Una tegola rotta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Veniva gente da ogni parte del mondo per ammirare i meravigliosi affreschi di una grande cattedrale.
Un poco più su, sul tetto, per riparare i magnifici affreschi, vi erano tante tegole ben allineate. Ma un bel giorno una
di esse presa dallo sconforto e dallo scoraggiamento (perché nessuno si prendeva pena di considerare il suo utile servizio),
a poco a poco si lasciò cadere giù e si ruppe in mille pezzi.
E quando arrivò la stagione delle piogge l'acqua cominciò a filtrare facilmente, e in breve tempo danneggiò irreparabilmente i meravigliosi affreschi.
 
Allora subito si cominciò ad indagare sul grave fatto accaduto, e dietro alla grande cattedrale furono trovati i cocci della triste tegola.
 
Giornali e telegiornali annunziarono febbrilmente il fatto, e tutti si accorsero finalmente dell'utilità e dell'importanza di quella piccola e triste tegola.
 
"...le membra del corpo che sembrano essere più deboli, sono invece necessarie... Dio ha formato il corpo in modo da dare maggior onore alla parte che ne mancava,
perché non ci fosse divisione nel corpo, ma le membra avessero la medesima cura le une per le altre.
 
Se un membro soffre, tutte le membra soffrono con lui; se un membro è onorato, tutte le membra ne gioiscano con lui.
Che ognuno si consideri servitore di Cristo, poiché quel che si richiede da noi è che ciascuno sia trovato fedele...
Ogni membro è speciale ed importante per il medesimo prezioso sangue e fuggendo dallo scoraggiamento cercheremo con desiderio
fino al ritorno di Gesù quel che importa veramente, e cioè, che ciascuno avrà la sua lode da Dio" (1 Corinzi 12; 4:1/5).
 
Dalla parabola alle Sacre Scritture

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri