Conversioni a Cristo nelle aree perseguitate del Pianeta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Il fratello Stefano De Martino della missione Porte Aperte, ci invita in una predica/resoconto della missione a considerare seriamente le questioni della chiesa perseguitata per predisporci all'aiuto a 360° cominciando dalla preghiera.

--- Stefano De Martino ---
Roma 21 ottobre 2010

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Seoul (AsiaNews) – 07.07.2010 - Un cristiano evangelico nordcoreano è stato torturato e poi ucciso in un carcere di Pyongyang. La denuncia è stata fatta dal fratello della vittima, che in una lunga intervista punta il dito contro il “regime ipocrita” di Kim Jong-il, che “cerca di porsi al di sopra di ogni altra legge, umana o divina”.
  • "Una lettera dalla gente della croce (i cristiani) all'ISIS"
    "Noi non siamo diversi. Lontani dal sangue di Cristo, non siamo meno peggio del peggiore jihadista."

  • 23.01.2012
     
    In Nigeria, le tensioni inter-religiose si acuiscono giorno dopo giorno. I fondamentalisti islamisti di Boko Haram hanno scatenato una furiosa serie di attacchi contro i cristiani con l'obiettivo di scacciarli dal Nord del Paese.
     
    Negli Stati della Nigeria del Nord si intensificano le persecuzioni ai danni dei cristiani da parte dei gruppi fondamentalisti d'ispirazione islamica.
  • Un’infermiera britannica, cristiana, che ha operato per 15 anni in un ospedale NHS nella città di Dartford, ad Agosto di tre anni fa, era stata licenziata dal suo datore di lavoro perché al momento del ricovero in cui i malati compilavano il modulo con i dati personali l’infermiera chiedeva loro, l’orientamento religioso e così parlava del Signore e della sua fede. Ma è stato ritenuto un gesto pericoloso, spingendo i dirigenti sanitari dell’NHS a cacciarla anche per il fatto che Sarah aveva pregato con qualcuno dei pazienti e per aver regalato la Bibbia ad un malato di cancro.

  • In risposta al bombardamento di notizie inquietanti che ci giungono ormai quotidianamente dall'Iraq, la Chiesa, in tutto il mondo, reagisce stringendosi in preghiera attorno ai cristiani che sono obbligati a scappare dalle loro città, vittime spesso di una persecuzione violenta. L'appuntamento è per sabato 23 agosto!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri