I soli, consoli

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

AI SOLI --- un pensiero passeggero ---
"Buon natale", "auguri", "buon natale"
Sms, messaggini, FB, telefonate, bacetti.

Gesù non è li, resta fuori la porta. Il festeggiato è fuori la porta, la porta del cuore. Quale dolore, che ipocrisia.

Sorrisi, spumante, carte, tobola, il corpo un passo più vicino alla tomba, e l'anima un passo più vicino all'inferno, realtà spirituali più vere di noi ma dimenticate perse nei ricordi ancestrali a motivo del nemico  e delle sue illusioni, affascinanti e bestiali.

"Auguri buon natale",
poi pensieri immorali, ruberie, omicidi, ladrocini e messa.

Signore sorreggi, oggi, quanti saranno soli, ad un passo dal gesto fatale, dimenticati, persi, assordati, stanchi, vecchi.

Manda un angelo stanotte a bussare al loro cuore, così come mandasti quegli angeli ad annunciare la nascita del Salvatore a 4 pastori puzzolenti, ultimi, dimenticati, eppure i soli invitati! (Luca 2).

Regala ai bambini, così addestrati a cosumare e a consumarsi oggi più che mai, quello che essi stessi non osano neanche chiedere, ma sognano!

Buon natale a quanti, oggi, pur tra sorrisi e bacetti, sono soli.
Il Signore, Il Signore, ci consoli.

alx

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di giovanni89

il natale, o meglio Gesù nasce ogni giorno nei cuori di coloro che lo accettano come personale salvatore. Gloria a Dio, che l'umanità possa conoscere la vera gioia che si prova a sperimentare l'amore del Signore nella propria vita.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri