La dipendenza da gioco d'azzardo

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Definizione e principali caratteristiche
Con la crescente legalizzazione di giochi d'azzardo aumentano gli individui che entrano in contatto col gioco. La popolazione adulta dei paesi industrializzati con disturbi da gioco d'azzardo patologico è stimata tra lo 0,5% ed il 2%.
Nel gioco d'azzardo, come dice la parola stessa, il risultato del gioco è da attribuirsi totalmente al caso, e questo fa sì che non sia possibile né controllarlo né prevederlo e non si ha modo di migliorare la propria prestazione attraverso la ripetuta pratica.

Le motivazioni che spingono a giocare d'azzardo, pur essendo molteplici, ma possono essere ricondotte alla ricerca della vincita di denaro. Tale speranza diviene una certezza che spinge il giocatore a persiste a giocare con l'aspettativa di rifarsi e recuperare le perdite subite, col risultato che accumulerà perdite sicure.

Una possibile spiegazione di tale comportamento apparentemente irrazionale è che si finisce col considerare il gioco d'azzardo come un gioco di abilità e non più un gioco basato sul caso. Basti pensare allo studio dei numeri ritardatari al gioco del Lotto o alla roulette per avere un esempio di questo pensiero.

 

Esistono almeno tre tipi di giocatori.

Quello sociale gioca denaro superfluo per svago nel suo tempo libero,e non si aspetta di dover guadagnare tramite il gioco. Accetta di perdere, è capace di fermarsi al momento opportuno e non torna mai a giocare col proposito di rifarsi.

Il giocatore eccessivo, pur avendo cominciato a giocare socialmente, si è poi lasciato prendere la mano, perdendo il controllo sulle sue attività di gioco e su quelle ad esse collegate (come la ricerca del denaro) che si impongono sulle altre sfere della sua vita creando problemi economici, personali, familiari, lavorativi e sociali. Il comportamento è assimilabile a quello della dipendenza da sostanze, e vi si ritrovano aspetti come:

  • astinenza,
  • tolleranza,
  • perdita di controllo,
  • oltre a quello specifico relativo al bisogno di recuperare le perdite.

 

I giocatori patologici hanno, inoltre, un rischio da tre a quattro volte più elevato di altri di presentare altri problemi di dipendenza da sostanze come tabacco, alcol e sostanze illegali (tra il 4,5% ed il 10%, fino ad arrivare al 20,2%, riscontrato tra tossicodipendenti eroinomani in trattamento in un recente studio condotto in Lombardia).

Cosa fare

Un intervento di recupero deve tendere alla modificazione del modo di pensare insinuando dubbi che portino la persona a riconoscere i propri errori di pensiero, modificando di conseguenza le proprie azioni. Questo deve essere rinforzato tramite modifiche comportamentali (restare lontano da sale di gioco, avere accesso a poco denaro e a nessuna carta di credito, pianificare le attività del proprio tempo libero, ecc.).

Il giocatore eccessivo vive sperando nella Grande Vincita, mettendo in quella la sua speranza per la vita, ma la Bibbia afferma:

''tu sei la mia speranza, Signore, Dio; sei la mia fiducia'' Salmo 71:5

per un aiuto pratico puoi rivolgerti:
- Qui un Associazione Cristiana Evangelica ONLUS per la prevenzione delle dipendenze - 
Arca Teen Challenge

Qui gli indirizzi di alcune chiese evangeliche in Italia. Cerca e contatta quella più vicino a te

Oppure contattaci qui

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Un documentario degli anni 80 di matrice evangelica. I tempi sono diversi, la moda, i legami, ma il contenuto di queste testimonianze restano anche oggi molto significative. Storie di droga (eroina) e di.. speranza.

     

  • Il “problema droga” ha prodotto e stimolato lunghi dibattiti e conferenze; risolverlo definitivamente, in ogni suo aspetto, non è facile, in quanto presenta problematiche complesse, che investono trasversalmente diverse dimensioni della natura umana: da quella biologica, a quella storica, fino ad arrivare a quella spirituale.

  • television

    La televisione (o FB) è il mio pastore, tutto mi mancherà.
    Ella mi fa giacere in soffici divani e mi guida lontano dalle Scritture.

    Ella mi distrugge l'anima, mi guida per sentieri di sesso e di violenza per amore degli sponsor.

  • Giacobbe era al posto sbagliato e porta la sua famiglia in bocca al leone. Dina è violentata - Genesi 34:1

  • Mi chiamo Stefania e ho 39 anni. Quando ero piccola mia mamma mi portava con sé agli incontri di una chiesa evangelica nella quale veniva predicata la Parola di Dio, si cantava, si pregava, ma mi sembrava che non fosse il luogo adatto a me. A 17 anni cominciai.a fumare spinelli, mi piaceva bere di tanto in tanto e credevo fossero questi i modi per sentirmi accettata da chi frequentavo in quel periodo.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri