20 settembre 1870 - La Breccia di Porta Pia

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Non è una data a cui si da molta ridondanza.
Mi ricorda i bei tempi della scuola, la scoperta, lo studio, mi colpì molto.
Non capivo cosa si volesse intendere per Stato pontificio, potere temporale. Davanti ai miei occhi c'era Giovanni Paolo II, scampato all'attentato.
E le sue parole divertenti del primo discorso ai Romani "Se sbaglio mi correggerete".
Sapere che si è combattuto contro il Papa fu un pensiero che non comprendevo.
Fu l'inizio delle mie esplorazioni, certo all'ora fanciullesche e superficiali, che andarono al di la di quanto ero abituato a vivere. Cullato dalle comuni e conosciute tradizioni. Certezze e rituali che rassicurano, ma che difficilmente, scoprii più in la con gli anni, ci conducono alla Via.

Un pezzetto di storia:
(http://it.wikipedia.org/wiki/Breccia_di_Porta_Pia)

Le truppe del Regno d'Italia (Bersaglieri) entrano in Roma attraverso la breccia di Porta Pia, ponendo così fine allo Stato della Chiesa.

--------------

La presa di Roma (20 settembre 1870) rappresenta il momento dell'unione di Roma al Regno d'Italia e quindi l'ultimo atto dell'unificazione nazionale.

La breccia, qualche decina di metri sulla destra della Porta Pia, in una foto d'epoca l'8 settembre i 60.000 soldati del generale Cadorna si schierarono lungo le vie Salaria, Appia, Aurelia e Tiburtina, iniziando a convergere su Roma.

Il giorno 19, Roma era ormai chiusa da ogni lato, esclusa la zona del Vaticano e della città Leonina, volutamente evitate in quanto sede del Papa.

Un'intensa azione preparatoria dell'artiglieria aprì una breccia presso la Porta Pia, attraverso la quale (20 settembre) i bersaglieri penetrarono nella città, senza incontrare particolare resistenza. Papa Pio IX aveva infatti ordinato una resistenza solo simbolica. Nell'azione caddero 49 soldati italiani e 19 soldati pontifici.

La presa di Roma non ha particolare valore militare. La resistenza opposta dalle guardie svizzere ebbe soprattutto valore simbolico: Pio IX voleva così dimostrare di essere stato aggredito e poter chiedere aiuto internazionale. Ma la sconfitta francese di Sedan e la caduta di Napoleone III aveva sconvolto gli equlibri lasciando lo stato pontificio senza protezione.

--------------  

alex

 


in nome del Papa Re

 

In nome del Papa Re è un film diretto da Luigi Magni. È il secondo della serie che il regista ha voluto ambientare nella Roma ottocentesca, iniziata con Nell'anno del Signore (1969) e proseguita con Arrivano i bersaglieri (1980), 'O re (1989), In nome del popolo sovrano (1990) e La carbonararisorgimentale. (2000); film nei quali ricorre il tema del rapporto tra il popolo e l'aristocrazia romana con il potere pontificio, tra gli sconvolgimenti accaduti nel periodo

 

Il film, liberamente ispirato a I segreti del processo Monti e Tognetti (di Gaetano Sanvittore, Milano, 1869), racconta dell'ultima condanna a morte decretata dall'autorità papale, il 22 ottobre 1867.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Oggi leggevo questa notizia sull'ansa:

    Appello del Pontefice contro consumismo, distacca dai valori
  • Libro molto interessante che descrive il piano delle apparizioni che il nemico sotto le vesti della "Madonna" che sta ingannando i popoli della terra con il progetto diabolico di unificare le religioni sotto il dominio dell'imperatore dello Stato del vaticano che sarà il precursore dell'Anticristo e della fine dei tempi che verranno....

  • L`adorazione alle immagini e` molto comune a molte religioni. Cosi è  anche nella pratica cattolica, vediamo cosa dice la catechesi cattolica al riguardo  "Dato che il culto reso ad`un immagine  va alla persona che ne` e` rappresentata e ricade su di essa, lo stesso tipo di culto che aspetta alla persona puo` essere reso all`immagine che la rappresenta.

    (New Catholic Encyclopedia,1967. Vol. 7, pag.372 ).

    Insegnamento biblico? Assolutamente no!

    Apriamo la Bibbia.

  • Il Signore vietà l'uso di statue che possono rappresentare cose sacre perchè conosce la propensione dell'uomo ad affezionarsi a ciò che vede ed è tangibile. Il rischio era, ed è, che l'oggetto diventi oggetto di culto, venerato ed adorato, un idolo. Non è cosa buona

    Salmi 115:3 Il nostro Dio è nei cieli; egli fa tutto ciò che gli piace.

    Salmi 115:4 I loro idoli sono argento e oro, opera delle mani dell'uomo.

    Salmi 115:5 Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono,

  • Migliaia di "pellegrini" sono da settimane quotidianamente in coda davanti al duomo di Torino per poter vedere da vicino l'immagine di un uomo impressa su un lenzuolo, che la tradizione popolare, mai smentita e neppure mai ufficialmente supportata dalla chiesa cattolica, in un tipico atteggiamento "alla Ponzio Pilato", identifica con la "sindone" che avrebbe avvolto il corpo morto di Gesù prima della risurrezione.
     

    Un esempio significativo

    Nei giorni imminentemente precedenti il

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri