L’acqua che Io gli darò, diventerà in lui una fonte...

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
L'immagine che il Signore ci pone davanti non è quella di un canale, ma di una fonte.
Se "ci facciamo riempire" del continuo, la dolcezza della relazione che abbiamo con Gesù, fluirà da noi con l'abbondanza con cui l'abbiamo ricevuta.
 
Se ti accorgi che la tua vita non fluisce da te come dovrebbe, la colpa è tua; c'è in te qualcosa che ha ostruito il flusso.
Mettiti a diretto contatto con la Sorgente e poi ... sarai tu a ricevere benedizioni personali?
No, perchè da te sgorgheranno fiumi d'acqua viva, di vita che non può essere repressa.
 
Dobbiamo essere dei centri nei quali Gesù fa affluire l'acqua della vita per farne poi sgorgare fiumi di benedizioni per gli altri
 
Alcuni di noi sono come il mar morto, che riceve sempre acqua e non ne rida mai, perchè non abbiamo la giusta relazione personale con il Signore Gesù.
Una cosa è certa: tutto quello che Gesù ci da ,ce lo da per farlo passare attraverso di noi e spargerlo fuori di noi; ma se quello che Egli ci da ,non può farlo fluire fuori di noi è indice di un cattivo funzionamento della nostra relazione con Lui.
 
C'è qualcosa che si è interposto fra te e Gesù Cristo?
Forse un' ostacolo alla tua fede in Lui?
 
Altrimenti ... dice Gesù, da te sgorgheranno fiumi d'acqua viva .
Non si tratta di trasmettere benedizioni ricevute in passato o un'esperienza ben definita, ma di un fiume che scorre in continuazione.
Rimani unito alla sorgente, proteggi bene la tua fede in Gesù Cristo e la tua relazione personale con Lui ... e uscirà da te un flusso continuo per gli altri, e non conoscerai aridità, ne acque stagnanti, ne morte.
Ti sembra forse esagerato dire che da un' individuo che crede sgorgheranno fiumi?
 
Forse obietti: "questi fiumi, io non li vedo?" Non guardare mai a te stesso per "chiederti: chi sono io?" nella storia dell'opera di Dio troverai quasi sempre che essa ha avuto inizio da persone oscure, sconosciute, che passavano inosservate, ma che erano fermamente fedeli a Cristo!

L'acqua che Io gli darò, diventerà in lui una fonte...

(Giovanni 4:14)

Tratto da: Impegno per l'Altissimo di Oswald Chambers

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri