1916 - In una trincea a Verdun

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Ecco, è per la mia pace che io ho avuto grande amarezza; ma tu, nel tuo amore, mi hai liberato dalla fossa della decomposizione, perché ti sei gettato dietro alle spalle tutti i miei peccati...
Il SIGNORE mi salva! (Isaia 38:17, 20)

Era perduto ed è stato ritrovato. (Luca 15:32)

Sebbene allevato da genitori cristiani, il giovane Wilhelm Busch non dimostrava alcun interesse per le cose spirituali. Durante la prima guerra mondiale (1914-1918) fu inviato al fronte dove partecipò ai terribili combattimenti di Verdun. La morte lo sfiorava ogni giorno, ma la sua coscienza restava insensibile agli appelli che Dio gli rivolgeva.

Un giorno, seduto in trincea con un suo compagno, stava raccontando una barzelletta quando all'improvviso il frammento di una granata colpì al cuore il suo amico. Il giovane cadde morto.

Mi vedo ancora nella trincea - racconta Wilhelm - davanti al corpo esamine del mio amico. Dicevo a me stesso: Ora lui è davanti a Dio. Se fossi stato seduto al suo posto, ora ci sarei io davanti a Dio.
Giunsi le mani come facevo da bambino e balbettai: Signore, non permettere che io cada nel combattimento prima di avere la certezza di non andare all'inferno".

Qualche giorno dopo, solo, all'interno di una casa in rovina, Wilhelm leggeva il Nuovo Testamento. Si mise in ginocchio e pregò: " Sono un peccatore. Non posso prometterti nulla, ma non vorrei andare all'inferno. Signore Gesù, io credo in te e so che solo grazie al tuo sacrificio posso avere la pace con Dio...". Da quel momento non aveva più paura; aveva trovato il Salvatore e aveva imparato a conoscerlo.

Finita la guerra, si mise al servizio del suo Maestro per annunciare la buona notizia della salvezza a coloro che erano ancora lontani da Lui.


IL BUON SEME
9 6 11

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Documento storico del 06 Gennaio 1950 Battesimi Cristiani dalla chiesa Cristiana Evangelica dei "Fratelli"


  • gioia_signore
  • Il racconto della passione di Gesù trova la sua narrazione nei Vangeli. I quattro vangeli affermano univocamente che Gesù morì crocifisso, e che le sue opere e la sua predicazione furono il movente per la sua condanna.

  • Caro Alex, grazie per la tua disponibilità. In effetti ritengo il tuo sito, oltre che interessante anche abbastanza ricco. E ritengo che la rete internet, per quanto pericolosa per certi versi, perchè ricicla e globalizza tante falsità, anche "spirituali", d'altro canto è una grande opportunità per l'evangelo.

    E se è vero che Obama ha vinto le elezioni americane grazie a questo, speriamo di poter vincere anche qualche anima a Cristo tramite questo mezzo.

  • Ho dato la mia testimonianza in tante altre occasioni, sia a voce che scritta, di come DIO abbia trasformato la mia vita ed ancora desidero glorificare il mio Salvatore per il Suo amore, e son certo che quanti la leggeranno sapranno comprendere quanto grande sia la Grazia della Sua Parola, che può spezzare ogni catena ed ogni cuore indurito, come ha fatto con il mio.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri