Non sono baffi...

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Non sono baffi, si chiamano vibrisse e sono uno straordinario organo sensoriale che permette al gatto una percezione millimetrica dello spazio e gli consente imprese straordinarie. Le vibrisse sono gli organi tattili di vari mammiferi come i felini e i roditori. Si presentano costituiti da una base (radice) e da uno stelo di forma cilindrica con una terminazione appuntita. Sono localizzate principalmente sulla testa dell'animale (rima naso-labiale, rima orbitale) eccezion fatta per quelle poste nella regione carpale (polso).

Nell'uomo le vibrisse sono formazioni pilifere a livello del naso.

Il fusto è formato da materiale inerte (cheratina) e non contiene nervi, come gli altri peli..La differenza, però, è nella radice che è situata in una zona fortemente innervata e dotata di un ricco letto vascolare. Queste caratteristiche li distinguono da un comune pelo e determinano un importante sanguinamento in caso di strappo.

Sono fondamentali per lo spostamento dell'animale nell'ambiente (soprattutto nella notte) visto che rappresentano l'organo deputato alla percezione della dislocazione degli oggetti e del loro stato (solidità, temperatura, ecc.) e gli forniscono inoltre informazioni sull'eventuale presenza di altri esseri viventi nelle vicinanze, tramite la percezione di spostamenti d'aria da essi provocati.

Caso + milioni di anni? Ci vuole una grande fede per credere questo!
Non un caso, ma la straordinaria testimonianza dell'esistenza di uno straordinario Ingegnere che ti ama e ti sta cercando.

 

19 poichè ciò che si può conoscere di Dio è manifesto in loro, perché Dio lo ha loro manifestato. 20 Infatti le sue qualità invisibili, la sua eterna potenza e divinità, essendo evidenti per mezzo delle sue opere fin dalla creazione del mondo, si vedono chiaramente, affinché siano inescusabili. Romani 1

 

Vedi anche:

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri