Abbiamo la mente di Cristo?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Questa immagine mi ricorda l'amore di Dio. Quante volte nello sconforto e nella tristezza, spesso causa di personali scelte sbagliate, Dio si lascia trovare.
Ed è all'ora, nel vivere queste esperienze, si può riuscire, al di la delle logiche di questo mondo e del nostro stesso "benessere" allungare una mano per consolare.

a volte anche per perdonare.... se siamo in Cristo abbiamo la mente di Cristo (1 Corinzi 2:16)... come discepoli di cristo è l'unico mezzo per non venir marchiati sulla fronte (cioè nei pensieri) da altri simboli... (apocalisse 13:16) restiamo con Gesù.. torniamo alle radici

Gesù è quello di cui abbiamo bisogno noi e chi sta intorno a noi, il resto è già polvere. Predichiamo la persona di Gesù, parlando e agendo come lui fece, o almeno provandoci.
Cioè agiamo come se Lui tornando in questo istante potesse trovare nei nostri cuori quelle caratteristiche di uomini trasformati, consolati e perdonati.. che hanno lo sguardo alle cose Eterne e che sanno consolare e perdonare.

Scopri quali sono i reali tuoi 3 bisogni


19 Tu conosci la mia vergogna, il mio disonore e la mia infamia;
davanti a te sono tutti i miei nemici.
20 L'oltraggio m'ha spezzato il cuore e sono tutto dolente;
ho aspettato chi mi confortasse,
ma invano;
ho atteso dei consolatori, ma non ne ho trovati.

 

Salmo 69

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Romani 9 - Le promesse che Dio ha fatto a noi sono sicure? - L'apostolo Paolo spiega nei primi 8 capitoli di questa lettera il vangelo. Prima di passare alla parte pratica di come vivere il vangelo,  spiega in 3 capitoli questa problematica che si erano posti i suoi contemporanei ebrei.

  • Open Arms, gli evangelici scrivono a Conte e Salvini
    Con una lettera al Premier Giuseppe Conte e al ministro Matteo Salvini, pubblicata dall’agenzia Nev.it il presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI), pastore Luca Maria Negro, e il moderatore della Tavola valdese, pastore Eugenio Bernardini, hanno espresso la disponibilità ad accogliere i profughi soccorsi dalla nave Open Arms lo scorso 2 agosto.

  • "4 virili "risorse" italiane salviniane massacrano senza pietà gracile ragazzo di colore, colpevole di aver tentato di sedare una rissa, uccidendolo con pugni e calci al volto, fino all'ultimo respiro". Questo potrebbe essere l'efficace titolo per attirare attenzione e, per certi versi anche con delle giuste ragioni, di una qualsiasi testata giornalistica antagonista di un certo pensiero politico ricorrente negli ultimi anni.

  • "Accogliamo noi i migranti. È un dovere civile di ogni democrazia". E' l'appello lanciato dalle chiese evangeliche che si dicono pronte ad accogliere i migranti all'interno della Sea Watch 3. Le chiese protestanti tendono la mano ai migranti. "Mettiamo a disposizione le nostre strutture di accoglienza in Italia e le relazioni con le chiese sorelle d'Europa per approntare un piano di ricollocazione in Europa di una quota dei migranti soccorsi dalla Sea Watch". Lo dice il pastore Luca M.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri