Camminare nello Spirito: che significa?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
DImorate in me e io dimorerò in voi; come il tralcio non può da sè portare frutto se non dimora nella vite, così neanche voi, se non dimorate in me. - Giovanni 15.4

Io dico: camminate secondo lo Spirito e non adempirete affatto i desideri della carne. - Galati 5:16

-------------

W.Mc Donald scrive:
«Cosa significa praticamente <camminare nello Spirito?>
Non è una cosa teorica e complicata come alcuni pensano e voglio dare alcune indicazioni di come il cammino nello Spirito possa realizzarsi nella vita quotidiana:

- Prima di tutto iniziamo la giornata con la preghiera, confessiamo tutti i peccati coscienti nella nostra vita.
Questo ci rende dei recipienti puri, che Dio potrà usare.
- Riserviamo anche del tempo alla lode e all'adorazione, perché ciò dispone la nostra anima nel modo giusto.
- Rimettiamo coscientemente a Dio il dominio sulla nostra vita: ciò dà la possibilità al Signore di vivere la sua vita attraverso noi. Grazie a questo atto di consacrazione, <ci risparmiamo degli inutili progetti e lasciamo a lui la pianificazione della nostra esistenza>.

- Impieghiamo poi del tempo per il nostro nutrimento con la Parola di Dio. In questo modo capiremo quale sia in generale la volontà di Dio per la nostra vita e forse riceveremo anche delle indicazioni particolari del suo piano per la nostra situazione presente.

- Dopo la meditazione, facciamo ciò che la nostra mano trova da fare. Di solito saranno occupazioni comuni, ripetitive, quotidiane.

A questo riguardo molte persone hanno un'idea errata del <cammino nello Spirito> pensano che esso non possa realizzarsi in un mondo di grembiuli o tute da lavoro. Invece esso consiste in gran parte nella fedeltà e nell'attenzione durante il nostro lavoro quotidiano.

- Durante la giornata confessiamo e condanniamo il
peccato (non il peccatore) non appena ne veniamo a conoscenza e lodiamo il Signore pensando alle benedizioni che egli ci elargisce.

Ubbidiamo ad ogni impulso di fare il bene e rifiutiamoci di seguire le tentazioni che ci inducono a peccare.
Prendiamo tutto ciò che succede durante la giornata come espressione d.ella volontà di Dio per noi.
- Le interruzioni diventeranno delle possibilità di testimonianza,
- le delusioni degli appuntamenti con.lui,
- le telefonate, le lettere o le visite una parte del suo piano

Da: Il labirinto delle mie sconfitte

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri