Tutto sommato... non sono peggio degli altri..

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Davanti a te ho ammesso il mio peccato, non ho taciuto la mia iniquità. Ho detto: "Confesserò le mie trasgressioni all'Eterno", e tu hai perdonato l'iniquità del mio peccato. Salmo 32:5 "in fin dei conti, non sono peggio degli altri; non ho mai fatto male a nessuno, e sono convinto che Dio passerà sopra ai miei eventuali errori. Se Dio è amore come può non tener conto delle mie opere buone?"

Anche tu, caro lettore, non sei peggiore degli altri; ma il problema è che "gli altri " sono un pessimo metro di paragone, e poi non saranno loro a rispondere di te, "perche' ciascuno di noi renderà conto di se stesso a Dio" (Romani 14:12).

Invece di basarti sull'opinione che hai di te stesso, non è più prudente ascoltare l'opinione di Dio, che è il Giudice supremo? La sua Parola dice che "non c'è distinzione: tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio" (Romani 3:22-23), e che Dio non può restare indifferente di fronte al peccato. Ciò che per noi esseri umani è un piccolo peccato è pur sempre un peccato e Lui lo deve punire.

Nello stesso tempo, però, Dio ci ama e ci ha donato un Salvatore, il suo amato Figlio Gesù. In perfetta sintonia col Padre, Egli ha preso volontariamente il nostro posto subendo il giudizio divino.

Volgi il tuo cuore alla croce del Calvario: è lì che il peccato è stato condannato, è lì che Gesù ha espiato le colpe di tutti quelli che credono in lui. Non pensare che Dio passerà con leggerezza sopra le tue colpe, tanto più che ha messo a tua disposizione, mediante la semplice fede in Cristo, il mezzo per ottenere il suo perdono e la vita eterna.


Tratto da calendario cristiano: IL BUON SEME

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Di seguto l'edificante studio/meditazione di Samuele Negri sul tema della salvezza.
    Fu esposta in 4 parti nell'agosto del 2003 al campo biblico per ragazzi svoltosi a Poggio Ubertini.
    Di seguito i 4 file mp3

  • "E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio" (Lettera ai Gala ti 4:6-7).

  • È venuto in casa sua e i suoi non l'hanno ricevuto; ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome,
    Giovanni Cap. 1
    --------
    Un insegnamento chiaro:,

  • Luca 23 - Continuando nell'analisi dei discorsi di Gesù con le persone che lo incontrano giungiamo ad uno dei diaologhi più particolari considerato il luogo e la circostanza.  Assaporariamo nuovamente la meravigliosità del nostro Signore Gesù:

  • ---» Chi crede nel Figlio ha vita eterna; chi invece rifiuta di credere al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui. - {Giovanni 3:36}

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri