Non hanno visto il professore!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Mio nonno doveva essere un gran bel tipetto! Integerrimo e tutto d’un pezzo. Non faceva preferenze fra gli studenti, a cui insegnava greco e latino, e non accettava raccomandazioni. Perciò i presidi dei licei, ogni tanto, chiedevano che fosse trasferito. Perciò passin passino arrivò a insegnare fino in Sicilia, che nell’800 era un posto abbastanza difficile.

Mia nonna mi ha raccontato, quando io avevo circa sette anni, questa storia e la mia è tradizione orale. Se c’è qualche inesattezza, non è colpa mia.

Una mattina, mentre il nonno era a scuola e faceva lezione come al solito, una donna andò a bussare alla sua casa e disse a mia nonna, che accudiva i suoi due bambini (Daniele, mio padre, che era molto piccolo, e Febe, la sua sorellina un po’ più grande), con fare spaventato: “Signora, vada a scuola e dica a suo marito che oggi degli uomini mandati dal Vescovo devono ammazzarlo!”.

Mio nonno e sua moglie erano evangelici. Allora i credenti erano malvisti e perseguitati. Per di più, mio nonno era un ex-Monsignore che aveva lasciato la chiesa perché vi aveva visto troppa corruzione e immoralità.

Mia nonna prese i bambini e andò alla scuola. Chiese di parlare col marito e lo avvisò di quello che la donna le aveva riferito. Non sembra che il nonno ne sia rimasto troppo sorpreso. Gli evangelici erano considerati eretici e erano ovunque “persona non grata”.

“Aspettami nella sala dei professori e non uscire” disse il nonno. “Fammi finire la lezione e poi, se ci sono davvero delle persone che vogliono farci del male, chiederemo a Dio di accecarle. Stai tranquilla”.

Non so quanto si sia sentita tranquilla mia nonna, quando, dalla finestra, vide parecchi uomini armati di forconi e di bastoni non lontani dalla scuola.

Finita la lezione, mio nonno si appartò con la moglie e i bambini e chiese al Signore di accecare quella gente. Se lo aveva fatto rispondendo alla preghiera di Eliseo, poteva farlo di nuovo e accecare anche quei Siciliani.

Poi prese in braccio mio papà, prese per mano la figlia e uscì dal portone centrale della scuola a fianco della moglie. Gli uomini armati di bastoni e forconi lo lasciarono passare.

Non lo avevano visto. Infatti, rimasero a lungo davanti alla scuola, aspettando che uscisse!

Dio non fa mai miracoli inutili. Se i nonni avessero potuto chiamare i Carabinieri, lo avrebbero fatto. Ma, a quei tempi, non c’era il telefono per avvisarli e forse quelli non sarebbero intervenuti, per paura delle ire del Vescovo. Se ci fosse stato modo di nascondersi, i nonni forse si sarebbero nascosti, ma dato il carattere del nonno, ne dubito.

Ci voleva un miracolo. E Dio lo ha fatto.

Se mi chiedete se il nonnetto è rimasto nello stesso posto o ha chiesto un trasferimento, non lo so. Ma dato il suo carattere, direi che il giorno dopo è tornato a insegnare latino e greco come se non fosse successo niente. E a continuare a non fare né preferenze né a chiedere il pizzo per promuovere degli asini.

Anche questa è un’altra storia. Ve la racconto la prossima volta.
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di R_Francesco

Una frase estrapolata dallo scritto...... 

"Mio nonno e sua moglie erano evangelici. Allora i credenti erano malvisti e perseguitati"....

-- Al tempo presente,                                                                               quelle situazioni non si verificano più, ma nemmeno si verificano più le conversioni miracolose che avvenivano in quell'epoca... ora, l'umanità accetta tutto! Qualsiasi professione di fede e da qualsiasi parte essa provenga... Satana ha turate loro le orecchie, il naso e gli occhi!... Il nonno del racconto, ora, avrebbe vita facile... ma non avrebbe sperimentato la potenza della preghiera come è stato al suo tempo, non avrebbe potuto esercitare la fermezza della sua fede come accadde allora, non avrebbe gustata la presenza di Dio come è stato allora.... ora, benché Dio è sempre lo stesso, noi tutti non lo ricerchiamo più con lo stesso fervore!... Siamo assopiti come le dieci vergini disavvedute e quando arriverà Gesù, anche se ci passasse accanto, non lo vedremmo alla stessa maniera di come quegli uomini non hanno visto passare il nonno con la famiglia. Direi che è terribile!

F.sco

Potrebbe interessarti..

  • Ricevo e pubblico con il suo permesso e molto piacere lo studio del fratello Giuseppe Martelli dell'assemblea di Finocchio (RM).

    ----------

  • Fortificati in ogni cosa dalla sua gloriosa potenza, per essere sempre pazienti. (Colossesi 1:11) Quando dovrai attraversare le acque, io sarò con te... quando camminerai nel fuoco, non ne sarai bruciato, e la fiamma non ti consumerà. (Isaia 43:2)
     
    LA NOSTRA FEDE: UN ACCIAIO TEMPRATO
  • E' opinione comune che le leggi dell'universo scoperte dalla scienza siano in conflitto con quelle imperscrutabili di Dio. La contrapposizione tra fede e scienza rappresenta uno dei dilemmi più laceranti del nostro tempo; un dramma che conobbe il suo primo controverso atto con Galileo Galilei.
    Zichichi, smentisce e ribalta tale contrapposizione: "Non esiste alcuna scoperta scientifica che possa essere usata al fine di mettere in dubbio o di negare l'esistenza di Dio"
  •  

    Sabato 14 febbraio 2015, alle ore 16.00, si è tenuta a Roma una tavola rotonda sul tema “Fede e coscienza civile. ‘Non prego che tu li tolga dal mondo’”, organizzata dalla chiesa cristiana avventista del settimo giorno di Lungotevere, in collaborazione con il dipartimento Affari Pubblici e Libertà religiosa dell’Unione avventista italiana.

  • La grazia di Dio, salvifica per tutti gli uomini, si è manifestata. Tito 2:11
    Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, in virtù della redenzione realizzata da Cristo Gesù. Romani 3:23,24

    (Luca 15:11, 32)

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri