L’ora di tenebre dell’uomo è l’ora di potenza di Dio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
In Giovanni 2, Gesù ed i Suoi discepoli furono invitati al pranzo di un matrimonio in Cana. Evidentemente anche la famiglia del Signore aveva ricevuto l'invito, perché la madre di Gesù si trovava là. Maria si avvicinò a lui con una richiesta: "I padroni di casa hanno finito il vino".

La risposta di Gesù a sua madre sembra un pochino strana; le disse: "L'ora mia non è ancora venuta".

Quale era l'ora a cui si stava riferendo Gesù? Non stava parlando del momento di tenebre che avrebbe affrontato tre anni dopo, prima della crocifissione; in quel momento Gesù avrebbe detto: "La mia ora è venuta".

Ma qui a Cana stava riferendosi ad un'ora differente; cioè il ministerio di Cristo stava appena cominciando. Questo è ciò cui si stava riferendo, quando disse a Sua madre che la Sua ora non era ancora venuta, ma subito dopo Egli compì un segno, miracolosamente trasformò sei grandi recipienti d'acqua in vino.

Permettetemi di chiedere: vi siete mai domandati perché Gesù attese nel fare tale miracolo? Aspettò fino a che tutte le bottiglie fossero asciutte, ogni bicchiere vuoto, fino a che il padrone di casa si era cominciato a preoccupare.

Vi dico che Gesù attese di proposito che in quel matrimonio tutte le risorse umane fallissero. Attese fino a che nulla potesse risolvere il problema eccetto un miracolo. Questo è il momento in cui viene l'ora di Dio.

Qui c'è un'importante verità per ogni credente: l'ora della potenza di Cristo si manifesta proprio nel momento della nostra impotenza.

Io credo che Gesù stesse dando ai Suoi discepoli, ed alla Sua chiesa a venire, un sermone illustrato. Il nostro Signore non fa o dice una parola che non abbia un significato eterno. Qualunque cosa le Scritture registrano su di Lui, indicano l'immutabile natura ed opera di Dio, e c'è un principio divino che si mostra a noi in questo episodio a Cana.

L'ora di Gesù aveva a che fare con qualcosa che stava accadendo nella festa. cioè la Sua opera di potenza viene quando non c'è più vino nelle nostre bottiglie, quando siamo vuoti di soluzioni, quando tutti i nostri sforzi umani sono vani e soltanto un miracolo può rispondere al nostro problema.

Troviamo questo principio all'opera ovunque nella Bibbia, nell'ora più oscura dell'uomo, il Signore compie un evento che manifesta la Sua potenza; quando siamo alla fine di ogni nostra saggezza, Dio ha già preparato una grande opera di liberazione in nostro favore.

Le Scritture ci forniscono abbondanti esempi di questo principio. Vediamo due di questi esempi in Giudici, un libro che contiene alcuni dei periodi più oscuri nella storia dell'antico Israele.

In un ora oscura Dio ha preparato una meravigliosa liberazione per il Suo popolo, tramite l'umile Gedeone.

In Giudici 6 troviamo Israele in un periodo di grandissimo impoverimento; anno dopo anno il popolo di Dio era diventato sottomesso ad un nemico predone che lo teneva in povertà. Mentre i malvagi Madianiti arrivavano, il popolo di Dio fuggiva sulle colline per cercare salvezza e rifugio nelle caverne. Nel frattempo i loro nemici rubavano i loro raccolti e le loro greggi, distruggendo tutto quello che avevano costruito. Lasciavano Israele completamente "senza nutrimento".

Che ora di tenebre era quella. La condizione di impoverimento di Israele continuava anno dopo anno; questo ci parla di morte spirituale. Il loro grido era: "... Ahimè, mio signore, se il SIGNORE è con noi, perché ci è accaduto tutto questo? Dove sono tutte quelle sue meraviglie ...?" (Giudici 6:13).

Eppure fu proprio in quest'ora oscura che Dio manifestò la Sua potenza in favore del Suo popolo. In verità il Signore compì la Sua liberazione scegliendo l'uomo più povero della più povera famiglia della più povera tribù d'Israele: Gedeone.

Probabilmente conoscete il resto della storia; Dio mandò un angelo a Gedeone, lui insieme a trecento altri uomini, usando solamente trombe
e fiaccole spezzarono il potere dei Madianiti. Israele fu miracolosamente liberato!

La loro ora di tenebre era diventata l'ora della potenza di Dio.

[CONTINUA...]

PER LEGGERE IL MESSSAGGIO COMPLETO CLICCA SUL SEGUENTE COLLEGAMENTO:
http://www.worldchallenge.org/it/node/6988

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Malachia - Un messaggio dal Dio che ama

    CAMPO DI STUDI BIBLICI, dal 7 al 16 agosto 2007
    Presso Centro Evangelico di Poggio Ubertini
    Via Romita, 30 - 50020 Montagnana Val di Pesa (FI) Italia
    Mercoledì, 8 agosto 2007 – ore 9:30

  • Vorrei invitarti ad intraprendere un viaggio che potrebbe cambiare la tua vita. Dove stiamo andando? Quale è la nostra destinazione? - Trovare Dio. So che questo è un compito arduo. Forse tu non credi nemmeno in Dio, ma per ora questo va bene. Preferisco viaggiare con un dubitatore onesto, piuttosto che con un credente bigotto. Prima di metterci in cammino, ho due favori da chiederti. Il primo è che tu mi dia una chance: prima di tagliare la corda almeno leggi quello che ho da dire. Questo significa avere una mente aperta.

  •  

     

  • Interessante meditazione su alcune scelte di Dio. Scelte "pazze" se paragonate alla logica umana e alle scelte che ogni uomo farebbe per il raggiungimento di taluni obiettivi. Eppure è proprio così che Dio mostra il Suo amore.

    Il breve studio, 6 pagine, è moldo godibile e schematicamente organizzato. 

  • (Gesù dice:) "Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui". Apocalisse 3:20
    Gesù gli disse: "Perchè" mi hai visto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!". Giovanni 20:29

    Un amico mi ha detto una frase che mi ha fatto riflettere: " Non sarebbe più semplice se Dio si rivelasse in una volta sola a tutta la gente?"

    La Bibbia ci insegna che Dio può tutto. Potrebbe imporre la sua presenza. Ma non lo fa; vuole parlarci in un altro modo. Quando il Signore è stato

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri