Persecuzione in Italia - Roberto Bracco

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Questo documento è stato redatto dal fratello Roberto Bracco, il quale nacque a Roma il 27 maggio 1915 e fu chiamato alla gloria il 25 luglio 1983. Si convertì al Signore nel marzo del 1933, all'età di 18 anni, e ne fu fedele servitore fino alla morte.

Egli fu quindi testimone e partecipe di quel durissimo periodo che va dal 1935 al 1943, durante il quale  il mondo evangelico subì in Italia una persecuzione particolarmente dura e dolorosa. Tuttavia, nonostante ciò, furono anche anche anni di benedizione.

Leggiamo le parole stesse del fratello: "Molti cristiani invocano oggi i giorni della persecuzione, perché ricordano chiaramente che il fuoco della lotta era anche il fuoco della santificazione, il fuoco della fedeltà. È audace affermare che la persecuzione rappresenti salute spirituale, ma è altresì audace sostenere che essa costituisca un danno alla chiesa cristiana ed è più logico accettare il principio che tutto quello che Iddio prepara nella vita del Suo popolo è per il suo bene e per la sua prosperità".
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Seoul (AsiaNews) – 07.07.2010 - Un cristiano evangelico nordcoreano è stato torturato e poi ucciso in un carcere di Pyongyang. La denuncia è stata fatta dal fratello della vittima, che in una lunga intervista punta il dito contro il “regime ipocrita” di Kim Jong-il, che “cerca di porsi al di sopra di ogni altra legge, umana o divina”.
  • "Una lettera dalla gente della croce (i cristiani) all'ISIS"
    "Noi non siamo diversi. Lontani dal sangue di Cristo, non siamo meno peggio del peggiore jihadista."

  • Sopravviverà il cristianesimo in Medio Oriente?
    Dopo i fatti in Egitto, pubblichiamo l’estratto di un articolo di John Graz, direttore del dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa della Chiesa avventista mondiale e dell’Associazione Internazionale per la Libertà Religiosa. - Fonte: notizie avventiste

  • Un’infermiera britannica, cristiana, che ha operato per 15 anni in un ospedale NHS nella città di Dartford, ad Agosto di tre anni fa, era stata licenziata dal suo datore di lavoro perché al momento del ricovero in cui i malati compilavano il modulo con i dati personali l’infermiera chiedeva loro, l’orientamento religioso e così parlava del Signore e della sua fede. Ma è stato ritenuto un gesto pericoloso, spingendo i dirigenti sanitari dell’NHS a cacciarla anche per il fatto che Sarah aveva pregato con qualcuno dei pazienti e per aver regalato la Bibbia ad un malato di cancro.

  • In risposta al bombardamento di notizie inquietanti che ci giungono ormai quotidianamente dall'Iraq, la Chiesa, in tutto il mondo, reagisce stringendosi in preghiera attorno ai cristiani che sono obbligati a scappare dalle loro città, vittime spesso di una persecuzione violenta. L'appuntamento è per sabato 23 agosto!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri