Seguimi Una chiamata a morire. Una chiamata a vivere - David Platt

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Riceviamo e volentieri condividiamo - Libro consigliato (si ricorda che il sito web evangelici.info non vende nessun libro o altro, ne vi sono ricavi per la segnalazione di alcun prodotto. I libri consigliati lo sono perchè effettivamente letti dagli amministratori e ritenuti utili per l'edificazione personale del visitatore del sito).

Che cosa voleva dire Gesù quando disse "Seguimi"?

È possibile che alcuni dicano di credere in Gesù senza però essere davvero nati di nuovo? È possibile che alcuni affermino di avere accettato Cristo nel loro cuore senza però essere davvero cristiani

Non soltanto è possibile. Secondo il pastore David Platt è anche altamente probabile.

L'autore del best seller Radical è convinto che molti frequentatori delle nostre chiese siano oggi fuorviati su quello che significa veramente essere un seguace di Cristo. La cultura occidentale ha prosciugato il cristianesimo della sua linfa vitale e l'ha rimpiazzata con una versione annacquata del Vangelo, talmente appetibile da non essere più neppure reale.

"Seguitemi!", è l'invito di Gesù. 

Una semplice parola che cambia tutto. Non sarai mai annoiato. Avrai sempre uno scopo. Non ti mancherà mai la gioia. Ma ti costerà.

Questo appello non è un invito a dire una preghiera. È una chiamata a perdere la tua vita.

Una chiamata a morire. Una chiamata a vivere.

Hai già risposto a quella chiamata?

Acquistabile, tra le varie fonti, anche:

- clc

Indice

  1. Credenti non convertiti
  2. Il grande invito
  3. Religione superficiale e rigenerazione soprannaturale
  4. Non fare di Gesù il tuo personale Signore e salvatore
  5. Figli di Dio
  6. La volontà di Dio per la tua vita
  7. Il corpo di Cristo
  8. Una visione del possibile

Piano personale per fare discepoli - Riconoscimenti - l'autore

AllegatoDimensione
PDF icon credenti_non_convertiti.pdf94.58 KB

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Questa è la buona notizia del regno e quella che va incontro al più grande bisogno della nostra vita. Per mezzo di Gesù, Dio perdona i nostri peccati e ci riconcilia a sé. Se però non facciamo attenzione, distorceremo sottilmente questa buona notizia e finiremo con l’ignorare il nostro maggiore bisogno....

C’è altro…. Un nuovo spirito

Il cristianesimo non si limita a questo. Quante volte qui mettiamo un punto e diamo per assodato che l’essenza della vita cristiana sia essere perdonati dal nostro peccato. Molti cristiani professanti si fermano qui, convinti che Gesù li abbia purificati dai loro peccati anche se nella loro vita manca un vero, autentico, reale, radicale cambiamento.

Ma non è previsto che le cose stiano così, perché la promessa di Dio in Ezechiele non si riduce a questo. Dio disse al suo popolo: “Vi darò un cuore nuovo e metterò dentro di voi uno spirito nuovo… Metterò dentro di voi il mio Spirito e farà in modo che camminerete secondo le mie leggi, e osserverete e metterete in pratica le mie prescrizioni” – Ez. 36:26-27

Alla luce di questo, Gesù disse a Nicodemo che essere nati di nuovo significa essere nati d’acqua e di Spirito. Il Senso che soggiace a queste parole è sbalorditivo. Quando vai a Gesù, non soltanto egli ti perdona dal tuo peccato ma ti riempie anche del suo Spirito. Ascolta cristiano, la grandezza di tutto ciò: quando vai a Gesù, egli mette la fonte della sua vita al centro della tua vita….

… Questa è l’essenza della chiamata di Gesù a seguirlo. Quando diventi un cristiano, muori e Gesù diventa la tua vita…..

…. Gesù non si limita a migliorare la tua vecchia natura; egli ti impartisce una natura interamente nuova, una natura che è completamente unita con la sua.

pag 77

Ritratto di alex

Una religiosità superficiale consiste del fatto di credere semplicemente in certe verità e nel fare determinate cose... (pag 70)
Una rigenerazione spirituale è la riconciliazione con Dio per l'Eternità (pag75)

Un cuore nuovo e uno spirito nuovo (Ez. 36:26-27)

Ritratto di alex

Si tratta di una domanda estremamente importante, in quanto mette in luce un difetto fondamentale nel modo in cui spesso vediamo noi stessi. Quando pensiamo all'adorazione di idoli e di falsi dei, spesso immaginiamo qualche asiatico che compra delle immagini intagliate di legno, in pietra o d'oro o alle tribù africane che fanno delle danze rituali intorno a dei sacrifici fumanti.

Non pensiamo, però, all'uomo occidentale che guarda delle immagini pornografiche online o che vede degli spettacoli televisivi e dei film immorali.

Non pensiamo alla donna occidentale che compra continuamente sempre più cose o che è fissata in maniera ossessiva sul suo aspetto fisico.

Non teniamo conto degli uomini e delle donne che nel mondo occidentale sono perdutamente innamorati del denaro e impantanati in un cieco materialismo.

E' anche difficile che pensiamo ai nostri frenetici sforzi per fare carriera, alla nostra incessante adorazione dello sport, al nostro caratteraccio che viene fuori quando le cose non vanno a modo nostro, alla nostra preoccupazione che le cose non vadano come vorremmo, ai nostri abusi alimentari, ai nostri eccessi e a tutti gli altri piaceri mondani.....

.... Per tutti i cristiani di tutte le culture, il ravvedimento è necessario. Questo non significa che quando qualcuno diventa cristiano improvvisamente diviene perfetto e non dovrà mai più sostenere alcuna lotta con il peccato.
Significa invece che quando diventiamo seguaci di Cristo, diamo un taglio netto al vecchio modo di vivere e compiamo una svolta decisiva verso un nuovo stile di vita...

Pag 39-40

Ritratto di alex

Pensiamoci. Come abbiamo già visto in tutto il percorso della Genesi, il nostro peccato non ha una vita propria al di fuori di noi.
Il peccato è intessuto nelle viscere del nostro essere.
Non è soltanto il fatto che pecchiamo, noi siamo intrinsecamente peccatori.....

pag 58

 

Lasciati a noi stessi, saremmo perduti per sempre. La sola ragione per cui possiamo cercare Cristo nella nostra natura peccaminosa è data dal fatto che Cristo ha cercato noi nella veste di nostro salvatore. La gloria del Vangelo è che il Dio dell'Universo si spinge fin oltre la durezza dei nostri cuori, vincendo le nostre egoistiche resistenze e la nostra peccaminosa ribellione e ci salva da noi stess1.

Una tale misericordia esalta il fatto che sia stato Dio a cercare noi e crocifiggere il nostro orgoglio dinanzi a lui.

pag 62

Ritratto di alex

Gesù venne a vivere la vita che non non avremmo potuto vivere e a morire della morte che noi avremmo meritato di subire.
Pag. 57

Ritratto di alex

Il cristianesimo non incomincia con noi che cerchiamo Cristo, ma con Cristo che cerca noi. Il cristianesimo non inizia con un invito che presentiamo noi a Gesù, ma con un invito che Gesù porge a noi - pag 46

Ritratto di alex

Ravvedimento è un termine biblico denso di significato: indica una sostanziale trasformazione nella mente, nel cuore e nella vita di qualcuno... - pag 37

Il ravvedimento è necessario... questo non significa che quando qualcuno diventa cristiano improvvisamente diviene perfetto e non dovrà mai più sostenere alcuna lotta con il peccato. Significa invece che quando diventiamo seguaci di Gesù, diamo un taglio netto al vecchio modo di vivere e compiamo una svolta decisiva verso un nuovo stile di vita.... pg. 40

Ritratto di alex

L'inganno spirituale è pericoloso perché è in gioco la dannazione eterna. Ognuno di noi può ingannare se stesso.
Siamo creature malvagie, con tanti pregiudizi benevoli verso noi stessi, con la tendenza a presumere di essere qualche cosa quando non siamo nulla.
La Bibbia dice che il dio di questo mondo (Satana) sta accecando le menti dei non credenti per impedire loro di conoscere Cristo.
E se uno dei modi con cui il diavolo lo sta facendo consistesse proprio nell'ingannare le persone inducendole a credere di essere cristiani quando non, lo sono?

Pag 36

Ritratto di alex

E' possibile? E' possibile per te o per me professare di essere un cristiano e tuttavia non conoscere Cristo? Assolutamente si.
Anzi, secondo Gesù, in effetti, è probabile.
Pag. 26

Ritratto di alex

Quattro pescatori pagarono un prezzo altissimo per aver seguito Gesù. Pietro fu crocifisso a testa in giù, Andrea fu crocifisso in Grecia, Giacomo fu decapitato e Giovanni esiliato.
Tuttavia, credevano che valesse la pena di lasciare tutto. In Cristo, incontrarono un amore che superava ogni comprensione, un appagamento che andava al di là delle circostanze e una motivazione che trascendeva ogni possibile obiettivo da perseguire in questo mondo.

Furono bramosi, desiderosi e più che contenti di perdere la loro vita per poter conoscere, seguire e proclamare Lui. Sulle orme di Gesù, questi primi discepoli scoprirono un sentiero da percorrere per il quale valeva la pena di rinunciare alla propria vita-

Duemila anni dopo, mi chiedo quanto ci siamo allontanati da quel sentiero. Da qualche parte, lungo la strada, fra svariate ondate culturali e tendenze ecclesiali divenute popolarti, sembra che abbiamo minimizzato gli inviti di Gesù a un totale abbandono. Le chiese sono piene di presunti cristiani che sembrano accontentarsi di un’occasionale associazione con Cristo pronunciando un’adesione formale al cristianesimo. A decine di uomini, donne e bambini è stato detto che diventare seguaci di Gesù comporta semplicemente riconoscere certi fatti o dire determinate parole. Questo però non è vero. Discepoli come Pietro, Andrea, Giacomo ci dimostrano che la chiamata a seguire Gesù non è semplicemente un invito a dire una preghiera. E’ un invito a perdere la nostra vita.

David Platt - Seguimi . Pagg. 22-23

Ritratto di alex

Lui vuole che facciamo cose dall'mpatto eterno. Ci vuole impegnati nell'estendere, in un modo o nell'altro, il suo regno, oggi e ogni giorno. - David Platt - Seguimi - Pag. 12

 

Ritratto di alex

"Come seguaci di Cristo, ciascuno di noi si trova sulla linea del fronte di una battaglia spirituale che sta infuriando per le anime degli uomini e delle donne che sono proprio intorno a noi e dappertutto nel mondo."
Seguimi - David Platt

YouTube: 
Ritratto di alex

"In Gesù c'è ben altro che la religione abitudinaria di cui siamo continuamente tentati di accontentarci" - David Platt

Ritratto di alex

Se però il cristianesimo implica una rigenerazione sovrannaturale in quanto il Dio dell’universo fa penetrare la sua mano di misericordia nelle profondità della nostra anima, ci perdona da tutto il nostro peccato e ci riempie del suo Spirito, ne segue che una mentalità da spettatore è spiritualmente inconcepibile.
Nelle persone il cui cuore, la cui mentalità, la cui volontà, le cui relazioni siano state radicalmente ribaltate dalla persona di Cristo, regneranno supremi i propositi di Cristo.
Se sei veramente un discepolo di Gesù, un impulso soprannaturale ti costringerà a fare discepoli di Gesù.
I veri seguaci di Gesù non hanno bisogno di essere convinti, reclutati, persuasi o manipolati perché s’impegnino a fare discepoli di tutte le nazioni.
Chiunque segue Gesù biblicamente, andrà a pesca di uomini a livello globale.

Pag. 82

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta