L'opportunità della salvezza

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Nonostante Gesù sapesse quello che avrebbe fatto Giuda, lo mantenne nel gruppo dei discepoli. L'uomo, secondo la Bibbia, è l'essere che ha la capacità di scegliere liberamente.

Ben poco di quello che come cristiani, e ancora di più come avventisti, crediamo avrebbe senso senza la libertà della nostra volontà. Anche se il Signore sapeva che Giuda lo avrebbe tradito, non è stato lui a predeterminare questo fatto. Se così non fosse, che senso avrebbe la sua punizione?

Ovviamente Giuda era un essere libero e siccome la Bibbia ci dice che il Signore vuole che tutti giungano alla salvezza (2 Pietro 3:9), anche lui aveva la possibilità di essere salvato. Dobbiamo perciò pensare che Gesù tenne Giuda con sé non per dargli la possibilità di tradirlo, ma per offrirgli opportunità di salvezza.

Anche Pietro aveva bisogno di cambiare vita (Luca 22:31,32). Con queste parole Gesù mostra di sapere che Pietro si sarebbe convertito e che sarebbe stato anche un valido aiuto per la chiesa. Come per Giuda, la preconoscenza di Cristo non significa che sia stato lui a predestinare Pietro a essere il grande apostolo che fu. La verità è che Cristo, con la sua preconoscenza, sapeva in anticipo ciò che Pietro e Giuda avrebbero fatto della loro libertà di scelta. In entrambi i casi, queste due persone ebbero la possibilità di reagire liberamente a ciò che il Cristo offriva loro. La loro storia è la conseguenza delle loro scelte.

Quando sorgono delle difficoltà, spesso anche noi assomigliamo a Pietro. Invece di tenere gli occhi fissi sul Salvatore, guardiamo le onde: i piedi vacillano e le acque tumultuose ci sommergono. Gesù non aveva detto a Pietro di andare da lui per farlo affondare. Egli non ci chiama a essere suoi discepoli per farci morire. Non si dimentica di noi dopo averci invitati a seguirlo. Ma dice: "Non temere, perché io t'o riscattato, t'ho chiamato per nome; tu sei mio!
 
ZENZALE Francesco
Pastore Avventista

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il termine predestinazione il decreto divino col quale sarà stabilito il temporale ed eterno delle creature. Essa rappresenterebbe la meta voluta da Dio da tutta per quanto riguarda la salvezza o il rigetto degli individui. Si distinguerebbe cosi dall'ezioni che riguarda la scelta di collettività o per in vista della realizzazione storica o escatologica del piano divino. E questa una definizione corrente.
  • Efesini 1:1-14 - La nostra identità in Cristo: ogni benedizione spirituale desiderabile è già in atto - Il fratello Robert ci accompagna nell'esplorazione di 4 benedizioni "in Cristo":

    1. Eletti
    2. Figli (non si vergogna di chiamarci fratelli)
    3. Redenti - Liberi dalla schiavitù (perdono dei peccati)
    4. Suggellati

    --- Robert Hamilton ---
    Roma 9 settembre 2018

  • Romani 8:28-39 - Dio rivela se stesso e come vede le cose. Un'esplorazione in questa rivelazione che Dio ha fatto di se stesso ha creato non pochi problemi di interpretazione e di dottrine vista la complessità e l'immenista della mente di Dio. Il fratello Giuseppe ci accompagna in questa meditazione con le giuste precauzione...
     

     

  • Chi sono gli eletti di cui la Bibbia parla?
    Cerchiamo di comprendere questo concetto utilizzando come metafora qualcosa che conosciamo bene, le elezioni politiche.

    I candidati alle elezioni sono tanti ed alcuni vengono eletti in base al programma elettorale che presentano.

  • Gesù dice: "Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come la gallina raccoglie i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! Ecco, la vostra casa vi è lasciata deserta"  Matteo 23.37

    Si è scritto molto, molto si scriverà, sulla dottrina della predestinazione ma anche sul fatto che quello che accade è sempre la volontà di Dio.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta