25.08.2011 - Washington obbligherà all'impianto di un microchip RFID tutti gli americani?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Si susseguono voci, rumors a volte ingigantiti, che vedrebbero confermato il Progetto di Legge sulla Salute di Obama che prevede l’impianto di un microchip RFID per tutti i cittadini americani, tale disposizione non sarebbe obbligatoria ma consigliata.

L’obiettivo è di creare un registro nazionale di identificazione che permetterà di “seguire meglio i pazienti avendo a disposizione tutte le informazioni relative alla loro salute”.

Il nuovo progetto relativo alla salute (HR 3200) è stato adottato recentemente dal Congresso e alla pagina 1001, contiene l’indispensabile necessità per tutti i cittadini che usufruiscono del sistema sanitario di essere identificati con un microchip sottocutaneo.

In un documento ufficiale, vi è la prova che questi dispositivi fossero già previsti nel 2004. Questo documento della FDA (Food and Drug Administration), datato 10 Dicembre 2004 è intitolato Class II Special Guidance Document : Implantable Radiofrequency Transponder System for Patient identification and Health information ( Documento di orientamento speciale di classe II : Sistema di transponder impiantabile a Radiofrequenze per l'identificazione dei Pazienti e le informazioni relative alla salute).

L’impianto di un microchip per i pazienti che contenga le informazioni sulla loro salute era quindi già allo studio nel 2004. Nel Progetto di Legge intitolato America's Affordable Health Choices Act of 2009 (Legge del 2009 sulle scelte di salute finanziariamente abbordabili dell’America), si può leggere nel paragrafo Subtitle C – National Medical Device Registre ( Sottotitolo C – Registro nazionale dei Dispositivi Médici), che è prevista una scheda per ogni persona che ha o sarà munita di un dispositivo sottocutaneo: Il " Secretary " stabilirà un " registro nazionale dei dispositivi medici " (in quel paragrafo sono chiamati "registro") per facilitare l’analisi della loro sicurezza dopo la commercializzazione, con i dati di ogni dispositivo che è o è stato utilizzato su un paziente…”

Quindi tutte le persone che avranno ricevuto il microchip saranno schedati in un nuovo registro che ancora non esiste.

Con il pretesto di assicurare meglio l’assistenza sanitaria e preservare la salute dei cittadini, tutta la popolazione sarà marchiata con un microchip elettronico e schedata. L’inizio della marcatura è previsto a partire dal 2013.

Alla pagina 1006 del progetto, è fatta una precisazione sulla data di entrata in vigore del dispositivo: “ENTRATA IN VIGORE. Il Ministro della Salute e dei Servizi Sociali, metterà in opera il registro in virtù dell’articolo 519 (g) della Legge Federale sul cibo, i farmaci e i prodotti cosmetici come da aggiunta nel paragrafo, non più tardi di 36 mesi dalla promulgazione della presente Legge, senza preoccuparsi se le regolamentazioni definitive per stabilire e utilizzare il Registro siano state promulgate o meno in quella data”.

Quindi 36 mesi a partire dalla data di entrata in vigore della Legge! Questo ci dà 3 anni. Il 2013 è l’anno in cui la marcatura obbligatoria dovrebbe incominciare. Da notare che entrerà in vigore anche se non sarà stata adottata nessuna regolamentazione sul suo utilizzo e che sia presente o meno un inquadramento ben definito sull’utilizzo del “registro”.
 

 
 
Vidi poi salire dalla terra un'altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago. Essa esercita tutto il potere della prima bestia in sua presenza e costringe la terra e i suoi abitanti ad adorare la prima bestia, la cui ferita mortale era guarita.

Operava grandi prodigi, fino a fare scendere fuoco dal cielo sulla terra davanti agli uomini. Per mezzo di questi prodigi, che le era permesso di compiere in presenza della bestia, sedusse gli abitanti della terra dicendo loro di erigere una statua alla bestia che era stata ferita dalla spada ma si era riavuta. Le fu anche concesso di animare la statua della bestia sicché quella statua perfino parlasse e potesse far mettere a morte tutti coloro che non adorassero la statua della bestia.  Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome.

Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.
 
Apocalisse 13
AllegatoDimensione
PDF icon Radio Frequency IDentification.pdf225.75 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Fonte:

http://forum.cosenascoste.com/altri-argomenti/61216-microchip-rfid.html

________________

CitazioneOriginariamente Scritto da bakeneko Visualizza Messaggio
HR 3200 non è mai passata, quella approvata è stata la HR 3590.
H.R. 3200 pagina 1001 è stata completamente travisata, essa fa riferimento alla creazione di database raccogliendo dati su pazienti che hanno effettuato impianti come pacemakers.
H.R. 3200

Si può leggere al riguardo fino a pagina 1008 dove ci sono ulteriori chiarimenti.
Qualcuno ha perfino confuso il CHIP (Children's Health Insurance Program) con il chip RFID.
Il chip RFID non è nemmeno mai trattato chiaramente in H.R. 3590

Praticamente rimane un servizio fruibile in via sperimentale a chi lo desidera, gli H.R. non ne parlano nemmeno e qualcuno ci ha visto installazioni sottocutanee obbligatorie di massa.

Anche se mi trovo un po' in difficoltà ad analizzare testi legislativi non italiani, la cosa mi intessa abbastanza, perciò stamattina ho fatto una ricerchina...

Ed hai ragione, la legge
H.R.3200 pare non sia stata più approvata nell'ambito della riforma sanitaria americana, così come è vero il fatto che non è previsto nessun un obbligo di farsi impiantare un microchip. E' però anche vero che la H.R.3200 si riferiva pure ai dispositivi con tecnologia Rfid oggetto di impianto in precedenza, non solo ai pacemakers: la “classe II” di dispositivi medici cui si fa riferimento nella prima parte che hai riportato ricomprende infatti (fra i tanti) anche gli impianti di questo tipo (EPIC - Verichip, Medical device - Wikipedia, the free encyclopedia). La stessa cosa si evince dall'ultimo tuo link, dove dispositivi del tipo “Implantable Radiofrequency Transponder System” vengono identificati come soggetti ai controlli previsti per quelli di classe II.

Cioè, per quel che ho capito l'autorizzazione all'uso sanitario (facoltativo, come scrivi: di fatto però anche “consigliato” per i vantaggi connessi all'uso per determinate patologie) unitamente all'attestazione di non pericolosità (alcuni scienziati dissentono sul punto) di questi dispositivi, che comunque sono del tipo Rfid, è già stata rilasciata dalla FDA nel 2004.

Nell'ambito della recente riforma, con la H.R.3200 (Luglio 2009) si era poi appunto prevista la creazione di un registro nel quale inserire anche l'elenco di tutti coloro che, sempre per ragioni sanitarie, abbiano fatto ricorso alla tecnologia in esame: registro ovviamente da tenere aggiornato anche per il futuro.

La H.R.3200 (e forse anche altre proposte di legge poi accantonate) sono poi confluite in un nuovo testo riscritto, quello approvato con la H.R.3590, dove però non pare più esserci riferimento a questo registro né alla classe generica di dispositivi identificati come impiantabili.

Però in due altre (proposte di ?) leggi – la H.R.3962 (Ottobre 2009) e la H.R.4872 (Marzo 2010) - il richiamo al registro nazionale, con le stesse classi di dispositivi elencate nella H.R.3200, è comunque presente (nella seconda, da fine pag.1013: cliccare su entrambe per il link).
Si tratta di un'ulteriore proposta accantonata o di un diverso, separato testo definitivamente approvato?

Per quel che ho capito io, la H.R.4872 (forse ciò si può ricavare direttamente anche dal mero riferimento numerico) è successiva e diversa, perciò quel che è uscito dalla porta H.R.3200 sembra essere rientrato dalla finestra: http://thomas.loc.gov/cgi-bin/bdquery/z?d111:H.R.4872

Di sicuro si tratta di un “semplice” registro e non vengono previsti obblighi di impianto come indicato nell'articolo postato da Dalailama, però si tratta comunque di un passettino in avanti, a prescindere dall'idea che si abbia sull'uso di questa tecnologia: prima - nel 2004 - si è autorizzato infatti l'uso a fini sanitari dei microchips sottocutanei e si è affermata la loro non pericolosità per la salute (questo a livello della Fda: PI: Chip sottopelle per i pazienti USA), ora si concede ad essi una veste legislativa formale con la previsione di un registro nazionale, cioè una elencazione - per fini di sicurezza e di verifica dell'efficacia a livello medico, queste le motivazioni - di coloro che effettivamente hanno “beneficiato” specificatamente (all'interno della cerchia più ampia dei dispositivi di Classe II cui si applica la suddetta registrazione) di questa tecnologia nei circa 7 anni trascorsi dalla data del provvedimento di approvazione da parte della Fda

Infatti on line si possono trovare diversi articoli sull'”evoluzione” che c'è stata negli USA relativamente a questa tecnologia e al tipo di patologie o situazioni in riferimento alle quali è stata progressivamente testata, autorizzata o richiesta l'introduzione ...
Ad esempio:
- negli ultimi anni si è pensato di introdurlo anche per monitorare lo stato dei diabetici (2006): I chip sottopelle misureranno il diabete;

- in tema di sicurezza, Scott Silverman, presidente del cda della Verichip propose nel 2006 di utilizzare chips Rfid per il controllo dei flussi migratori: ADUC - Immigrazione - Notizia - USA - Usa. Presidente di VeriChip propone di istallare chip sugli immigrati;

-
nel 2007 però 3 Stati americani (California, oltre a South Dakota e Wisconsin che aveano già deliberato precedentemente) individuarono una “normativa che tutela dall'impianto obbligatorio di chip sottopelle(eh già, perché fuori dal contesto sanitario, sempre sulla base del fatto che l'Fda ha previsto nel 2004 la non pericolosità del dispositivo, vi era il “timore elevato che privati datori di lavoro lo rendessero obbligatorio per i proprio dipendenti”: quindi si presume che negli altri stati la cosa sia tuttora possibile);

- nel 2008 una nuova “campagna di marketing diretta a tutte le persone che vogliono impiantarsi un tag Rfid” (forse perché fino a quel momento in pochi vi avevano fatto ricorso)

- sempre nel 2008 parte un progetto di ricerca del dipartimento di difesa Usa per inserire tali microchips nel cranio dei soldati con lo scopo di “segnalare costantemente il loro stato di salute”... GNOSIS - Rivista Italiana di Intelligence


Fuori dagli Usa è poi assai curioso il caso di uno scienziato saudita che in Germania ha chiesto nel 2009 di vedersi riconosciuto un brevetto (poi negato dal competente ufficio di Monaco perché contro legge) per un microchip Rfid che, in una delle due varianti proposte dall'inventore, includeva “
una capsula di cianuro da rilasciare a comando nell'organismo dell'impiantato
"
Recentemente il numero delle persone ricercate dalle forze dell'ordine è aumentato a dismisura - ha sentenziato Alshareef - e la mia invenzione sarebbe perfetta per tracciare via satellite la posizione di criminali, terroristi, immigrati clandestini, opponenti politici e cittadini sauditi che non ritornano dai pellegrinaggi"


Qui invece la posizione tendenzialmente conservativa assunta in Italia nel 2005 dal garante della privacy (in fondo alla pagina relativamente a “
Impianto sottocutaneo di microchip) : sono attese “manovre” a livello europeo.
In ottica sanitaria, l'ultima notizia che avevo avuto modo di leggere riguardo all'uso di impianti di Rfid era questa Microchip sottopelle per vivere 120 anni - Scienza e Medicina - ANSA.it, anche se ora credo Don Verzè abbia altri pensieri per la testa...

Quest'altra bella iniziativa (rivolta ai più gggiovani e attuata in un villaggio vacanze israeliano: semplice braccialetto con microchip incorporato con cui interagire fra loro) in collaborazione con Fessbook e Coca-Colla me l'ero persa...: PI: Facebook, gradimento RFID


Si possono trovare tante altre “iniziative” e informazioni in merito, anche su vecchie discussioni del forum. Andando di questo passo (ormai questi microchips vengono utilizzati dappertutto, sono diventati una specie di moda fra i giovani e si moltiplicano anche le iniziative per usi umani sulla base di una lunga serie di vantaggi pubblicizzati), se davvero ci fosse del marcio, l'imposizione e l'obbligatorietà sarebbero proprio superflue, almeno per ora...
Ritratto di alex

Chip sotto pelle, crescono i fan negli Usa
In Rete testimonianze, foto e video di quanti si sono fatti impiantare il silicio per poter fare a meno di chiavi e password
 
Corriere della Sera - Articolo del 2006

Password e chiavi di metallo sono reperti quasi da museo per Amal Graafstra, imprenditore ventinovenne di Vancouver. Per accedere al suo pc o aprire la porta di casa, gli basta infatti soltanto un cenno della mano. Tutto merito del chip che si è fatto impiantare sottopelle: più piccolo di un chicco di riso, dura una vita.
 
Nel suo blog, il giovane canadese racconta per filo e per segno la sua esperienza con tanto di foto e video dell'«operazione». E si dice soddisfatto per aver convinto la sua ragazza, pure lei ora in grado di aprire la porta di casa con la sola imposizione della mano. Un intervento che non ha nulla di pionieristico, anzi. Sembra piuttosto destinato a diventare una nuova moda, la nuova frontiera dopo il piercing.
 
 
IL POPOLO DEI CHIP SOTTOPELLE - Basta dare un'occhiata al forum http://tagged.kaos.gen.nz per rendersene conto. Sono decine gli entusiasti del nuovo sistema di identificazione a radiofrequenza Rfid. «Sembra di avere una sorta di potere magico» commenta Mikey Sklar, un ventottenne di Brooklyn. «Abracadabra e la porta si apre, il computer si accende». E' stato un chirurgo di Los Angels a impiantargli il chip. Lukas invece rivela che ha fatto tutto da solo nel giugno scorso. C'è chi esibisce link a video (clicca per guardare) e foto (clicca per vedere). E chi lancia un annuncio: «Cerco persone in Florida con chip sottopelle. Mi piacerebbe sentire le loro storie, voglio scrivere un racconto sulle potenzialità di questa tecnologia». Firmato Steveg. Un altro incita i partecipanti a fargli gli auguri: «Ho trovato un chirurgo disponibile. Giovedì mi faccio fare l'impianto, auguratemi in bocca al lupo».

DUE DOLLARI PER IL CHIP - Sul forum si trovano anche le indicazioni per il kit: bastano due dollari per portarsi a casa il chip, mentre ne occorrono almeno 50 per il lettore, da installare nei dispositivi con cui si vuole interagire, dai pc alle porte.

COME FUNZIONA - L'insieme funziona così: un piccolo circuito elettronico presente nel chip Rfid (e normalmente inserito in un piccolo involucro di plastica chiamato tag) rimane in "ascolto" di un segnale radio trasmesso da un apposito lettore. Quando il circuito "sente" il segnale ne rimanda indietro a sua volta uno contenente il numero identificativo del chip o altre informazioni. A questo punto, ricevuta la risposta, il lettore dà l'ordine di aprire porte, pc o altro.

RISERVE - Non mancano sul forum interventi più prudenti: «Finora il sistema è stato testato soltanto su animali che non vivono più di 15 anni: non possiamo quindi ancora sapere che effetti possa avere sul lungo periodo. Il silicio è tossico!» grida allarmato un forumista. Poi c'è chi ricorda il rischio della privacy violata («i dati del potrebbero essere decodificati da altri lettori»). Ed ecco la trovata: «Tranquilli, sto realizzando un giubbotto che, a comando, scherma le onde radio».
 
Alessandra Muglia
 
11 gennaio 2006
 
Ritratto di alex

In telecomunicazioni ed elettronica RFID (o Radio Frequency IDentification o Identificazione a radio frequenza) è una tecnologia per l'identificazione e/o memorizzazione dati automatica di oggetti, animali o persone (AIDC Automatic Identifying and Data Capture) basata sulla capacità di memorizzazione di dati da parte di particolari dispositivi elettronici (detti TAG o transponder) e sulla capacità di questi di rispondere all'"interrogazione" a distanza da parte di appositi apparati fissi o portatili chiamati per semplicità' "lettori" (in realta' sono anche scrittori) a radiofrequenza comunicando le informazioni in essi contenute. In un certo senso possono essere quindi assimilabili a sistemi di "lettura e/o scrittura" senza fili.

Potrebbe interessarti..

  • La crisi dell'Occidente per l'ignoranza della Bibbia. L'Europa sconta un'incapacità nel comprendere lo Stato di Israele. A una certa politica miope gli ebrei piacciono solo in quanto morti da ricordare e non come soggetti con cui confrontarsi.
  • Gesù rispose loro: «Guardate che nessuno vi seduca. Poiché molti verranno nel mio nome, dicendo: "Io sono il Cristo". E ne sedurranno molti. Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, infatti bisogna che questo avvenga, ma non sarà ancora la fine.

    Matteo 24...

  • Che lo vogliamo oppure no, che lo sappiamo oppure no, non cambia il fatto che il Signore Gesù tornerà.
    --- Daniele Pasquale ---
    Roma 3 novembre 2002

  • Che gioia vedere delle vere conversioni durante questo tempo, e la fatica e le difficoltà, sono come scomparse grazie a questi "doni". Uno di questi ragazzi ha commosso tutti, perché era per la prima volta ad un campo e i suoi genitori non sono credenti. Ha accettato il Signore
    come personale Salvatore e, piangendo si preoccupava della sorte dei suoi genitori che "non lo avrebbero potuto seguire in paradiso".

  • Festa battesimale avventista nella Casa di reclusione “Due Palazzi” di Padova
    Notizie Avventiste - Sabato 8 maggio, a distanza di un anno esatto dalla prima cerimonia battesimale organizzata dalla chiesa avventista di Padova presso la Casa di reclusione “Due Palazzi”, si terrà il battesimo del detenuto L. D. F., alla presenza dei 12 volontari avventisti che operano con l’articolo 17, del

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri