Francesco, dalla schiavitù della cocaina a Gesù

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Mi chiamo Francesco, ho 35 anni e sono di Roma. Da bambino ero timido, insicuro e poco socievole attitudini che, crescendo, sono diventate tra i miei più grandi problemi.
A 15 anni lasciai la scuola per andare a lavorare nella azienda ortofrutticola di mio padre, ma senza di lui mi sembrava di non riuscire a fare quasi nulla, anche se poi in realtà me la cavavo abbastanza bene. Infatti mio padre cominciò a darmi sempre maggiori responsabilità. Ma io continuavo a sentirmi inferiore rispetto agli altri e
a 17 anni per sentirmi al livello deimiei amici cominciai a fumare spinelli, a fare uso di ecstasy, acidi e superalcolici quando andavo in
discoteca.

Lavoravo moltissimo, dalle 14 alle 15 ore al giorno. Cominciai a notare che le droghe mi aiutavano a socializzare. Saltuariamente usavo cocaina che, piano piano sostituì tutte le altre droghe diventando per me una specie di farmaco per farmi sentire più sicuro.

In quel periodo mio padre aveva lasciato a me la gestione dell'azienda, ma con il mio agire contribuii a farla fallire. Spendevo molto, da 100
a 300 euro ogni giorno. Cominciai a isolarmi un po' da tutti, l'insoddisfazione dentro me era sempre più forte e soltanto la cocaina riusciva ad alleggerirla solo per qualche momento, senza guarirmi dal mio problema.

A 30 anni, dopo ben 13 anni di droga, un giorno mio padre scrisse una lettera dove diceva di volersi suicidare, ma una sua sorella, credente in Gesù, gli suggerì di andare in una chiesa evangelica.
Mio papà nella disperazione in cui era decise di provare, non aveva nulla da perdere.

Così cominciò a frequentarne una e, dopo qualche mese, a lui si unì mia madre e cominciai a notare in loro alcuni cambiamenti, il primo fu che mio padre non parlò più di suicidio.

Una domenica di agosto, mentre eravamo soli a casa, mio padre timidamente cominciò a parlarmi dicendomi che Gesù è vivente e che
solo Lui poteva aiutarmi. Lo contraddissi con le mie filosofie, affermando che la Bibbia è solo un libro come tanti.

Chiamai mia madre per dirle che ero preoccupato per papà, secondo me stava delirando.
Nell'ottobre 2006, pressato dai miei, feci un colloquio per entrare al Centro Kades e a novembre vi entrai. Mi aspettavo che sarebbe stata
utilizzata chissà quale terapia, e mi sembrava assurdo il consiglio secondo il quale, per risolvere i miei problemi, dovevo accettare Gesù nel mio cuore.

Pur volendolo non ebbi il coraggio di andarmene e una sera in una riunione di preghiera piansi con tutto il cuore davanti al Signore chiedendoGli perdono per i miei peccati e riconoscendo di aver bisogno di Lui.

Andai a letto con una pace interiore meravigliosa.

Il mattino seguente mi svegliai per assolvere, come sempre, i miei impegni e mi accorsi che, per la prima volta, stavo cantando con gioia.
Capii che Dio aveva risposto al mio grido e che da quel momento la mia vita non sarebbe stata più la stessa, e così è stato!

Al termine del mio programma al Centro sono tornato dalla mia famiglia a Roma, e qui ho avuto la gioia di constatare che il Signore aveva operato anche in loro. Dio mi ha dato grazia di fidanzarmi e, nel gennaio 2010, di sposarmi. Ora vivo con mia moglie ad Arezzo dove Dio ci ha provveduto una casa e un lavoro.

Ringrazio il Signore Gesù per ciò che ha fatto e che continuerà a fare nella mia vita e in quanti Lo cercano con tutto il cuore.

Francesco

Se, come questo giovane, ti trovi in un momento di grande bisogno e stai cercando una via d'uscita da una situazione per te ormai  insostenibile, telefona allo 0144.41222, ti risponderà un operatore del Centro Kades a cui potrai presentare le tue domande, esporre i tuoi dubbi, ascoltare come, anche per te, c'è un futuro e una speranza nei piani del Signore per la tua vita!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il “problema droga” ha prodotto e stimolato lunghi dibattiti e conferenze; risolverlo definitivamente, in ogni suo aspetto, non è facile, in quanto presenta problematiche complesse, che investono trasversalmente diverse dimensioni della natura umana: da quella biologica, a quella storica, fino ad arrivare a quella spirituale.

  • La mia felicità è un dono di Dio

    Ho iniziato a drogarmi durante l’adolescenza e, nel giro di dieci anni, mi sono trovato preso in quella tremenda spirale. Credevo di essere felice, ma non si trattava che di un piacere fugace che bisognava rinnovare continuamente. “Viaggi”, evasioni dalla realtà, cure di disintossicazione, ecco come si svolgeva la mia vita…

    E ciò mi costava caro!

  • La cannabis, conosciuta anche come marijuana, o sotto forma di hashish, è una droga che continua a costituire un tema molto discusso per la sua pericolosa diffusione.

    Il Dr. Farnsworth dell'università di Harvard afferma: "La nostra esperienza ad Harvard ha dimostrato che l'uso della cannabis implica dei rischi considerevoli, danneggia notevolmente la salute, e i benefici sono troppo esigui per fare da contrappeso."

  • Ho ricevuto, recentemente, una interessante email dal fratello Filippo B., si tratta di una testimonianza molto toccante, la riporto integralmente.


    Mi chiamo D*****, vivo a Manfredonia in provincia di Foggia, ho 35 anni, sono sposato e ho due figli. Oggi la mia è una vita normale, ma non è stato sempre così. Sono cresciuto con l'etichetta del bravo ragazzo che andava a scuola, lavorava, aveva un ottimo stipendio e una vita agiata, tornava a casa presto la sera. Cio nonostante ero insoddisfatto, non mi mancava nulla, ma non ero sereno.

  • Mi chiamo Francesca, ho 37 anni e sono della provincia di Caserta.
    Sono stata schiava dell'alcol per tanti anni, perché credevo di poter trovare nalla bottiglia la gioia e la forza di affrontare i problemi e le
    situazioni che mi circondavano.
    Ero convinta che la mia famiglia mi odiasse e che le non importasse niente di me; in particolare mio marito per il quale non ero più certa di
    nulla, non sapevo più se lo amavo oppure no.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri