Il parrucchiere delle celebrità ha perso tutto e viveva come un animale per le strade

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Come truccatore e truccatore coniato a Parigi, Danny Velasco guadagnava $ 3.000 al giorno facendo servizi fotografici su riviste patinate a New York per Vogue e altri, ma l'abitudine alla cocaina minacciava tutto ciò che era riuscito ad ottenere. "Una volta che inizi a fare un'overdose nei servizi fotografici, oltrepassi il limite e diventi un rischio assicurativo, e più o meno sono diventato nero nel settore", dice Danny in un video del Brooklyn Tabernacle.
"Non ero disposto a lasciar andare le droghe. Il mio intero mondo è crollato....."

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Mi chiamo Giorgio, ho 29 anni e sono di Alessandria. All'età di tredici anni sono entrato in contatto con i primi spinelli ignorando qualsiasi
    avvertimento di lasciare stare queste cose.

    Poco tempo dopo, una sera in discoteca mi presi un trip (LSD sostanza allucinogena) pensando di ravvivare la festa, ma in realtà fu uno sballo talmente forte che finito l'effetto dissi a me stesso che non
    ne avrei mai più fatto uso.

  • Il “problema droga” ha prodotto e stimolato lunghi dibattiti e conferenze; risolverlo definitivamente, in ogni suo aspetto, non è facile, in quanto presenta problematiche complesse, che investono trasversalmente diverse dimensioni della natura umana: da quella biologica, a quella storica, fino ad arrivare a quella spirituale.

  • Mi chiamo Francesca, ho 37 anni e sono della provincia di Caserta.
    Sono stata schiava dell'alcol per tanti anni, perché credevo di poter trovare nalla bottiglia la gioia e la forza di affrontare i problemi e le
    situazioni che mi circondavano.
    Ero convinta che la mia famiglia mi odiasse e che le non importasse niente di me; in particolare mio marito per il quale non ero più certa di
    nulla, non sapevo più se lo amavo oppure no.

  • Un documentario degli anni 80 di matrice evangelica. I tempi sono diversi, la moda, i legami, ma il contenuto di queste testimonianze restano anche oggi molto significative. Storie di droga (eroina) e di.. speranza.

     

  • Mi chiamo Stefania e ho 39 anni. Quando ero piccola mia mamma mi portava con sé agli incontri di una chiesa evangelica nella quale veniva predicata la Parola di Dio, si cantava, si pregava, ma mi sembrava che non fosse il luogo adatto a me. A 17 anni cominciai.a fumare spinelli, mi piaceva bere di tanto in tanto e credevo fossero questi i modi per sentirmi accettata da chi frequentavo in quel periodo.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri