DEL PRETE Savino

L'ho vista morire

L'ho vista morire -  1 Corinzi 15-55
La morte non ha età
Senz'animo senza pietà
Mai ebbra mai stanca
All'improvviso si spalanca
Scaglia frecce
Senza minacce
Senza avviso falcia
Inodore ma sa di feccia
Viscida infame
Puzzo di letame
Mai sonnecchia
Lascia la macchia
Incute terrore
All'animo tremore
Avvolta in nero scialle
Ha un tallone d' Achille
Perché non e indelebile
Anche lei è debole
L'ho vista morire
Il suo predire?
Resuscitò il terzo giorno
Alla morte fece scherno

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Gesù amico perfetto

Quando mi pervade lo sconforto
Quando solitudine avverto
Quando intorno tutto crolla addosso
Quando da brividi sono scosso
Quando sono faccia bocconi
Quando par non ci siano soluzioni
E' nelle avversità contro
Il vero Amico dà soccorso
Lui mi risolleva
I miei mali allevia
Ogni singolo mio respiro
Sia lode al Signore.

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La bellezza di Dio

Contemplo la bellezza del creato
Chi è stato?
Verde valli irti monti
Azzurro cielo rossi tramonti
Contemplo la bellezza del creato
Chi è stato?
Acque limpide distese di mare
Fiori prati tutto un verdeggiare
Contemplo la bellezza del creato
Chi è stato?
Candide nuvole sole terso
Luna stelle mi son perso
Contemplo la bellezza del creato
Chi è stato?
Alberi piante in colori variopinti
Vento pioggia animali brulicanti
Contemplo la bellezza del creato
Chi è stato?
Ha risposto il creato
Dio mi ha ideato

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Insegniamoci ad amare

Brilla sulla corolla
D'argento si adorna
Par fresca rugiada
Che il petalo sonda
Stilla una seconda
Nella zolla affonda
Precipita acqueo vapore
Rimiro con stupore
Processo continuo
Attonito rimiro
Scivolar silente brina
Pare che sanguina
Sia una allocuzione?
Si! E' guttazione
Piange anche il fiore
Sul mondo in dolore
Piange anche il fiore
Ho dimenticato l'amore

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Una goccia d'amore

Ho interrogato la memoria
Ha raccontato la mia storia
Il suo risultato
Tanto peccato
Son consapevole Signore
Ciò che ha partorito il cuore
Di quanti peccati
Mille? Di più son stati
Signore fallimenti ho dato
Tu pronto hai perdonato
Quanto tempo ho perduto
Non il Tuo aiuto
Vasto come l'oceano il Tuo amore
D'una goccia ho gustato il sapore

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Onnipresente

All'animo ho dato input
Arrivando nell'universo all'Azimut
Meravigliato io
Ho incontrato Dio
Mi sposto al Nadir
Per meglio capir
Di nuovo meravigliato io
Ho rincontrato Dio
Spostandomi più distante
Estrema punta del Levante
Ancor meravigliato io
Riecco la presenza di Dio
Scivolo verso Ponente
Ancor più sorprendente
Attonito sempre io
Eternamente la presenza di Dio
Con occhi mi son tuffato
Un atomo ho guardato
Neuroni protoni ed elettroni
Agli occhi invisibili dimensioni
Sempre più sbalordito io
La presenza di Dio

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Canto a Dio

Canto lodi al mio Signore
Padrone di tutte le cose
Dei mari dei cieli
Dell'immenso universo
Canto lodi al mio Creatore
Cheta le tempeste
Placa l'impeto del vento
Che tace al Suo comando
Canto lodi a Dio
A Lui l'infinito
Grande indefinito
Canto lodi arpeggio suoni
Mi inonda di benedizioni
Canto...canto...canto...
Lui mi è sempre accanto

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Matteo 7:15

Matteo 7:15
SIGNORE:
C'è bisogno di Te
Questo mondo di errori
Beatificando gli orrori
Traditori commedianti
Sputano falsi pianti
Celati dietro maschere
Vomitano chiacchiere
Quanti buffoni e ciarlatani
Con metodi sciamani
Quante parole mielate
Nascondono lingue affilate
A detti tutti eroi
Rotolano come lupi poi
Su prede inermi
Stanchi o infermi
Promettendo loro vaghezze
Di profumate brezze
Lingua che parla che parla
Che mai si tarla
Pace pace pace
Respinta come Candace
Vinceremo la pace
Quando moriranno le guerre

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Signore non mi abbandonare

SIGNORE:
Non mi abbandonare
Nei momenti di difficoltà
Non ceda alla sua abilità
Ho disogno di Te
Mio Salvatore mio Re
Nelle fasi di cadute
Solo da me volute
Sollevami dal fango lordo
Al mio pianto non sarai sordo
Nettami dai tarli mentali
Suoi dardi abituali
Vorrei curare altri malati
Contro il male disarmati
Non mi accorgo del peggior infermo
E divengo io suo scherno
Signore nettami lavami
Taglia gli sterili rami
Affinchè porti frutto in abbondanza
Con Te Signore mia sapienza

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

2 Corinzi 5:17

Signore:
Sei come manna
Scesa dal cielo
Che ristora la mia anima
Pioggia fresca
Che inonda le mie radici
Tepore del sole
Che bacia il mio viso
Sei fresca rugiada
Che rinvigorisce le mie radici
Linfa vitale che irrori
Nelle vene ed infondi vitalità
La Tua presenza prosciuga
L'aridità del mio spirito
Rendendolo fertile di vita

SdP

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a DEL PRETE Savino

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta