La pasqua del ladrone

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

qui in pdf - “Quando furono giunti al luogo detto «il teschio», vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. Gesù diceva: «Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno».

Poi divisero le sue vesti, tirandole a sorte. Il popolo stava a guardare.
E anche i magistrati si beffavano di lui, dicendo: «Ha salvato altri, salvi sé stesso, se è il Cristo, l’Eletto di Dio!» Pure i soldati lo schernivano, accostandosi, presentandogli dell’aceto e dicendo: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso!».

Vi era anche questa iscrizione sopra il suo capo: QUESTO È IL RE DEI GIUDEI. Uno dei malfattori appesi lo insultava, dicendo: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!» Ma l'altro lo rimproverava, dicendo: «Non hai nemmeno timor di Dio, tu che ti trovi nel medesimo supplizio? Per noi è giusto, perché riceviamo la pena che ci meritiamo per le nostre azioni; ma Egli non ha fatto nulla di male».

E diceva: Gesù ricordati di me quando entrerai nel tuo regno!

Se Gesù fosse stato di una qualsiasi religione di questo mondo avrebbe detto: “Vuoi andare in paradiso!?... Veramente nella tua vita ti sei comportato malissimo. Comunque, se persevererai nel fare il bravo fino alla fine (come dicono tutte le religioni), se non mangerai carne il venerdì ecc... ecc..., e se dopo morto ti accenderanno le candele, così pure dopo un mese e dopo un anno e via di seguito per ogni anno, FORSE potrai andare in paradiso”.

Di un’altra avrebbe detto:
“Bene! Se vuoi andare in paradiso, non devi fare il militare devi metterti la cravatta, andare in giro con la tua 24 ore, non fare trasfusioni di sangue... e FORSE poi vi andrai”.

Di un’altra ancora avrebbe detto: “Non devi mangiare carne di maiale, devi pregare 5 volte al giorno, devi osservare il Ramadan (digiunare un mese l’anno), devi fare un pellegrinaggio alla Mecca... FORSE poi andrai in paradiso”.

Le religioni sono tutte così: “Questo non si fa, questo non si dice…”. E se Gesù fosse stato di una qualsiasi altra religione la musica del “FORSE” non sarebbe cambiata. Ma GESÙ non è come le religioni di questo mondo e dà una risposta istantanea e piena di CERTEZZA: IO TI DICO IN VERITA' CHE OGGI TU SAI CON ME IN PARADISO.

Gesù non si trovò per caso vicino a quel ladro. Egli venne a morire proprio per tutti i “ladri” del mondo per amore, e poiché siamo tutti peccatori, Egli è morto anche per noi.

Quel ladro dopo una preghiera di 4 secondi trovò la vera vita, quella eterna. Gesù non gli chiese lunghe preghiere, lunghi pellegrinaggi scalzo o buone opere per ripagarsi delle cattive, ma il cuore, un cuore desideroso di Dio. Gesù voleva dire anche all’altro “oggi sarai con me in paradiso”, ma non glielo disse per la sua incredulità. Lo dirà a te?
Molti pensano che per il ladro era diverso poiché era all’ultimo momento della sua vita...

Ma anche noi siamo all’ultimo momento della nostra vita! Nessuno può avere un certificato dal sindaco che domani sarà ancora vivo! Quindi una preghiera che viene dal cuore verso Gesù è urgente anche per te. La salvezza in Gesù si deve acquisire ora, non si sa se ne avremo la possibilità all’ultimo momento.

Gesù quando nacque divise la storia, alla Sua morte divise l’umanità. Un ladro è morto da perduto ed è andato all’inferno. L’altro è morto da salvato, e da circa 2000 anni è in paradiso.

Quando sarà il tuo momento, morirai da salvato o da perduto? Se avessimo la possibilità di domandare a quel ladro: “dove vai oggi?” non ci direbbe BOH!? ma: “oggi vado in paradiso perché Gesù me l’ha promesso ed io ho creduto”. Se facciamo la stessa domanda ad un qualsiasi vero cristiano avremo la stessa risposta: “Io andrò in paradiso perché Gesù me l'ha promesso ed io ho creduto”.

Tu puoi dare la stessa risposta? Gesù si ricordò di quel ladro portandolo in paradiso... Si ricorderà di te?

PASQUA vuol dire “Passaggio”, il ladrone passò dalla morte alla vita, quella eterna; dalla perdizione alla salvezza; dalle tenebre alla meravigliosa luce di Gesù; dal dolore alla gioia; dalla terra al cielo...

La tua Pasqua sarà come la sua? Te lo auguriamo.

Vedi anche: Il mio ultimo giorno

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo giorni il mondo religioso celebra la festa della Pasqua. Ho l'impressione, comunque, che spesso sfugga il significato storico e spirituale di questa festa. 

    Colgo l'occasione, quindi, per fare una piccola escursione biblica e ricordare, insieme ai pochi lettori di questo blog, il significato della Pasqua nella Bibbia, con la speranza e la preghiera che questi giorni possano essere momenti di riflessione e meditazione su quello che ha compiuto Gesù per tutti quelli che lo ricevono.

  • Una diretta di poco più di mezz'ora per riflettere insieme su ciò che la Bibbia ci dice sulla Pasqua.
    Fonte: Associazione Attivamente MPC

  • Da molti secoli il simbolo più diffuso del Cristianesimo è quello della croce, con o senza la raffigurazione del crocifisso. Però chi fa visita alle catacombe di San Callisto a Roma sa che non era così nei primi tre secoli della storia cristiana. Allora i simboli di Cristo più raffigurati sulle tombe e i muri dei luoghi d'incontro dei cristiani erano

    • un pesce,
    • un agnello
    • e un pastore.

    Questi simboli sono belli e pieni di significato.

  • Perciò, avendo cinti i lombi della vostra mente, siate vigilanti, e riponete piena speranza nella grazia che vi sarà conferita nella rivelazione di Gesù Cristo.
  • Divoro carni speziate
    Agli idoli sacrificate
    Ora son tranquillo pago
    Apparentemente salvato
    Ma il mangiato
    Verrà scartato
    Non è questo l'agnello
    Mandato al macello
    Che toglierà i tuoi peccati
    Convinto di averli soffocati
    Non sarà un massacro
    A divenir tuo lavacro
    Navigando ancor nel pagano
    Vestendoti da cristiano
    Ecco il vero Agnello
    Gesù il vero Suggello
    La vera certezza
    L'eterna salvezza
    Pasqua nel tuo cuore?
    Gesù Cristo unico Salvatore

    SdP

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri