Luce è splendore

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Non vi mettete con gli infedeli sotto un giogo che non è per voi; infatti che rapporto c'è tra la giustizia e l'iniquità? O quale comunione tra la luce e le tenebre? 2° Corinzi 6:14

Come l'acqua e l'olio, le tenebre e la luce non possono unirsi: se c'è luce, di contro le tenebre scompaiono e se sono presenti le tenebre, vuol dire che non c'è luce. E' una questione di contrapposizioni, per dire che il vero credente non ha zone d'ombra, non vive nel buio, non scende a compromessi, non trascorre un'esistenza griggia. Perciò la sua luce risplenderà in modo chiaro laddove egli arriva, la sua "vita sorgerà più fulgida del pieno giorno, l'oscurità sarà come la luce del mattino" (Giobbe 11:17).

Il credente si distingue per la sua luminosa esperienza di salvezza e perciò non si metterà con quanto non credono in Dio, non si siederà in compagnia degli schernitori (salmo 1).

Siamo nel mondo, ma non del mondo ricorda Gesù (Giovanni 17), perchè siamo "figli di luce e figli del giorno; noi non siamo della notte ne delle tenebre" (1° Tessalonicesi 5)

Da: svoltagenda

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri