I falsi dei dell'Antico Testamento

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

I falsi dei dell'Antico Testamento

1. Gli idoli di Rachele (Ge 31: 19)
2. Il vitello d'oro al Sinai (Es 32)
3. Nanna, dio-luna di Ur, adorato da Abraamo prima della salvezza (Gs 24: 2)
4. Ascera, o Astarot, dea di Tiro, signora del mare (Gc 6:25-32)
5. Dagon, dio filisteo dell'agricoltura e del mare, padre di Baal (Gc 16:23-30; 1S5:1-7)
6. Astarte, dea cananea, consorte di Baal (1 S 7:3-4)
7. Moloc (Milcom), dio degli Ammoniti, la divinità più terribile della Scrittura (1 R 11: 7; 2 Cr 28:4; 33: 6)
8. I due vitelli d'oro fatti costruire dal re Geroboamo e posti nei santuari di Dan e Bete! (1 R 12:28-31)
9. Baal, principale divinità di Canaan (1R18:17-40; 2 R 10:27; 11:18)
10. Rimmon, dio siriano del lebbroso Naaman (2R5:15-19)
11. Nisroc, dio assiro di Sennacherib (2 R 19:37)
12. Nebo, dio babilonese della sapienza e della letteratura (ls 46: 1)
13. Merodac, detto anche Marduk, principale divinità del pantheon babilonese (Gr 50:2)
14. Tammuz, marito e fratello di lshtar (Ascera), dea della fertilità (Ez 8: 14)
15. La statua d'oro nella pianura di Dura (Da 3)

----------------

Ed oggi? Quali sono i tuoi idoli?

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Un breve documentario, sereno equilibrato, scritturale, nella quale si pongono interrogativi in merito alle apparizioni mariane.
    Certamente da vedere.

    Fonte: www.paroladidio.com

  • Giovanni aveva realizzato un cane di marmo, bello, quasi realistico per forma e colori. Lo aveva posto a guardia della sua casa....
    Continua qui

     

  • La Bibbia ci avvisa. Nel cuore dell'Uomo vi è un bisogno di toccare, vedere ed affidarsi a qualcosa di tangibile ai suoi sensi e quindi ha spesso creato, in un misto tra scaramanzia e feticismo, quantità innumerevoli di idoli. Tali pratiche idolatriche, antiche come l'Umanità, sono state acquisite ed hanno inquinato, nel corso del tempo, anche il cristianesimo, la Bibbia ci ricorda i pericolo di tali pratiche e ci aiuta ad individuare gli errori da correggere. Molti monito esistono contro le sculture idolatriche che, di fatto, distolgono l'attenzione dal Creatore alla creatura.

  • L`adorazione alle immagini e` molto comune a molte religioni. Cosi è  anche nella pratica cattolica, vediamo cosa dice la catechesi cattolica al riguardo  "Dato che il culto reso ad`un immagine  va alla persona che ne` e` rappresentata e ricade su di essa, lo stesso tipo di culto che aspetta alla persona puo` essere reso all`immagine che la rappresenta.

    (New Catholic Encyclopedia,1967. Vol. 7, pag.372 ).

    Insegnamento biblico? Assolutamente no!

    Apriamo la Bibbia.

  • Il Signore vietà l'uso di statue che possono rappresentare cose sacre perchè conosce la propensione dell'uomo ad affezionarsi a ciò che vede ed è tangibile. Il rischio era, ed è, che l'oggetto diventi oggetto di culto, venerato ed adorato, un idolo. Non è cosa buona

    Salmi 115:3 Il nostro Dio è nei cieli; egli fa tutto ciò che gli piace.

    Salmi 115:4 I loro idoli sono argento e oro, opera delle mani dell'uomo.

    Salmi 115:5 Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono,

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri