Rapimento di bambini. Il caso Martorana

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
E' di questi giorni, giugno 2010, la notizia del rapimento, fortunatamente conclusosi in breve tempo e senza tragedia, di un neonato. Rapito direttamente dall'ospedale da un'infermiera.
Questo storia, finita bene tranne che per la "povera" infermiera, ovviamente disturbata in qualche parte della psiche, fa tornare in mente molti altri casi di bambini scompari e rapiti.
 
In particolare il fratello Maurizio M. mi ha segnalato questo  evento, storicamente documentato, risalente a poco più di un secolo fa.
Il bambino rapito, strappato letteralmente dalle braccia dei genitori, è il figlio di una famiglia di ebrei. Chi lo rapisce, istituzionalmente, è ...... ve lo lascio scoprire. L'informazione è allegata...
AllegatoDimensione
PDF icon il_caso_martorana.pdf232.55 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Quando indossi una camicia se ti capita di sbagliare ad infilare il primo bottone, poi li sbagli tutti.

  • Come nacque la classe sacerdotale oggi presente nella realtà cattolica così distante dalla chiesa primordiale? Esiste una connessione tra eredità costantiniana e antisemitismo europeo?

    Preparato per  il convegno:  L'editto di Milano 1700 anni dopo (13.06.313 - 13.06.2013) 

  • Firmati dal cardinale Gasparri per la Santa sede e da B. Mussolini come capo del governo italiano, posero fine alla questione romana. Erano costituiti da tre atti distinti: un trattato, una convenzione finanziaria e un concordato.
  • La III crociataLa terza crociata (1189-1192), detta anche la “crociata dei Re”, fu un tentativo, da parte di vari sovrani europei, di strappare Gerusalemme e quanto perduto della Terrasanta, al Saladino.

    Con la fine della seconda crociata, Norandino si era assicurato il controllo di Damasco e aveva unificato la Siria.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta