Calcio intelligente?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Sono stato invitato a un gruppo in Internet dal titolo «Calcio intelligente». Ecco qualche riflessione, che in parte ho postato lì, che potrebbe stimolare la discussione qui. Ho qualche dubbio che esista qualcosa come il «calcio intelligente». Mercenari strapagati a peso d’oro scendono in campo, inseguendo una palla; e migliaia di tifosi paganti si illudono, dicendo: «Abbiamo vinto!». Intanto fanno ingrossare il conto in banca dei proprietari del club calcistico, che vendono abbonamenti per gli stadi e il marchio per produrre gadget di ogni tipo; a ciò si aggiungono gli introiti provenienti dai mass-media (TV, radio, gruppi editoriali, ecc.), che vendono abbonamenti, giornali, libri, CD, DVD, ecc. I calciatori sono un prodotto come un altro, che viene sfruttato finché tira. Tali mercenari guadagnano milioni dall’essere prodotti di lusso e perché si vendano prodotti a loro nome.

In nome dei loro idoli i tifosi hanno fatto grandi sacrifici; hanno pagato abbonamenti, sono andati in trasferta, hanno comprato tutto l’occorrente per apparire tifosi della squadra del cuore (cappellini, sciarpe, magliette, felpe, poster, palloni, ecc.).

Tali idoli del calcio sembrano inseparabili dal club sportivo di appartenenza. Il tifo per la squadra del cuore è come una specie di devozione a una religione sportiva, con i suoi rituali e le sue liturgie. Infatti, ad esempio, per loro dire «Napoli» e dire «Higuain» era la stessa cosa. Tuttavia, quando viene offerto loro di più dai concorrenti, presto cambiano casacca.

E che faranno ora i tifosi del Napoli, che si sono fatti tatuare il loro idolo Higuain sul braccio, sul polpaccio o sulla schiena in formato XXL? Ora, il loro idolo è diventato un traditore! Assomigliano a quelli, che si sono fatti tatuare il nome della loro amata sul corpo, pensando a un amore eterno, ma poi sono stati traditi dal migliore amico! Ora, quel nome è odiato e maledetto, ma esso resta proprio attaccato addosso.

Come scrisse il vecchio e saggio Salomone: «Nullità delle nullità; tutto è nullità. [...] Anche questo è nullità, è un correre dietro al vento» (Bibbia, Ecclesiaste 1,3; 2,26). Sì, correre dietro a una palla, è nullità! Una delle tante nullità di questo mondo, in cui lo sport diventa spettacolo, i calciatori idoli, il tifo diventa un surrogato di devozione religiosa e il business la fa da padrone.

Era meglio, quando a inseguire la palla eravamo direttamente noi. Almeno ci misuravamo gli uni con gli altri, diventavamo consapevoli dei nostri punti di forza e dei nostri punti deboli, creavamo gioco di squadra, sviluppavamo strategie immediate e c’inventavamo trucchi. Allora sì che era un «Calcio intelligente».

*** Discuti questo tema qui o sulla mia pagina di "Facebook": https://www.facebook.com/notes/fede-vivente/calcio-intelligente/1223579761006589

Nicola Martella

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questi giorni è alla ribalta della cronaca la morte di Gabriele SANDRI. Ucciso, come risaputo, in una rissa sull'autostrada, in un autogrill.

    Ucciso da un poliziotto. Questa storia mi ha colpito, come a tutti, per un triplice aspetto. La morte così accidentale accaduta ad un giovane, il fatto che era laziale, come il sottoscritto, il fatto che è stato ucciso da un poliziotto, come lo sono anche io.
    Due famiglie spezzate, quella del ragazzo e quella del poliziotto.

  • Il bisogno di immaginare il futuro, un futuro in cui non si crede più, le paure emergenti ed alimentate nel cuore dei nostri concittadini. La sfiducia nel Governo e nei partiti, l'infelicità e la scontentezza degli italiani. Allegato a questo articolo, stranamente per il "canone" di questo sito web, non troverete una predicazione audio cristiana ma la presentazione del 51° Rapporto Censis del 1 Dicembre 2017. 

  • SEMPRE PIU' SPESSO LA BACHECA FACEBOOK (FB) DI CHI SI DEFINISCE CRISTIANO E' SEMPRE PIU' SIMILE A CHI NON SI DICHIARA TALE. E in questi casi e in senso spirituale in quale stato di salute si trova il cuore? (Luca 6:46) - Rileggendo il primo versetto dei salmi scopriamo subitissimamente la chiave per la felicità del credente:

  • Quando il tifo per la creatura supera l'amore per il Creatore - Il mondo evangelico Americano, e di riflesso parte del resto nel Mondo, sembra essere stato decisivo nelle precedenti elezioni del presidente USA. Per quanto ci riguarda, da queste pagine, abbiamo identificato Trump come il "messia" portatore di un messaggio potente, quando distorto dalla realtà. Forte ma non giusto. Si leggano:

  • Panorama annuncia l'uscita del nuovo dello stimato Prof. Umberto Veronesi, leggiamo:

    Nel suo ultimo libro "Il mestiere di uomo”, il celebre oncologo racconta la sua vita e il suo progressivo allontanamento dalla fede

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta