Le cicatrici del peccato

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Cos' é il peccato, come e cosa succede quando diamo spazio alla tentazione?
In primo luogo, andiamo sempre più lontano di quanto abbiamo intenzione di andare.

Questo é esattamente ciò che Paolo aveva in mente nel capitolo 6 di Romani quando disse: "Non sapete voi che se vi offrite a qualcuno come schiavi per ubbidirgli, siete schiavi di colui a cui ubbidite, o del peccato che conduce alla morte, o dell'ubbidienza che conduce alla giustizia?" Romani 6:16
 
Il peccato ha un effetto di presa. Diamo agio ad esso, e noi pensiamo che possiamo tenerlo sotto controllo, che ci porterà solo un pò lontano e che possiamo mettergli un limite da non superare.
Ma scopriamo che la parola di Dio è verità. Noi non possiamo tracciare quel confine.
In secondo luogo, noi esponiamo sempre qualcun altro al pericolo o al dolore.

Il peccato non è un affare privato, tocca sempre qualcun altro.

Nessuno può peccare in privato. Dio vede i cuori, lavora sempre per portare fuori ciò che è nascosto.
Alla fine tutto viene a galla, e provoca male, danno, dolore e disperazione a quelli che sono vicini a noi.
 
In terzo luogo, troviamo che il pentimento diventa sempre più difficile. Più andiamo avanti lasciando spazio al peccato, più è difficile tornare indietro o fermarsi.
Diventa difficile per noi abbandonarci al perdono, alla grazia redentrice di Dio e fermare il male.

In realtà, se andiamo troppo avanti, scopriamo che è impossibile tornare indietro.
Supponiamo che ci pentiamo (che significa tornare indietro) e ci fermiamo dalle cose malvagie, cosa succede poi?
Immediatamente tutto l'allontanamento ed estraneità che era tra noi e Dio, va via, e noi siamo restaurati nella comunione con Lui.
La nostra colpa è rimossa, noi siamo puliti e non abbiamo bisogno di sbattere la testa.
 
Siamo lavati e liberati davanti a Dio. Trattati come se la cosa non fosse mai accaduta.
Questo, è l'incredibile meraviglia del perdono di Dio, possiamo trovare sollievo genuino dal tormento interiore dei nostri cuori ed essere LIBERI.

Dai versetti:
Salmo 32:1-5
Efesini 5:1-17

Fonte: Cristo è la Risposta
https://www.facebook.com/Cristo.la.risposta?ref=stream&hc_location=stream

Vedi anche:
Il peccato

https://www.evangelici.info/tematiche_cristiane/260

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il peccato, quello "geneticamente" ereditato oppure quello prodotto dai nostri pensieri e dalle nostre azioni è, insieme ad altri "attori" che scopriremo, l'origine delle sofferenze.
    --- Alvaro Pietrageli ---
    Roma 10 novembre 2002

  • "Ma esortatevi gli uni gli altri tutti i giorni, finché si può dire: «Oggi», onde nessuno di voi sia indurito per inganno del peccato" (Ebrei 3:13)  
    Qualcuno ha detto: "se non vuoi comprare la merce del diavolo non entrare nel suo negozio", indicando con queste parole il grande pericolo della superficialità. Il cuore dei credenti dovrebbe vigilare e cercare la guida del Signore per ogni decisione che è chiamato a compiere.
  • --- "...se vivete secondo la carne voi morrete" Romani 8 ---
    Non si tratta di una esecuzione istantanea, proprio come non lo fu con Adamo ed Eva. Piuttosto di un'agonia dal sapore inspiegabilmente percepibile con le papille gustative dell'anima. Come il sapore del sangue in bocca quando qualcosa non va nel nostro corpo.
    Tale morte avviene ad ogni scelta, che sono spesso quotidiane, lontana dalla Sua volontà.

  • Romani 6 - Predica tratta dal capitolo sei della lettera di Paolo ai Romani - Quale sarà la tua risposta d'amore ad un Dio d'amore?

  • "Non sapete che" in questa lettara la prima di una decina di domande simili.
    Continuiamo lo studio di questo libro con l'aiuto del fratello Simon Marshall.
    1° Corinzi capitolo 3:16 > 4:5

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri