostra situazione, è probabile che non stiamo vivendo in obbedienza ai comandi di Dio.

Ci sono, naturalmente, dei momenti  i cui Satana cercherà di ingannarci nel pensare che non stiamo vivendo nell'obbedienza. Ciò si traduce in un falso senso di colpa che può derubarci della nostra gioia e della serenità nelle nostre relazioni. Dobbiamo essere diligenti nell'esaminarci nei momenti in cui ci sentiamo in colpa. Se lo Spirito Santo non porta alla mente l'evento in cui ci siamo ribellati, allora stiamo vivendo un falso senso di colpa da parte di Satana il quale cerca di derubarci della nostra gioia, dei nostri rapporti, e del  nostro amore per Cristo e dei suoi discepoli.

Vivi  in obbedienza di Cristo e rivendica i benefici di questa relazione d'amore per te.

Benedizioni!

David Watson

Vekhyttegården, Svezia

20 ago 2007

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri