Il ritratto del cristiano

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Vengono le difficoltà, tempeste di prove, ed egli può sfidare la tempesta dicendo: "Noi sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio" (Rom:8:28).

Se gli muoiono dei figli o il coniuge è condotto alla tomba, può ripetere: "L'Eterno ha dato, l'Eterno ha tolto; sia benedetto il nome dell'Eterno" (Giob. 1:21).

Quando la terra è improduttiva e il raccolto viene meno; il futuro della sua attività è dubbio e tutto sembra disastroso e magari cade in povertà, dirà ancora: "...il fico fiorirà, non ci sarà più frutto nelle vigne, il prodotto dell'ulivo fallirà, i campi non daran più cibo, i greggi verranno a mancare negli ovili, e non ci saran più buoi nelle stalle; ma io mi rallegrerò nell'Eterno, esulterò nell'Iddio della mia salvezza" (Abac. 3:17).

L'incontrerete poi su un letto, infermo, e anche lì vi dirà: "È stato un bene per me l'essere afflitto... Prima che io fossi afflitto, andavo errando, ma ora osservo la Tua parola" (Salmo 119:71,67).

Quando, alla fine, si avvicinerà alla valle buia dell'ombra della morte, lo sentirete mormorare: "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, non temerei male alcuno, perché Tu sei con me; il Tuo bastone e la Tua verga son quelli che mi consolano" (Salmo 23:4).

Ora vi chiedo, cos'è che rende quest'uomo calmo in mezzo alle difficoltà e ai travagli personali, non è forse lo Spirito di Dio? Oh voi che dubitate dell'influenza dello Spirito Santo, provate a vivere come essi vivono, e se potrete dimostrare la stessa calma, la stessa gioia serena, la stessa fiducia incontrollabile che tutte le cose cooperano al bene, allora potrete prendervi la libertà di fare a meno, ma non prima, dell'intervento dello Spirito Santo. L'esperienza nobile ed alta del cristiano in tempo di travaglio è un'evidenza della manifestazione dell'opera dello Spirito Santo.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Cristiano, cristianesimo. Parole molto usate. Ma cosa vuol dire essere cristiano?

    Far parte di una religione? Essere nato in uno Stato cristiano? Partecipare a rituali, etc?

  • Nel corso dei secoli gli uomini si sono fregiati di vari simboli per dimostrare che sono cristiani. Hanno portato distintivi all'occhiello, catenine al collo e persino adottato un particolare taglio di capelli. Ma c'è un segno di gran lunga migliore, un segno che non è stato ideato quale espediente da usarsi in particolari circostanze o in una data epoca. È un segno universale destinato a durare in tutti i tempi della
    chiesa, fino al ritorno di Gesù. Qual è questo segno?

  • Non molto tempo fa i cristiani di una lontana tribù avevano cominciato a profumarsi con un preparato fatto di palline di naftalina tritata e olio di palma. Il missionario che svolgeva il suo ministero fra quei credenti trovò quella pratica poco spirituale e mise all'entrata della cappella una
    persona con l'incarico di annusare tutti quelli che venivano per adorare; la minima traccia di quel profumo mondano era sufficiente per impedire lo accesso al tempio.

  • Ecco una descrizione di uno scriba romano in una lettera all’ imperatore: «I cristiani conoscono Dio ed hanno fede  in  Lui.  Perdonano  chi  li  opprime  e diventano  loro amici. Fanno del bene ai loro nemici. Le loro donne   sono pure e le loro figlie sono pudiche. I loro uomini non fanno matrimoni irregolari e si tirano indietro davanti a qualsiasi impurità. Si amano. Salvano gli orfani dai violenti. Non si rifiutano di aiutare le vedove. Accolgono uno straniero come un vero fratello e si rallegrano.

  • Il testo del nostro studio lo troviamo in Filippesi 3:20:
    “Quanto a noi, la nostra cittadinanza è nei cieli, da dove aspettiamo anche il Salvatore, Gesù Cristo, il Signore”.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta