Il perdono nella chiesa

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Ora avviene il giudizio di questo mondo; ora sarà cacciato fuori il principe di questo mondo; e io, quando sarò innalzato dalla terra, attirerò tutti a me" (Giovanni 12:31-32).

La Chiesa, nella sua natura intrinseca, è un evento di riconciliazione. Essa è nata dalla morte di Cristo che ci ha riconciliati (Colossesi 1:2), pertanto non ha altra ricchezza al di fuori di questo dono, infatti "mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita" (Romani 5:10).
 
La chiesa è una fraternità fondata su un corpo spezzato, schiacciato dal peso del peccato (Isaia 53: 4-7), una fratellanza, dunque, mai pacifica e scontata, ma sempre inquieta, smaniosa, insofferente e sul punto di rompersi. Allora, quella parola di riconciliazione che la chiesa annuncia, la rivolge prima a se stessa, perché solo se è riconciliata potrà annunciare la riconciliazione.

Da una parte non dovremmo meravigliarci delle nostre debolezze e di sbagli, di tensioni e contrasti; dall'altra, però, non possiamo non indignarci per una persistente litigiosità caratterizzata dal non perdono, dall'incapacità di dare all'altro il diritto di essere nella comunità e di interagire con essa nella sua diversità che lo caratterizza come persona unica e irripetibile.

Una litigiosità che diventa grave e pericolosa quando si cristallizza e divide, creando contrasti insanabili, o quando resta nascosta e non si scioglie, nella grazia di Dio, in confronto dialettico sereno, creativo e riconciliante.

Se a causa della nostra fragilità siamo capaci di dividerci, dobbiamo anche dimostrare d'essere capaci di unirci, di riconciliarci pur restando diversi nella stessa fede. Pertanto dovremmo avere il coraggio di incontrare l'altro nella sua originalità. Ciò implica la libertà di accettarlo nella sua diversità e nel suo limite, senza tralasciare la verità. La riconciliazione deve avvenire nella verità, diversamente si bara o non si ha il coraggio di affrontare alla radice il problema.

La riconciliazione nella chiesa non è solo mettere un velo sul passato, mediante il reciproco perdono, ma un modo nuovo di andare assieme verso il futuro, di cercare assieme la verità all'ombra delle croce e alla luce del risorto, avendo quella consapevolezza affettiva che "tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano il Signore" (Romani 8:28).

"Via da voi ogni amarezza, ogni cruccio e ira e clamore e parola offensiva con ogni sorta di cattiveria! Siate invece benevoli e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonandovi a vicenda come anche Dio vi ha perdonati in Cristo" (Efesi 4:31-32).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • "In questa chiesa non c'è amore!" dice Giorgio. E se ne va dalla chiesa sbattendo la porta. Qual è stato il meccanismo subdolo che lo ha portato a pronunciare una simile frase? Come si è avviato il processo che lo fa allontanare dalla chiesa?
    Chi esce sbattendo la porta è, certamente, qualcuno che prima vi è entrato. Ha iniziato con sincero entusiasmo, cercando di rendersi utile. A volte, gli sono stati affidati degli incarichi più o meno importanti. Altre volte si è rilassato felicemente, godendo la bellezza di amicizie sincere.

  • Spesso mi trovo a cercar di chiarire nella mia mente, e ai miei possibili interlocutori, il concetto di Chiesa, il concetto biblico, scritturale di essa.

    Spessissimo, infatti, si identifica, a volte anche nell'ambiente evangelico, la propria adunanza, la propria denominazione, la propria chiesa, come la Chiesa di Dio (in senso universale e assoluto).

  • Chi perdona confonde gli equilibri della terra in cui vive.
    Anzi, se perdonare qualcuno non confonde l'universo stesso, non lo si può chiamare veramente perdono.
    Purtroppo quello che si offre di solito non è perdono. Assomiglia piuttosto ad una marmellata insipida di buonismo. È l'ennesima forma di codardia immorale e prevedibile che spesso vive del ricatto dei propri sensi di colpa. O peggio, spesso è un'imposizione religiosa che aggiunge al torto subito anche un'ingiuria crudele.

  • ,

    Spesso le persone non sono attirate dalla chiesa oppure si allontanano da essa perché scoraggiate dall'esempio negativo dei suoi membri, in altre parole: perché sono scandalizzate!

    Questo fenomeno è ancora più triste, quando vittime degli scandali sono figli o familiari di persone già credenti. Ci siamo mai chiesti seriamente qual è il comportamento che il Signore vuole da noi per non essere provocatori di scandali?

    Introduzione

  • Ritrovare lo spirito della chiesa primitiva  nel XXI secolo
    Relatore: Dr Darrell ROBINSON

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri