Francesca - ex schiava dell'alcol

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Mi chiamo Francesca, ho 37 anni e sono della provincia di Caserta.
Sono stata schiava dell'alcol per tanti anni, perché credevo di poter trovare nalla bottiglia la gioia e la forza di affrontare i problemi e le
situazioni che mi circondavano.
Ero convinta che la mia famiglia mi odiasse e che le non importasse niente di me; in particolare mio marito per il quale non ero più certa di
nulla, non sapevo più se lo amavo oppure no.

A volte mi era stato suggerito di entrare in qualche comunità di recupero, ma io ho sempre fatto finta di non sentire, perché ero
dell'idea che fosse solo una perdita di tempo, anzi che chi vi andava peggiorasse la propria situazione invece di migliorare.

Un giorno un parente mi raccontò come anche lui aveva avuto i miei stessi problemi e che solo aggrappandosi a Dio era riuscito ad affrontarli.

Mi invitò a partecipare a un culto evangelico ma, al momento, non gli risposi.
Poi, una sera, dissi a mio marito che sentivo il desiderio di andare in quella Chiesa e da quella sera capitò altre volte. Ma il mio problema con l'alcol era sempre presente, e si aggravava fino al punto di ritrovarmi in un letto d'ospedale a causa di un coma etilico.
Dopo tre giorni mi risvegliai e nella stanza c'erano tante persone intorno a me.

All'improvviso sentii dentro di me come una voce che mi sussurrava di andare, era la stessa voce che avevo sentito mentre ero in coma,
dentro di me mi chiedevo da dove venisse questa voce e dove voleva che io andassi.

Dopo qualche tempo mi fu proposto di trascorrere un periodo in una comunità diversa dalle altre, una comunità evangelica.
Non so proprio come, ma accettai di fare il colloquio, anche se dentro di me mi dicevo che era tutto inutile.

Dopo 15 giorni entrai al Beser, il reparto femminile del Centro Kades.
Era il 10 maggio 2004.
Qui ho potuto conoscere il nome di quella voce che tempo prima mi aveva cercata e poi aveva fatto in modo che fossi lì: Gesù Cristo.

Quando qualcuno mi propose di dare il mio cuore al Signore e di chiederGli perdono, anche se ero incredula lo feci: una mattina mi chiusi nella mia cameretta, mi misi in ginocchio e chiesi perdono a Dio, poi Gli chiesi di entrare nella mia vita e di cambiarla.

Subito dopo aver pregato provai una pace e una gioia che non avevo mai sentito prima, e più che i giorni passavano, più mi sentivo di amare Dio che prima bestemmiavo.

Con il Suo aiuto non solo ho terminato il programma, ma ho potuto gustare altre gioie, fra cui quella di avere una figlia dopo 8 anni di matrimonio, cosa in cui ne io ne mio marito speravamo più.

Gesù mi ha fatto riconciliare con la mia famiglia e ha messo amore verso tutti coloro che prima odiavo, soprattutto mi ha dato la gioia di poter affrontare qualsiasi situazione.

Oggi mi ritengo una persona super-privilegiata perché ho trovato
un tesoro meraviglioso che per nessuna ragione sono disposta ad abbandonare. Dio vi benedica come ha fatto con me.

Se, come questa giovane, ti trovi in un momento di grande bisogno e stai cercando una via d'uscita da una situazione per te ormai insostenibile, telefona allo 0144.41222, ti risponderà un operatore del Centro Kades a cui potrai presentare le tue domande, esporre i tuoi dubbi, ascoltare come, anche per te, c'è un futuro e una speranza nei piani del Signore per la tua vita!

Qui l'opuscolo in pdf

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Il “problema droga” ha prodotto e stimolato lunghi dibattiti e conferenze; risolverlo definitivamente, in ogni suo aspetto, non è facile, in quanto presenta problematiche complesse, che investono trasversalmente diverse dimensioni della natura umana: da quella biologica, a quella storica, fino ad arrivare a quella spirituale.

  • Mi chiamo Stefania e ho 39 anni. Quando ero piccola mia mamma mi portava con sé agli incontri di una chiesa evangelica nella quale veniva predicata la Parola di Dio, si cantava, si pregava, ma mi sembrava che non fosse il luogo adatto a me. A 17 anni cominciai.a fumare spinelli, mi piaceva bere di tanto in tanto e credevo fossero questi i modi per sentirmi accettata da chi frequentavo in quel periodo.

  • Un documentario degli anni 80 di matrice evangelica. I tempi sono diversi, la moda, i legami, ma il contenuto di queste testimonianze restano anche oggi molto significative. Storie di droga (eroina) e di.. speranza.

     

  • Mi chiamo Francesco, ho 35 anni e sono di Roma. Da bambino ero timido, insicuro e poco socievole attitudini che, crescendo, sono diventate tra i miei più grandi problemi.
    A 15 anni lasciai la scuola per andare a lavorare nella azienda ortofrutticola di mio padre, ma senza di lui mi sembrava di non riuscire a fare quasi nulla, anche se poi in realtà me la cavavo abbastanza bene. Infatti mio padre cominciò a darmi sempre maggiori responsabilità. Ma io continuavo a sentirmi inferiore rispetto agli altri e

  • La mia felicità è un dono di Dio

    Ho iniziato a drogarmi durante l’adolescenza e, nel giro di dieci anni, mi sono trovato preso in quella tremenda spirale. Credevo di essere felice, ma non si trattava che di un piacere fugace che bisognava rinnovare continuamente. “Viaggi”, evasioni dalla realtà, cure di disintossicazione, ecco come si svolgeva la mia vita…

    E ciò mi costava caro!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri