Devo ascoltare?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"E disse a Mosè: Parla tu con noi e noi ti ascolteremo; ma non ci parli Iddio, che non abbiamo a morire". (Esodo 20:19)

La nostra disubbidienza a Dio non è propriamente voluta; deriva semplicemente da una mancanza di attenzione a ciò che Egli dice.
Dio ci ha dato i Suoi comandamenti; noi li abbiamo lì, davanti a noi.
Ma non ce ne curiamo, e ciò non per aver precisamente scelto di disubbidire, ma per un'assenza di amore e di rispetto nei suoi riguardi.
"Se voi Mi amate, osserverete i Miei comandamenti"
Viene però il momento in cui ci rendiamo conto di quello che abbiamo fatto: abbiamo continuamente "mancato di rispetto" a Dio; e allora, che vergogna e che umiliazione per questa così imperdonabile noncuranza!
 
"Parla tu con noi... ma non ci parli Iddio"
Preferite di ascoltare i servitori di Dio piuttosto che ascoltare Lui è la dimostrazione di quanto poco Lo amiamo.
La testimonianze personali degli altri ci piacciono, ma non ci piace che Dio ci interpelli direttamente. Abbiamo paura che Dio ci parli; ma perchè?
 
Perchè sappiamo bene che quando Dio parla, due sole vie ci sono aperte: o fare ciò che ci dice, o dirgli chiaramente che non vogliamo ubbidire.

Se invece quella che ascoltiamo è solo la voce di un Suo servitore, dopo tutto possiamo anche non considerarla imperativa, e sentirci liberi di dire: "Alla fin fine questa potrebbe essere una tua idea personale, pur non escludendo che possa trattarsi della verità di Dio".
Sto forse umiliando Dio facendomi trattare da Lui come un figlio e, da parte mia, ripagandoLo con una indifferenza continuata?
Ma quando poi udirò la Sua voce, l'umiliazione che Gli ho inflitto ricadrà su me:"Signore, come ho potuto essere così sordo e ostinato?"
E' sempre questo ciò che avviene quando finalmente Lo udiamo.
UdirLo è una grande gioia, che però è grandemente attenuata dalla vergogna di aver lasciato passare così tanto tempo prima di ascoltarLo.
 
Tratto dal libro: "L'impegno per l'Altissimo" di Oswald Chambers edizioni GBU  

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Nella vecchia sala evangelica in Via Campo Bruno (Borgata Finocchio) il fratello Californiano Alan Scott illustra quali sono i conflitti interiori che sorgono nella mente del credente. Con l'aiuto della Bibbia scopriamo come risolverli.
    Alcuni dei temi affrontati:

  • Sia dunque che mangiate, sia che beviate, sia che facciate alcun'altra cosa, fate tutte le cose alla gloria di Dio. Non date motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla chiesa di Dio; come io stesso mi sforzo di essere gradito a tutti in ogni cosa, non cercando il mio proprio vantaggio ma quello di molti, affinché siano salvati. - 1° Corinzi

  • Dio ha determinato di portare a termine i Suoi obiettivi sulla terra attraverso uomini che hanno delle debolezze. Isaia, il grande guerriero della preghiera, fu un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni - proprio come tutti noi - misero e debole.
     
    Davide, l'uomo che Dio aveva nel cuore, fu un assassino adultero che non aveva nessun diritto morale ad avere alcuna benedizione da parte di Dio.
  • Un richiamo forte alla coerenza della fede come via per comunicare l'evangelo. Giuseppe RIZZA alla conferenza "Comunciare Gesù" 2009.

    Qui il video

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri