Conoscere lo Spirito Santo

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Qui nella chiesa di Times Square cantiamo, battendo le mani, un cantico che suona in questo modo: Fallo scendere Signore, fallo scendere. Signore, fai che lo Spirito Santo scenda Abbiamo bisogno di Lui, Signore, fallo scendere.

Cantiamo altri canti analoghi a questo, implorando che lo Spirito anto scenda.

Ma la verità è che lo Spirito Santo è già qui; Egli venne dal cielo ell’Alto Solaio a Pentecoste e non se ne è mai andato!

Gesù promise: -e io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro consolatore, perché stia con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché dimora con voi, e sarà in voi.- (Giovanni 4:16-17).

Considerate una frase che Gesù utilizza in questo passo: -Voi lo conoscete-. Recentemente, mentre leggevo queste parole per il mio studio nella preparazione di questo messaggio, non riuscivo a sbarazzarmene. Ho realizzato che non conoscevo abbastanza dello Spirito Santo.

La chiesa parla molto sullo Spirito; insegniamo una dottrina sullo Spirito Santo; parliamo sull’essere riempiti con lo Spirito, parlare e vivere nello Spirito, avere i doni dello Spirito, ricevere il conforto dello Spirito.

Eppure è possibile conoscere tutte le dottrine dello Spirito Santo ed ancora non conoscerLo. Se vi chiedessi: -Avete ricevuto lo Spirito Santo? Come mi rispondereste?

Alcuni potrebbero dire: -Si, ho ricevuto lo Spirito quando Gesù mi ha
salvato; è stato lo s.s che mi ha portato nel regno di Cristo-. Altri risponderebbero: -Si, ho ricevuto lo Spirito, perché ho parlato in lingue quando Egli è entrato nella mia vita, io prego nello Spirito e e lingue sono un’evidenza che Lo ho ricevuto-.

Comunque ricevere lo Spirito Santo è più di un’esperienza singola. La
parola -ricevere- significa -ottenere quanto è stato dato-. In breve, il ricevere è desiderare una crescente capacità di una maggiore onoscenza di chi è lo Spirito è cosa riguarda il Suo ministerio.
Infatti lo Spirito Santo non viene ricevuto da alcuno fino a quando non Gli sia permesso di prendere il pieno controllo del tempio di uella persona.

Paolo chiese ai Galati: -Come riceveste lo Spirito? Lo avete ricevuto per fede?- Quindi egli dichiara: -Avete affermato per fede che ciò che conoscete dello Spirito lo avete ricevuto per fede; quindi c’è stato un continuo -ministerio- dello Spirito verso voi in fede? State sercitando la fede per andare più a fondo con lo Spirito?-

Continua sul sito detentore dei diritti....

   Di David Wilkerson
  5 novembre 2007

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • LA PIENEZZA DELLO SPIRITO

  • "Uomini dal collo duro ed incirconcisi di cuore e di orecchi, voi resistete sempre allo Spirito Santo" - Un messaggio molto forte rivolto a tutta l'umanità. A quanti rifiutano di credere a Gesù, e rivolto ai religiosi che, pur conoscendo Gesù, il piano di Dio, si rifiutano di compiere la Sua volontà che va oltre la religione o i ritualismi, seppur "evangelici".

    Predicazione audio tratta dal capitolo 7 (versetti 7/53) degli Atti degli Apostoli.
     

  • “Quando il giorno della Pentecoste giunse, tutti erano insieme nello stesso luogo. Improvvisamente si fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dov’essi erano seduti. Apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano e se ne posò una su ciascuno di loro. Tutti furono riempiti di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro di esprimersi. Or a Gerusalemme soggiornavano dei Giudei, uomini religiosi di ogni nazione che è sotto al cielo. Quando avvenne quel
  • Il riconoscimento dei doni ed il loro esercizio nel servizio, vissuti nella sovranità e nella guida dello Spirito Santo, sono essenziali per il cammino di ciascun credente e per la crescita della chiesa locale.
    Le indicazioni della Parola di Dio e l'esempio della Chiesa del primo secolo sono assai eloquenti in proposito.

    Fonte: www.ilcristiano.it
    (2008 luglio)
  • "...Desti loro il tuo buon spirito..." (Nehemia 9:20) - Dimenticare lo Spirito Santo è un peccato fin troppo comune. È una follia e un'ingratitudine. Egli merita d'essere ricordato perché è buono, sommamente buono. Egli condivide il triplice attributo di santità che viene riferito comunemente all'Eterno. In Lui c'è totale purezza, verità e grazia. Egli è buono nella Sua benevolenza, sopporta la nostra empietà, lotta contro la nostra volontà ribelle, ci vivifica dalla morte nel peccato, e quindi ci alimenta, nel cammino verso il cielo, come una balia amorevole nutre un bambino.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri