Trinità, concetto biblico?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Che cos’è la Trinità?

«Ascolta, Israele: Il SIGNORE, il nostro Dio, è l'unico SIGNORE» (Deut 6:4). Che cos'è la trinità? Il termine trinità non è di origine biblica.

Ma si è ritenuto che l'uso di questa parola fosse il migliore possibile per far riferimento al Dio unico, che ha rivelato se stesso nelle Scritture quale Padre, Figlio e Spirito Santo. Questo concetto suggerisce l'idea che all'interno dell'essenza unica della divinità, dobbiamo distinguere tre persone che non sono né tre parti, né tre espressioni di Dio, ma bensì tre persone distinte e coeterne.

Il concetto di Trinità esprime una convinzione fondamentale, vale a dire che Dio rivela se stesso come egli veramente è. La rivelazione di Dio nella storia della salvezza è una genuina auto-rivelazione. Come dice Emil Brunner, "L'unità della natura e la rivelazione di Dio è ciò che costituisce il significato della Trinità." (Emil Brunner, The Christian Doctrine of God, Dogmatics, vol. 1, Philadelphia: The Westminster Press, 1949, p. 220).

Il contributo essenziale dell'Antico Testamento alla dottrina della trinità è la sua insistenza sull'unicità di Dio. Dio non è uno tra i tanti (cfr. Es 20:2,3). Egli è il solo, l'unico: «Il Signore, il nostro Dio, è l'unico Signore» (Deut 6:4). ). L'ebraico usa il termine echad per indicare una unità composita, per un'unità semplice utilizza yachid. Per esempio per descrivere il matrimonio la Bibbia dice: «Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una stessa carne» (Gn 2:24). L'espressione «una stessa carne» (lebasar echad) implica un'unità plurale: i due coniugi sono uniti pur rimanendo personalità distinte. Tuttavia già nell'Antico Testamento noi troviamo un insegnamento implicitamente trinitario, come se Dio preparasse lentamente e progressivamente la via a una piena rivelazione della sua natura.

Fin dai primi versetti della Bibbia, Dio e lo Spirito di Dio appaiono come distinti. Per cui si legge che, quando Dio creò i cieli e la terra, lo Spirito di Dio aleggiava sulle superficie delle acque (Gn 1:1,2). Si fa allusione ripetutamente allo stesso Spirito di Dio in altri brani dell'Antico Testamento (Gn 41:38; Esodo 31:3; 1 Samuele 10:10; Isaia 61:1).

Nel salmo messianico Davide enuncia «Il SIGNORE ha detto al mio Signore: «Siedi alla mia destra finché io abbia fatto dei tuoi nemici lo sgabello dei tuoi piedi» (Sl 110:1).

Nel Nuovo Testamento vi sono due testi che menzionano i tre insieme: la formula battesimale di Matteo 28:19, «battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo», e la benedizione che conclude 2 Corinzi, «La grazia del Signore Gesù Cristo, l'amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi» (13:14). Inoltre vi sono numerosi riferimenti neotestamentari a Gesù e allo Spirito Santo come divini (ad es. At 5:3,4; Gv 1:1-2, ecc.).

G. Marrazzo - F. Zenzale  (pastori avventisti)
Fonte: http://www.avventisti.it

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Che il Padre, il Figlio e lo Spirito santo siano distinti lo si capisce spesso dal Vangelo quando Gesù prega il Padre (non prega se stesso) o quando appaiono tutti e tre e che il Padre sia una cosa solo col Figlio lo si capisce dal fatto che su tutto il Nuovo Testamento si legge spesso che il Padre ha resuscitato il Figlio e nel contempo nel Vangelo di Giovanni si legge che Gesù ha il potere di offrire la vita e di riprendersela da solo.

1Giovanni 5:7 Perciocchè tre son quelli che testimoniano nel cielo: il Padre, e la Parola, e lo Spirito Santo; e questi tre sono una stessa cosa.

 1Giovanni 5:8 Tre ancora son quelli che testimoniano sopra la terra: lo Spirito, e l'acqua, e il sangue; e questi tre si riferiscono a quell'una cosa.

Ritratto di alex

Si concordo pienamente. Si mostrano a noi come unità distinte, eppure, qui sta l'inafferabile per le nostre menti, ognuno ha delle carateristiche tipiche di una persona e delle prerogative unicamente riservate, da quanto scritto nell'Antico Testamento, a l'Eterno come si può "facilmente" verificare da queste analisi:

Ti abbraccio in Cristo,
Gesù ci benedica

Alex

 caro Alex, come mai Gesu disse ai suoli discepoli Vado al Padre perche il Padre e maggiore di me. E come mai l apostolo Paolo parlando ai Corinzi disse che dopo che Dio avra sottoposto ogni cosa al Figlio allora il Figlio sara sottoposto a colui il quale gli ha sottoposto ogni cosa.

Scusa per gli errori di ortografia purtroppo e una tastiera inglese e non riesco a utilizzarla bene.

Ritratto di alex

Scusate ho fatto degli aggiornamenti con annesse problematiche al database, forse e' andato perso qualche post, ho recuperato questi.....

Ciao Alex, ti ringrazio per

Inserito da gaetano (non verificato) il Lun, 22/03/2010 - 21:52

Ciao Alex, ti ringrazio per la tua risposta. Sono un ex Testimone di Geova, che e riuscito a capire tutte le cose sbagliate che mi avevano insegnato. Oggi sono un evangelista pentecostale ma l unica cosa che non sto riuscendo ad abbandonare dei vecchi insegnamenti e il non credere in un Dio trino. So che se 99 fratelli vedono in un modo e io sono in un altro sicuramente sono io nell errore ma mi e realmente difficile capire certe scritture che sembrano dimostrare il contrario. Grazie comunque e spero che Dio mi riveli che anche questa era una menzogna che mi era stata insegnata.ti saluto con 1 grosso abbraccio nel SIGNIORE Dio ti benedica

 

Inserito da alex il Mar, 23/03/2010 - 14:57

Caro Gaetano come puoi leggere i numeri cambiano si... aggiunge qualche fratello che non ritiene la trinità una verità scritturale.

C'è da chiedersi, rispondo fraternamente a Francesco, se la "dottrina" della "trinità sia un retaggio del cattolicesimo, oppure se il rifiuto di questa dottrina non sia un rettaggio del mondo "Geovista" .

Certo la parola Trinità non esiste nella Bibbia, tuttavia molti sono i passi che ci parlano di questa realtà a noi incomprensibile, gli "effetti" di questa realtà sono ampiamente dimostrabili pur non essendo dichiarata la dottina citata.

Dice bene Salvezza. Com'è possibile? Non possiamo rendercene conto in quanto limitati nel tempo e nello spazio. Non così Dio.
Mi ricorda, questa questione, la matematica, in particolare le divisioni. Non riuscivo a comprendere come qualcosa diviso due, tre  quattro, potesse dare come risultato l'infinito. Certo non riesco a comprenderlo neppure ora, eppure se dividiamo l'infinito per 2 o 3, o per qualsiasi altro numero, il risultato è questo:
ovvero infinito....

Mi ricorda anche la radio, mia passione (ricetrasmittenti). Non possiamo vedere l'onda radio, ma ne possiamo notare gli effetti nei nostri svariati apparecchi che utilizzano l'etere. Così è dellaTrinità non dichiarata, ma ben visibile in molti passi che ci parlano di Gesù, dello Spirito Santo, come persone. Come persone che hanno qualità divine. Qualità uniche, per Sua bocca, di Dio. Com'è possibile?

Impossibile da comprendere. No, non si tratta di dogma, non ha senso imporre una dottrina, non porterebbe Frutto. Ancora una volta, di nuovo, a ragione Salvezza, la Sua Parola parla, spiega. Nel tempo, con il tempo. Certamente è fondamentale porre le basi, Gesù e il dono gratuito della Salvezza che Lui ci offre. In seguito, con la dovuta meditazione, preghiera, e lettura, Dio ci consegnerà nel cuore ciò che riterrà opportuno, cibi più solidi.

In merito alla questione, molte le analisi le meditazioni, non posso che segnalare nuovamente

Meditazioni interessanti del fratello Giuseppe Martelli, ve ne sono molte altre altrettanto validi se non di più, dimostrazione scritturale di ciò che è spirituale.

Come detto anche in altre occasioni, ritengo che il  fondamento della nostra speranza sia di riporre la nostra fiducia, la nostra fede, in Cristo Gesù, come Salvatore, come Agnello, Avvocato.
Non soltanto ritenerlo tale. Ritenerlo in grado, cioè, di salvare anime, ma di confidare in Lui per la salvezza della "mia vita." E' questa la pietra su cui costruire il resto.

 

Una costruzione, e su questo cara Salvezza ti invito a riflettere, che non può prescindere innanzitutto e sopratutto dallo stare insieme a Dio, dal farci, cioè,  guidare, consigliare dallo Spirito Santo, il Consolatore mandatoci da Gesù. Una costruzione che ci vede impegati come operai insieme ad altri operai che confidano in Cristo, e che fanno di Cristo il proprio motivo di radunarsi.

Gesù dice che Lui sarà li, dove pochi si radunano nel Suo nome. Gesù chiama chi lo segue pescatori di uomini.

Interessante questa chiamata. Nell'Antico Testamento Dio chiamava pastori, pensate a tutti i patriarchi.

Ad un tratto Gesù chiama pescatori. Cos'è cambiato? Pensiamo al lavoro dei pescatori. Se fatto in comune il frutto è abbondante, altrimenti non si può alimentare nemmeno la propria famiglia.

Altre indicazioni ci vengono chiaramente fornite dalla Sua parola. Il fatto di camminare insieme, la possibilità di essere aiutati o di aiutare quando si inciampa, etc.. Sono certo che i passi che ci istruiscono al riguardo tornano alla mente facilmente.... ebbene il frequentare un gruppo di persone, piu o meno numeroso, che ha questo nel cuore, l'amore per Gesù confessato come personale salvatore, è una necessità per ogni uomo e donna che ha fatto di Gesù il proprio Salvatore.

Certo, cara Salvezza, ogni adunanza, ogni chiesa, ha le sue pecche, come ogni uomo e ogni donna. Lo sa bene Gesù, ricordate i rimproveri alle 7 chiese? Tuttavia insieme ai rimproveri ci sono anche degli incoraggiamenti....

C'è una Chiesa, questa perfetta, adorna come una sposa, bianca come la neve, pura. Questa Chiesa è la Sua sposa, purificata con il Suo sangue. Questa Chiesa è composta da tutti quelli che lo hanno ricevuto, che hanno aperto il cuore allo Sposo. Questa Chiesa è celeste, ogni componente è conosciuto personalmente da Gesù e conosce personalmente Gesù.... Quando si celebreranno le nozze, saremo con Lui, acclamandoLo, Lui sarà con noi consolandoci, non ci sarà più morte, dolore, malattia, sofferenza, peccato..... quel giorno....

 

Ma oggi possiamo già, in una certa misura, godere di questo. Già siamo abitanti con una nuova cittadinanza.... godiamo questa cittadinanza con altri concittadini, ci aiuterà a crescere, a superare, a sopportare i deserti che ognuno attraverserà prima di arrivare nella terra promessa.... mi ha preso la vena e mi sto dilungando e divagando dal tema.... scusatemi... chiudo qui.....

 Un abbraccio in Cristo Gesù, il nostro Signore, il re dei re, l'amico fedele, nostro fratello che ha vinto per Dio che ha vinto  per me, per te... ALLELUIA!!!

»

retaggio dalla Pentecoste sì!

Inserito da R_Francesco il Mar, 23/03/2010 - 15:45

Riporto dallo scritto di Alex

"C'è da chiedersi, rispondo fraternamente a Francesco, se la "dottrina" della "trinità sia un retaggio del cattolicesimo, oppure se il rifiuto di questa dottrina non sia un rettaggio del mondo "Geovista" ....

-- Rispondo ad Alex...

--In più parti del presente forum, hai potuto leggermi e non mi risulta di aver mai scritto che professo Geova o altra essenza divina che non sia Gesù... mentre, deve risultarti che i tdG, rifiutano in toto Gesù quale Dio, ma lo ritengono un angelo (anche se speciale)... pertanto, nessun retaggio dai tdG mentre invece si, dalla Chiesa degli Apostoli dell'alto solaio... dove appunto, la Chiesa  nacque ne giorno della pentecoste... quando ancora non esistevano ne i cattolici romani e nemmeno i testimoni di Geova.

Così, fraternamente come si addice tra coloro che professano Gesù....

Francesco 

»

Grazie per la precisazione

Inserito da alex il Mar, 23/03/2010 - 17:00

Grazie per la precisazione Francesco, credevo che anche tu eri un ex testimone di Geova, ma probabilmente non ricordo bene.....

E purtroppo è proprio come dici. Gesù per i TdG non è che un esempio lasciatoci, certamente questo è vero, ma è anche molto di più...

Proprio ora mi ritrovo nella cassetta un loro invito, si parla di Gesù.... devo ancora leggerlo..... ti farò sapere...

Una abbraccio... fraterno

»

Ciao Alex, ti ringrazio per

Inserito da gaetano (non verificato) il Lun, 22/03/2010 - 21:52

Ciao Alex, ti ringrazio per la tua risposta. Sono un ex Testimone di Geova, che e riuscito a capire tutte le cose sbagliate che mi avevano insegnato. Oggi sono un evangelista pentecostale ma l unica cosa che non sto riuscendo ad abbandonare dei vecchi insegnamenti e il non credere in un Dio trino. So che se 99 fratelli vedono in un modo e io sono in un altro sicuramente sono io nell errore ma mi e realmente difficile capire certe scritture che sembrano dimostrare il contrario. Grazie comunque e spero che Dio mi riveli che anche questa era una menzogna che mi era stata insegnata.ti saluto con 1 grosso abbraccio nel SIGNIORE Dio ti benedica

»

io comprendo....

Inserito da R_Francesco il Lun, 22/03/2010 - 23:40

Carissimo Gaetano....

Io comprendo che uno ad un certo momento si abbandoni la chiesa cattolica romana, comprendo pure chi abbandona il suo ulteriore passo verso la verità che poi, non ha trovata...ma mi lascia un poco perplesso il perdurare di questa ricerca e mettere in discussione il nuovo passo che si è compiuto. Sarà perché anch'io faccio parte di un'assemblea pentecostale(upci) e non professo la Trinità che reputo retaggio del cattolicesimo romano...fatto è che sintantoché ci stò, non metto in dubbio una così fondamentale verità e che pertanto, se dovessi scoprire che è una "bufala", la abbandonerei istantaneamente... e non starei in quell'assemblea nella ricerca "spasmodica" di scoprire se trinità si o no. Ora dico a te, interroga la tua coscienza.... e se lo Spirito Santo ti è familiare, chiedi a Lui....se invece non sai di cosa io stia parlando, mi scuso del mio scritto e ti invito ad esaminarti affondo...come io faccio giorno dopo giorno...

Un abbraccio in Gesù.....

F.sco

»

Ciao Gaetano,per prima

Inserito da alex il Mar, 23/03/2010 - 14:59

Facevo la manutenzione al sito ed ho perso questo post dell'utente Salvezza ... comunque recuperato.... scusami sorellona.... 

 

Inserito da Salvezza il Mar, 23/03/2010 - 09:49

 

Ciao Gaetano, per prima cosa piacere di conoscerti.   Anch`io sono un`ex tdg, uscita anni fa assieme a tutta la mia famiglia, tutti quelli che erano tdg. Nessuno di noi e` nato in quella che chiamano la verita`,ma non ti preocupare perche` tutte le religioni pensano di essere quella vera quella giusta. 

Il concetto della trinita` e` anche per me impossibile accettare, perche` non e` scritturale, la trinita` nelle scritture non esiste, percio` non e` per me un problema vivere senza. Le interpretazioni umane non hanno nulla a che vedere con la Parola dei profeti scritta sotto ispirazione divina.  Prima di tutto l`interpretazione appartiene a Dio.

2Pietro:19-21 " E abbiamo una parola ancor piu` sicura, quella del profeta, alla quale fate bene a prestare attenzione, come a lucerna che splenda in luogo scuro, finche` non spunti il giorno e non sorga nei vostri cuori la stella del mattino. 20 pero` notate prima di tutto che nessuna profezia della scrittura e` di privata interpretazione; 21 perche`non furono pronunziate per umano volere le profezie ma ispirati dallo Spirito Santo parlavano i santi uomini di Dio."percio` le profezie sono state dirette da Dio stesso,tanto piu` che chi interpreta,puo` anche torcere le scritture per loro vantaggio. Solo Dio e` l`interprete delle Sacre Scritture. 

Non fare passi troppo svelti. Tu lo sai che tutta la scrittura e` divinamente ispirata da Dio,e` utile per insegnare,per redarguire,per correggere,per educare alla giustizia,per far si` che l`uomo sia perfetto e pronto per ogni opera buona."

Io non cerco un`altra chiesa per consolarmi, no, mi leggo la Bibbia a lascio a Dio la guida che mi porta verso la Sua meravigliosa verita`. saluti cristiani e Dio ti benedica e aiuti nella scelta che hai fatto.

In Dio Confido

»

Grazie a te caro Gaetano,

Inserito da alex il Lun, 22/03/2010 - 23:12

Grazie a te caro Gaetano, sarebbe bello leggere la tua testimonianza
Un forte abbraccio in Cristo Gesù...
Alex

Caro Alex, come mi hai chiesto voglio raccontarti la mia esperienza. Sono nato in una famiglia cosiddetta cattolica. Un giorno una mia cugina decise di diventare tdG. All inizio non sapendo di che si trattasse pensai che fosse impazzita. Poi fui spinto dalla curiosita a iniziare uno studio biblico. Non conoscevo affatto le scritture e i loro insegnamenti mi sembrarono verita. Tra l'altro in quel periodo si faceva uno studio sul libro Rivelazione e le spiegazioni date sembravano una grande luce.

Iniziai a fare il pioniere regolare, a leggere continuamente quella che sembra una bibbia. Nel frattempo il nostro medico di famiglia ando in pensione e al suo posto arrivo un pastore pentecostale.

La prima a essere colpita da cio che diceva quel pastore fu mia madre, la quale comincio a frequentare la chiesa evangelica e ad invitarmi continuamente a lasciare i tdG e andare anch io nella chiesa evangelica.

Inizialmente rifiutai pensando che quello di mia madre fosse un continuo opporsi al mio credo e nient altro. Vedevo chiaramente in quel pastore un uomo di Dio ma pensavo di essere nella verita.

Man mano che leggevo la Bibbia e conversavo con il pastore evangelista molte mie certezze cominciarono a vacillare. Per prima cosa mi resi conto di avere ragione nel non condividere il fatto che nessun tgG a parte una determinata classe, gli unti, potesse partecipare alla santa cena. Non e affatto scritturale anzi e un impedirci di avere comunione con Gesu Cristo. Capii come fosse sbagliato l'insegnamento che con la morte paghi ogni peccato e quindi se non conoscevi e peccavi per ignoranza saresti comunque risorto anche se avevi ucciso, stuprato a fatto altre cose orribili.

Basavano questo sul passo di Romani 6:23 che dice che il salario del peccato è la morte. Leggendo bene tutto il contesto si parla chiaramente di coloro che sono morti in Cristo e non di ignoranti della verita.

Potrei citarti altri falsi insegnamenti ma preferisco dire sia a te che agli altri che leggono questa testimonianza che purtroppo i tdG hanno una Bibbia particolare, chiamata Traduzione del nuovo mondo delle Sacre Scritture, dove in Giovanni 1:1 Gesu non era Dio, ma UN DIO, a tanti altri versi cambiati per cercare di rendere vere tutte le loro menzogne.

Io so che Dio si e servito di un suo servo umile, il pastore della chiesa che frequento, per tirarmi fuori da quella setta di venditori ambulanti della parola di Dio. Il pastore non mi ha mai imposto la dottrina della Trinita, mi ha solo chiesto di pregare come ha fatto sempre. Molte verita sono venute alla luce. Poi un fratello, che si chiama Romeo e che e nato nella chiesa dei fratelli di Torino, una sera mentre tornavamo da Augusta dal distribuire i nuovi testamenti dei Gedeoni mi disse che era riuscito a far capire a un fratello che non credeva nella Trinita che questa fosse una dottrina scritturale.

Allora gli dissi che anch io avevo dei dubbi al riguardo. Romeo che  e il proprietario del computer dal quale ti scrivo, ha riaperto la questione della trinita, ma io gli ho solo fatto leggere tutte le scritture che conoscevo e che la contraddicevano.

Allora mi ha fatto vedere questo sito e cosi ti ho chiesto delle risposte. Domenica ero in chiesa e mentre aspettavo che iniziasse il culto ho aperto la Bibbia in Isaia 44:6 dove l'Eterno dichiara "Io sono il primo e l'ultimo e fuori di me non c'è Dio" cosi come lo dichiara Gesu Cristo in Apocalisse di essere l'Alfa e l'Omega, il primo e l'ultimo. Certo che leggendo la Bibbia e non la traduzione del nuovo mondo delle Sacre Scritture e piu semplice giungere alla verita.

Dio possa sempre benedirci e renderci suoi strumenti.
Pace. Ti salutano pure Romeo e Margherita.

Caro Francesco, sono Gaetano. Io non ho mai detto di essere alla spasmodica ricerca della verita o di voler lasciare la chiesa pentecostale nella quale ho trovato molte risposte che cercavo.
 
Purtroppo e innegabile e non si offendano i cattolici, che la maggior parte di coloro che vanno in chiesa non conoscono affatto le scritture se non quei brevi passi che odono dai preti.
 
Cosi quando ti arriva un tgG e ti fa leggere qualcosa che sembra verita e facile caderci. Io ho avuto la grazia che il mio medico di famiglia fosse un pastore della chiesa pentecostale.
 
Abbiamo spesso parlato ognuno di cio in cui credeva. Non ha mai insistito nel volermi far cambiare idea. Essendo un uomo che conosce profondamente Dio e cio che puo fare lo spirito santo mi ha sempre invitato a pregare per capire se ero veramente nella verita.
 
Ho avuto la conferma che fosse sbagliato impedirmi di partecipare alla santa cena Giovanni 6:52-58 e altri; ho compreso come fossero falsi tanti altri insegnamenti. Il pastore della chiesa che frequento e una persona molto spirituale e umile.
Non mi sta imponendo di credere obbligatoriamente nella trinita. Mi ha semplicemente fatto leggere un versetto della bibbia dove Gesu disse: "Ti ringrazio Padre perche hai nascosto queste cose ai saggi e le hai svelate ai piccoli fanciulli", dicendomi di continuare a chiedere con il cuore umile come quello di un piccolo fanciullo e Dio mi rivelera anche questo.
 
Il problema nasce con i fratelli ai quali io non dico nulla e che continuano a volermi imporre il loro pensiero, arrivando ad affermare che se non credo nella trinita e perche non ho lo Spirito Santo.
In questo vi somigliate visto che anche tu nutri dei dubbi sul fatto che io lo conosca. Io non mi tormento con la questione della trinita, come non mi tormenta il pastore della chiesa.
Purtroppo qualcuno ha risollevato la questione e ho cercato delle risposte che ancora dallo Spirito Santo non mi sono giunte. Io non mi permetto di dire a nessuno che non ha lo Spirito Santo o che non lo conosce.
Non credo di avere l'autorita di poter giudicare al riguardo. Se qualcuno pensa di averla mi dispiace per lui. Pace. Dio ti benedica.
Ritratto di alex

CIao caro Gaetano, grazie per esserti affacciato in questi lidi...
E non ti preoccupare per gli errori, sono un maetro di Orrori :-)

All'ora veniamo alla questione.
Credo che la stessa Bibbia potrà risponderci.
Infatti La Parola, fattasi carne, ha dovuto lasciare, spogliarsi, della Sua maestà, per rivestirsi di carne. In un certo senso, si è spogliata dei panni di Dio per indossare i nostri.  Quando è tornato al Padre la Parola si è rivestità di quella gloria sedendo di nuovo sul Trono. Questo ovviamente è inconcepibile per la nostra mente,come il concetto di infinito, onniscenza, onnipresenza, etc....

Ti lascio con la buona notte, oltre che ovviamente con il seguente passo.
Ciao, Alex

 4 Non cerchi ciascuno unicamente il proprio interesse, ma anche quello degli altri. 5 Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesù, 6 il quale, essendo in forma di Dio, non considerò qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio, 7 ma svuotò se stesso, prendendo la forma di servo, divenendo simile agli uomini; 8 e, trovato nell'esteriore simile ad un uomo, abbassò se stesso, divenendo ubbidiente fino alla morte e alla morte di croce. 9 Perciò anche Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni nome, 10 affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio delle creature (o cose) celesti, terrestri e sotterranee, 11 e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre.

Filippesi 

Ciao salvezza. Anche per me e un piacere conoscerti perche abbiamo molte cose in comune.
La piu importante e quella che non stiamo cercando un altra chiesa ma semplicemente Gesu Cristo. Anch'io non mi fermo al pensiero della trinita e leggo sempre la Bibbia chiedendo sempre al Padre prima di leggerla di aiutarmi a comprenderla e viverla.
 
Ho trovato molte risposte, ho compreso come tanti insegnamenti dei tdG erano sbagliati e la cosa piu sconcertante che ho potuto notare e stata quella di come abbiano creata una Bibbia tutta loro per poter dare conferma ai loro insegnamenti; una Bibbia, anzi una traduzione del nuovo mondo, nella quale i cambiamenti apportati cambiano completamente il significato di cio che leggi.
 
Un esempio, per giustificare il fatto che Gesu Cristo non debba essere adorato hanno cambiato il passo della lettera agli [HEB:1:6] parlando di Gesu  la scrittura °Lo adorino tutti gli angeli di Dio° e diventata °Gli rendano omaggio°.
 
Questo e solo uno dei tanti ORRORi che potrei citarti ma a noi basta sapere che stiamo realmente seguendo Cristo e ti cito dei passi che menziona sempre il pastore della mia chiesa.
Gesu disse che le sue pecore ascoltano la sua voce, quindi se siamo pecore e non capri riusciamo a riconoscere la sua voce. L'altro è nel vangelo di Matteo ma non ricordo il versetto dove Gesu rivolgenodosi al Padre disse Ti ringrazio Padre perche hai nascosto queste cose ai saggi e le hai rivelate ai piccoli fanciulli.
 
Si, Dio si rivela a chi ha un cuore umile facendogli comprendere la Sua volonta.
 
Ti lascio con la pace del nostro Signore Gesu Cristo.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri