Ecclesiaste - Note

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
  • Autore: Salomone.
  • Data di comp.: X sec. a.C.
  • Parola chiave: vanità.
  • Messaggio centrale: lontano da Dio, la vita è piena di fatica e di delusioni.
  • Termini e frasi caratteristici
    - sapienza
    - vanità
    - stoltezza
    - follia
    - “sotto il sole”
    - “correre dietro al vento”
    - “sulla terra”
    - “sotto il cielo”, ...

Note varie:

  1. Il termine ebraico per vanità (hevel) significa anche “idolo”.
  2. Ecclesiaste è il risultato di Genesi 3.
  3. Anche l’apostolo Paolo afferma che tutto è vanità, anzi peggio, danno, spazzatura, di fronte all’eccellenza della conoscenza di Gesù Cristo.
  4. Il titolo ebraico è qohelet che significa “predicatore, insegnante”.

Precisazioni:

Ecclesiaste 3:21
Chi sa se lo spirito (il soffio) dell’uomo sale in alto e se lo spirito (il soffio) della bestia scende in basso nella terra?
I due “se” nell’originale non ci sono. Nel testo ebraico non c’è incertezza.
La traduzione corretta è:
Chi conosce lo spirito dell’uomo che va in alto e lo spirito della bestia che va in basso, nella terra?
Questo versetto è in armonia con Ecclesiaste 12:9:
... prima che la polvere torni alla terra com’era prima e lo spirito torni a Dio che l’ha dato (per restare con Lui o per il giudizio).

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri