Di che droga sei?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Decisamente, io sono troppo vecchia per questo pianeta! Quando per strada vedo uno che parla da solo penso che sia matto. Poi vedo che ha gli auricolari e capisco che sta parlando con qualcuno. Magari in Australia.

Dovunque vado, su dieci pesone, ce ne sono almeno sette che parlano al telefonino o stanno ricevendo dei messaggi. Ma che si dovranno mai dire?

In auto se non c’è la radio accesa non vai da nessuna parte. A casa, la TV è sempre in funzione. Coi parenti in Corea si parla con Skype. I bambini sono sempre attaccati ai loro videogiochi e sanno usare il computer meglio dei loro genitori.

Se tutto non si sa, non si vede e non si sente in tempo reale, sembra che caschi il mondo.

La droga del “tutto e subito” ha preso un po’ tutti. Lo sapevate che a Roma, in un ospedale, hanno aperto un reparto per dipendenti da computer e telefonini?

Nella METRO, l’altro giorno, ho visto una ragazza che mi ha fatto una gran tristezza. Mi pareva uno zombie con auricolari e telefonino in mano. Guardava nel vuoto come se non vedesse nessuno, mentre stava in piedi, in fondo al vagone, e si dondolava come un orso nella gabbia di uno zoo. Evidentemente stava ascoltando musica ad alto volume. Era drogata? Forse. Certo era drogata di musica.

Ogni cosa, quando è usata all’eccesso, diventa una droga. Fumo, alcol, cibo, lavoro, sesso, musica, internet, cose buone e cose nocive: tutto può diventare una droga.

Ma perché faccio tutta questa tirata? Perché la Bibbia dice di aggiungere alla fede, alla virtù e alla conoscenza anche l’autocontrollo. È un ordine preciso di Dio.

L’autocontrollo è la risposta equilibrata alle sollecitazioni di ogni tipo, buone o cattive che siano, che ci vengono dall’esterno.

La mia reazione a una scortesia può essere una frase piena di irritazione oppure no. Dipende dal mio desiderio di attaccare briga oppure di lasciar perdere.

Davanti a una coppa di gelato con panna e cialdoni, dopo un pranzo più che abbondante, la mia reazione può essere “mi-piace-troppo-e-perciò-la-mangio-anche-se-poi-vomito” oppure “no grazie, un’altra volta!”.

Ai credenti di Corinto, che litigavano fra loro, e erano addirittura pronti a andare in tribunale per farsi le loro ragioni, l’Apostolo Paolo dice: “Perché non patite piuttosto qualche torto? Perché non patite piuttosto qalche danno? Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio?”. L’autocontrollo poteva aiutarli a cambiare.

La Parola di Dio dice che “Dio ci ha dato uno spirito non di timidezza, ma di amore, di forza e di autocontrollo”. Dio ci fornisce tutto quello di cui abbiamo bisogno per autocontrollarci. L’importante è imparare a attingere la forza e la volontà di fare la cosa giusta alla fonte giusta.

La Bibbia è chiara: “Chi è lento all’ira vale più del prode guerriero; chi ha autocontrollo vale più di chi espugna città” (Proverbi 16:32). “Chi non ha autocontrollo è una città smantellata, priva di mura” (Proverbi 25:28). “È una gloria per l’uomo astenersi dalle contese, ma chiunque è insensato mostra i denti” (Proverbi 20:3).

“Se uno ti percuote sulla guancia destra, porgigli anche l’altra... a chi vuole litigare con te e prenderti la tunica, lasciagli anche il mantello...Se uno ti constringe a fare un miglio, fanne con lui due...” (Gesù). Questo sì che è autocontrollo!
 
 
Fonte: Facebook

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri